Amputazione / rimozione delle dita delle mani e dei piedi: indicazioni, conduzione, conseguenze

La maggior parte di noi ha difficoltà a immaginare la soluzione dei normali compiti domestici e dell'attività professionale senza dita. Sulle gambe, sono necessari per il supporto e la corretta deambulazione, le abilità motorie sulle mani consentono non solo di eseguire le necessarie abilità di self-service, ma anche di scrivere.

Sfortunatamente, ci sono situazioni nella vita in cui i piedi e le mani subiscono cambiamenti irreversibili, in cui tutti i metodi di trattamento conservanti l'organo non possono garantire la conservazione dei tessuti, pertanto è necessario amputare un dito.

Amputazioni dovute a traumi e risultati insoddisfacenti persistenti vengono eseguite solo in quei casi in cui le possibilità di un trattamento più benigno sono esaurite o non è fattibile a causa dell'estensione della lesione. In altre parole, tale operazione verrà eseguita quando la manutenzione di un dito è semplicemente impossibile:

  • Lesioni traumatiche, impronte digitali, grave schiacciamento dei tessuti molli;
  • Gravi ustioni e congelamento;
  • Necrosi delle dita dovuta a disturbi vascolari (diabete mellito, principalmente trombosi ed embolia vascolare delle mani e dei piedi);
  • Complicazioni acute infettive di lesioni - sepsi, ascesso, gangrena anaerobico;
  • Ulcere trofiche, osteomielite cronica delle ossa delle dita;
  • Tumori maligni;
  • Difetti congeniti dell'apparato osteoarticolare delle dita, compresa l'amputazione delle dita dei piedi per trapiantarli nel braccio.

Dopo aver rimosso le dita delle mani e dei piedi, il paziente diventa disabile, la sua vita cambia in modo significativo, quindi la necessità di un tale intervento viene decisa da un consiglio di medici. Certamente, i chirurghi fino all'ultimo cercheranno di usare tutti i modi disponibili per salvare le dita delle mani e dei piedi.

Se il trattamento è necessario per motivi di salute, il consenso del paziente non è necessario. Succede che il paziente non è d'accordo con l'operazione e non ci sono indicazioni assolute per lei, ma lasciare il dito del paziente può causare gravi complicazioni, inclusa la morte, così i medici cercano di spiegare al paziente e ai suoi familiari la necessità di rimuovere le dita e ottenere il consenso il più presto possibile.

Prima dell'operazione, il medico racconta al paziente in dettaglio la sua essenza e sceglie anche l'opzione protesica più ottimale, se necessario, o la plastica, in modo che il risultato cosmetico sia più vantaggioso.

Controindicazioni all'amputazione di un dito o di un dito, infatti, no. Ovviamente, non sarà eseguito nello stato agonale del paziente, ma il passaggio alla necrosi alle parti soprastanti degli arti o ad alto rischio di complicazioni quando viene rimosso un solo dito può diventare un ostacolo all'operazione. In questi casi, l'amputazione delle dita è controindicata, ma è necessaria un'operazione di grande volume: rimozione di una parte del piede, amputazione della gamba a livello di articolazioni grandi, ecc.

Preparazione per la chirurgia

La preparazione per la chirurgia dipende dalle indicazioni per la sua attuazione e dalle condizioni del paziente. Con interventi programmati, è prevista una solita lista di test e studi (sangue, urina, fluorografia, ECG, test HIV, sifilide, epatite, coagulogramma), e per chiarire la natura della lesione e il livello atteso di amputazione, viene effettuata una radiografia delle mani e dei piedi, una ecografia, determinazione dell'adeguatezza del lavoro sistema vascolare.

Se vi è la necessità di un'operazione urgente, e la gravità della condizione è determinata dalla presenza di infiammazione, complicazioni infettive e necrosi, allora alla preparazione verranno prescritti agenti antibatterici, terapia infusionale per ridurre i sintomi di intossicazione.

In tutti i casi, quando si pianifica un intervento chirurgico sulle mani e sui piedi, gli agenti fluidificanti del sangue (aspirina, warfarin) vengono cancellati ed è necessario avvertire il medico curante circa l'assunzione di droghe da altri gruppi.

L'anestesia per l'amputazione delle dita è più spesso locale, che è più sicura, specialmente nel caso di una grave condizione del paziente, ma piuttosto efficace, perché il dolore non si farà sentire.

Nel processo di preparazione per l'amputazione o l'estrapolazione delle dita del paziente, avvertono del suo risultato, forse è necessaria una consultazione da parte di uno psicologo o uno psicoterapeuta, che può aiutare a ridurre l'ansia preoperatoria e prevenire la depressione grave dopo il trattamento.

Amputazione delle dita

L'indicazione principale per l'amputazione delle dita è un trauma con separazione completa o parziale. Con la separazione del compito del chirurgo è quello di chiudere il difetto della pelle e prevenire la formazione di una cicatrice. Nel caso di una forte cotta di tessuti molli con la loro infezione, potrebbero non esserci opportunità per ripristinare un adeguato flusso sanguigno, e quindi l'amputazione è l'unico trattamento. Viene anche effettuato alla morte di tessuti molli e di elementi delle articolazioni del dito.

Se nel corso della lesione si sono verificate diverse fratture, i frammenti ossei si sono spostati e il trattamento di conservazione dell'organo risultante sarebbe un dito fisso e intrecciato, quindi è necessario anche un intervento chirurgico. In questi casi, la mancanza di un dito è molto meno fastidiosa quando si utilizza il pennello rispetto alla sua presenza. Questa lettura non si applica al pollice.

Un altro motivo per l'amputazione delle dita può essere un danno ai tendini e alle articolazioni, in cui la conservazione del dito è irta della sua completa immobilità, interrompendo il lavoro delle altre dita e del pennello nel suo complesso.

distribuzione di amputazioni di dita e mani per prevalenza

La scelta dell'altezza dell'amputazione dipende dal livello del danno. Prende sempre in considerazione il fatto che un moncone fisso o deformato, una cicatrice densa interferisce in modo significativo con il lavoro della mano, piuttosto che l'assenza dell'intero dito o della sua falange separata. Quando l'amputazione delle falangi delle dita lunghe, l'operazione è spesso troppo delicata.

Quando si forma un moncone, è importante garantire la sua mobilità e indolenzimento, la pelle alla fine del moncone deve essere mobile e non causare dolore, e il moncone stesso non deve essere ispessito a bulbo. Se non è tecnicamente possibile ricreare un tale moncone, allora il livello di amputazione può essere superiore al margine di danneggiamento del dito.

Durante le operazioni sulle dita, la posizione della lesione, la professione del paziente e la sua età sono importanti, quindi ci sono un certo numero di sfumature che i chirurghi conoscono e tengono sempre in considerazione:

  1. Durante l'amputazione del pollice, cercano di mantenere il ceppo il più grande possibile lungo la lunghezza, sull'anello e sul medio restano anche brevi monconi per stabilizzare l'intera mano durante i movimenti;
  2. L'incapacità di lasciare la lunghezza ottimale di un moncone di dito richiede la sua completa rimozione;
  3. È importante preservare l'integrità delle teste delle ossa metacarpali e della pelle tra le dita;
  4. Il mignolo e il pollice cercano di mantenere il più possibile intero, altrimenti è possibile una violazione della funzione di supporto del pennello;
  5. La necessità di amputazione di più dita contemporaneamente richiede la chirurgia plastica;
  6. Con una grave contaminazione della ferita, il rischio di lesioni infettive e operazioni di gangrena, plastica e sparing può essere pericoloso, quindi viene eseguita un'amputazione completa;
  7. La professione del paziente influisce sul livello di amputazione (nelle persone di lavoro mentale e in coloro che lavorano bene con le mani, è importante avere plastica e massima conservazione della lunghezza delle dita, per coloro che sono impegnati nel lavoro fisico, l'amputazione può essere eseguita il più presto possibile);
  8. Il risultato estetico è importante per tutti i pazienti e in alcune categorie di pazienti (donne, persone di professione pubblica) diventa cruciale quando si pianifica il tipo di intervento.

La disarticolazione è la rimozione di frammenti o l'intero dito a livello articolare. Per l'anestesia, l'anestetico viene iniettato nei tessuti molli dell'articolazione corrispondente o nella base del dito, quindi le dita sane vengono piegate e protette, e l'operato si piega il più possibile e viene praticata un'incisione cutanea sul lato posteriore dell'articolazione. Quando la falange dell'unghia viene rimossa, l'incisione va a 2 mm dal lato della punta del dito, quella centrale - di 4 mm e l'intero dito - di 8 mm.

Dopo la dissezione del tessuto molle, i legamenti delle superfici laterali si intersecano, il bisturi cade all'interno dell'articolazione, la falange, che deve essere rimossa, viene tagliata nell'incisione, gli altri tessuti si intersecano con un bisturi. Dopo l'amputazione, la ferita è coperta da innesti cutanei tagliati dalla superficie palmare e le cuciture sono necessariamente posizionate sul lato non funzionante, sul retro.

Il massimo risparmio di tessuti, la formazione di un lembo dalla pelle della superficie palmare e la posizione della sutura su quella esterna sono i principi di base di tutti i metodi di amputazione delle falangi delle dita.

In caso di lesioni, può verificarsi un distacco completo di un dito e un dito parziale quando rimane un lembo di tessuto molle associato a un pennello. A volte i pazienti portano con sé dita mozzate nella speranza del loro attecchimento. In tali situazioni, il chirurgo procede dalle caratteristiche della ferita, dal grado di contaminazione e infezione, dalla vitalità dei frammenti distaccati.

Con un'amputazione traumatica, si può attaccare un dito perso, ma solo da uno specialista con buone tecniche di unione di vasi e nervi. È più probabile che il successo ripristini l'integrità di un dito che ha mantenuto almeno una qualche connessione con la mano, e con una completa separazione, il reimpianto viene eseguito solo quando non c'è schiacciamento del tessuto e è possibile una corretta guarigione.

Le operazioni ricostruttive sulle dita sono estremamente complesse, richiedono l'uso di tecniche microchirurgiche e attrezzature appropriate, richiedono fino a 4-6 ore. Il lavoro del chirurgo è estremamente laborioso e attento, ma il successo non è ancora assoluto. In alcuni casi, sono necessari innesti cutanei, ripetuti interventi ricostruttivi.

La riabilitazione dopo la rimozione delle dita o delle loro falangi include non solo la cura della ferita della pelle, ma anche il ripristino precoce delle abilità di auto-cura con l'aiuto delle mani e delle manipolazioni associate alla professione. Nel periodo postoperatorio, vengono stabilite procedure fisioterapiche ed esercizi per assicurare che il paziente impari come usare un moncone o un dito reimpiantato.

Per facilitare il processo di recupero, vengono mostrati analgesici, riposo a letto, il braccio si trova principalmente in una posizione elevata. Con un forte stress postoperatorio, la propensione alla depressione prescrive tranquillanti, sonniferi, è consigliabile lavorare con uno psicologo o uno psicoterapeuta.

Amputazione delle dita dei piedi

A differenza delle dita, che sono più spesso soggette a lesioni traumatiche che portano al chirurgo sul tavolo, il piede e le dita devono essere operati in una serie di malattie - diabete mellito, endarterite, aterosclerosi con gangrena distale.

L'amputazione del dito del piede a causa di diabete mellito è effettuata abbastanza spesso in reparti chirurgici generali. La violazione del trofismo porta a grave ischemia, ulcere trofiche e, in definitiva, a cancrena (necrosi). È impossibile salvare un dito e i chirurghi decidono sulla sua amputazione.

Vale la pena notare che con il diabete non è sempre possibile limitare la rimozione di un dito, perché il cibo è rotto, e quindi, è sufficiente sperare in una rigenerazione adeguata nell'area della cicatrice. In relazione a disturbi significativi dell'erogazione di sangue ai tessuti molli in varie angiopatie, i chirurghi ricorrono spesso a operazioni più traumatiche: l'estarticolazione di tutte le dita dei piedi, la rimozione di una parte del piede, l'intero piede con un'area di vitello, ecc.

Quando l'amputazione delle dita dei piedi deve essere seguita i principi di base di tali interventi:

  • La massima conservazione possibile della pelle dalla suola;
  • Preservare il lavoro di flessori, estensori e altre strutture coinvolte nei movimenti multidirezionali dei piedi, al fine di garantire un carico uniforme sul moncone in futuro;
  • Garantire la mobilità dell'apparato articolare dei piedi.

Con piccole lesioni (congelamento delle falangi distali, per esempio), l'amputazione della falange distale e media è possibile senza compromissione significativa della funzionalità del piede;

Durante l'amputazione del secondo dito, è necessario lasciare almeno una parte di esso, se ciò è possibile a causa delle circostanze dell'infortunio o della malattia, poiché con l'amputazione totale si verificherà successivamente una deformazione del pollice.

Le amputazioni sui piedi sono di solito eseguite lungo la linea delle articolazioni (estrapolazione). In altri casi, vi è la necessità di tagliare l'osso, che è irto di osteomielite (infiammazione). È anche importante conservare il periostio e attaccare i tendini dell'estensore e del flessore.

In tutti i casi di lesioni, lacrime, schiacciamenti, congelamento delle dita dei piedi e altre lesioni, il chirurgo procede dalla possibilità di preservare al massimo la funzione di supporto e di deambulazione. In alcuni casi, il medico assume un certo rischio e non elimina completamente i tessuti non vitali, ma questo approccio consente di mantenere la massima lunghezza delle dita ed evitare la resezione delle teste delle ossa del metatarso, senza le quali è impossibile camminare normalmente.

Tecnica di disarticolazione della punta:

  1. L'incisione cutanea inizia lungo la piega tra le dita dei piedi e il metatarso sul lato plantare del piede, in modo che il restante lembo cutaneo sia il più lungo possibile, il più lungo nell'area del moncone futuro del primo dito, dal momento che il metatarso più grande si trova lì;
  2. Dopo l'incisione cutanea, le dita flettono il più possibile, il chirurgo apre le cavità articolari, seziona i tendini, i nervi e lega i vasi sanguigni delle dita;
  3. Il difetto risultante è chiuso con lembi cutanei, con cuciture sul retro.

Se la causa dell'amputazione delle dita era una lesione con contaminazione della superficie della ferita, un processo purulento in cancrena, quindi la ferita non è strettamente suturata, lasciando il drenaggio in essa per prevenire un ulteriore processo infiammatorio purulento. In altri casi, può essere applicata una cucitura non udente.

La guarigione dopo l'amputazione delle dita dei piedi richiede la nomina di antidolorifici, un trattamento tempestivo dei punti e un cambio di medicazioni. In caso di un processo purulento, gli antibiotici sono obbligatori e la terapia per infusione viene eseguita secondo le indicazioni. I punti sono stati rimossi il giorno 7-10. Con una guarigione favorevole dopo l'operazione iniziale, al paziente può essere offerto di eseguire ricostruzioni e plastiche, nonché protesi per facilitare il lavoro, la deambulazione e il supporto sul piede.

Il recupero dopo la rimozione delle dita richiede l'esecuzione di esercizi di fisioterapia finalizzati allo sviluppo dei muscoli, nonché la formazione di nuove abilità per utilizzare il resto della gamba.

Amputazione traumatica

L'amputazione traumatica è una separazione parziale o completa delle dita o delle loro parti durante una lesione. Il trattamento chirurgico per tali lesioni ha alcune peculiarità:

  • L'operazione viene eseguita solo quando il paziente è in condizioni stabili (dopo aver rimosso dallo shock, normalizzando il lavoro del cuore, i polmoni);
  • Se è impossibile ricucire la parte recisa, il dito viene rimosso completamente;
  • In caso di grave contaminazione e rischio di infezione, il trattamento primario della ferita è obbligatorio, quando i tessuti non vitali vengono rimossi, i vasi sono legati e le suture vengono applicate successivamente o viene eseguita un'amputazione ripetuta.

Se le dita amputate vengono consegnate al paziente, il chirurgo prende in considerazione la loro durata di conservazione e la vitalità dei tessuti. A una temperatura di +4 gradi le dita possono essere immagazzinate fino a 16 ore, se è più alto - non più di 8 ore. La temperatura di conservazione inferiore a 4 gradi è pericolosa a causa del congelamento dei tessuti e quindi la cucitura del dito in posizione diventa impossibile.

Non importa quanto accuratamente sia stata eseguita l'amputazione delle dita delle mani e dei piedi, le conseguenze non possono essere completamente escluse. Le più frequenti sono le complicazioni purulente nel caso di amputazioni traumatiche, la progressione del processo necrotico nelle malattie vascolari, il diabete, la formazione di una cicatrice densa, la deformazione e la rigidità delle dita, che è particolarmente evidente sulle mani.

Per la prevenzione delle complicanze, è importante osservare attentamente la tecnica di amputazione e la corretta scelta del suo livello, nel periodo postoperatorio è necessario ripristinare con l'aiuto di metodi fisioterapici e terapia fisica.

amputazione

L'amputazione è un'operazione chirurgica finalizzata alla rimozione di un arto o di una parte di esso che interferisce con la normale funzione di un arto sano e, inoltre, causa dolore intrattabile e / o il rischio di diffusione dell'infezione. L'amputazione è utilizzata come ultima risorsa nel trattamento.
Molto spesso, l'amputazione viene eseguita per malattie vascolari delle estremità, tumori e lesioni gravi.

Le gambe slogate si sono concluse con l'amputazione.

Elena Zhakovskaya, 57 anni, cadde, scivolando sul marciapiede. Quando è stata ricoverata in ospedale, uno specialista in trauma dell'ospedale distrettuale ha dichiarato di avere i legamenti spezzati. Allo stesso tempo, ha assicurato alla donna che si era lussato e... Per saperne di più

L'infermiera le ha salvato la vita dopo che la sua mano è stata tagliata dall'elica

L'infermiera le ha tagliato la mano in un incidente su una barca mentre era in vacanza. La sua formazione come infermiera intensiva le ha salvato la vita.... Leggi altro

Una donna che ha avuto un ictus all'età di 27 anni ha deciso di amputare una gamba.

Una donna che ha avuto un ictus di soli 27 anni ha deciso di amputarle una gamba per terminare i crampi alle gambe e il dolore costante, e ora è una maratoneta monotona. Sarah... Leggi altro

La bambina di 7 anni lotta per la vita dopo essere stata colpita da una meningite

I genitori, insieme alla loro figlia, che divenne una damigella d'onore al loro matrimonio, andarono in Cornovaglia per trascorrere lì la loro luna di miele. La ragazza si sentiva male e... Per saperne di più

Secondo - e la vita girerà nella direzione opposta

Perché la donna era sotto le ruote del tram - Sono uscita dall'autobus, dal mio cognato, - disse Elena, 41 anni. "Vive e lavora in... Per saperne di più

Una madre di sei figli ha perso braccia e gambe dopo un raffreddore trasformato in un'infezione mortale

Una residente nello Utah, Tiffany King, si svegliò una mattina perché aveva problemi a respirare. La donna è stata portata con urgenza in ospedale, dove le è stato diagnosticato un batterio... Per saperne di più

Una donna di 26 anni ha deciso di amputare la gamba destra dopo aver capito che la sua frattura non sarebbe guarita.

I medici hanno amputato la gamba della ragazza dopo un trattamento infruttuoso di una frattura: sette anni fa, all'età di 20 anni, l'inglese Victoria Snell stava tornando a casa quando sentì uno scatto alla gamba.... Leggi altro

Una donna ha perso le sue membra a causa di un errore medico.

Una giovane donna, madre di due figli, ha perso il braccio destro, le dita alla sua sinistra e anche entrambe le gambe a causa di un errore medico. Come sapete, il 31enne britannico Magdalena Malets ha archiviato... Read more

Una donna ha amputato la sua brutta gamba, che ha nascosto per 20 anni

La donna che ha nascosto la sua "brutta" gamba sotto i pantaloni per due decenni ora è sicura di indossare abiti dopo aver preso una decisione sull'amputazione della gamba. A sei... Leggi altro

10 domande che si desidera porre a una persona con una gamba amputata

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da VICE Holland, "A volte ho la sensazione che il piede sia ancora attaccato alla gamba, ma in un posto completamente diverso." Non appena tu... Leggi altro

Il modello americano ha perso la seconda gamba dopo aver usato un tampone con un'infezione.

Loren Wasser ha perso le gambe a causa dell'uso di un tampone, che è stato infettato da stafilococco. Diversi anni fa, è stata lasciata senza una gamba a causa di questo, e ora è stata amputata... Per saperne di più

A causa dei prodotti per l'igiene, il modello ha perso una gamba e presto ha perso la seconda

Il modello, che ha perso le gambe a causa della sindrome da shock tossico causata da un uso improprio di un tampone igienico, ha detto che presto i medici amputeranno la sua seconda gamba. Oggi... Leggi altro

Amputazione degli arti

Nel 2003, l'alpinista Aaron Ralston ha fatto la sua ascesa nel remoto canyon dello stato dello Utah, USA, durante il quale gli è capitata una disgrazia: un masso si è spostato e ha premuto la mano sulla roccia, schiacciandola. Seduto per diversi giorni, pressato sulla roccia e avendo perso ogni speranza di liberarsi dalla stanchezza, Aaron decise di amputargli la mano.

Costruì un'imbracatura improvvisata, la legò sulla parte inferiore del braccio, sopra il luogo che era stato schiacciato da un masso e gli tagliò la mano con un coltello. Dopo di ciò, scese più di 60 piedi giù per la scogliera per scappare e andare fuori alla gente. Ora Aron conduce, come prima, uno stile di vita attivo. Ora può essere attivo come prima, perché ha un braccio protesico.

In generale, Aron Ralston ha fatto tutto bene. Primo, non aveva altra via d'uscita e l'amputazione era l'unico modo per evitare la morte. In secondo luogo, Aaron ha dimostrato che, nonostante la rimozione di un arto, la vita dovrebbe rimanere, per quanto possibile, completa come prima. Grazie alla fisioterapia e alle protesi, le persone che hanno perso parti del corpo possono adattarsi a una nuova vita e vivere una vita piena.

Quindi, in quali casi è necessario amputare l'arto?

A volte a seguito di un grave infortunio o di una malattia, gli arti delle persone possono essere danneggiati a tal punto che non è più possibile curarli. I tessuti muoiono, l'infezione li penetra e la cancrena si verifica - una condizione molto pericolosa. I batteri che iniziano a moltiplicarsi nei tessuti morti possono penetrare in quelli sani.

La causa principale della morte del tessuto degli arti è la cessazione del flusso sanguigno. Il sangue smette di fornire ossigeno e sostanze nutritive alle cellule dei tessuti. I tessuti muoiono e i batteri iniziano a moltiplicarsi in essi. Se un trattamento è impossibile, l'unico modo per impedire che l'infezione si diffonda ulteriormente e per salvare la vita di una persona è quello di amplificare l'arto ferito.

L'amputazione può essere effettuata a diversi livelli, a seconda del sito di danno tissutale. È possibile amputare sia un dito che l'intera parte inferiore del corpo dall'anca e sotto. Di solito, gli arti superiori o inferiori sono parzialmente amputati.

Di seguito è riportato un elenco di danni che possono portare all'amputazione.

1. Trauma. Incidenti stradali, gravi ustioni, ferite da arma da fuoco sono tutti i tipi di lesioni che possono portare a danni irreversibili ai vasi sanguigni. All'età di 50 anni, le lesioni sono la causa principale dell'amputazione.

2. Malattie. I vasi sanguigni possono anche essere danneggiati durante la malattia. La malattia principale è rappresentata dalle arterie periferiche. Durante questo processo, i vasi si induriscono, il che contribuisce alla violazione del flusso sanguigno, per cui i tessuti lasciati senza energia muoiono. Il diabete spesso porta a questa malattia.

3. Cancro. Per proteggere il corpo da un tumore diffuso, a volte la sua parte deve essere amputata.

Storia di amputazioni

Gli scavi archeologici mostrano che le persone hanno rimosso le loro membra dall'antichità. È vero, per molto tempo questo è stato fatto per rimuovere il tessuto morto. Questo perché nell'antichità le persone non potevano controllare la perdita di sangue dal corpo durante l'intervento.

I chirurghi dell'antica Grecia e di Roma eseguirono operazioni di ravvivamento dei vasi sanguigni. Sorprendentemente, questo metodo è stato dimenticato per molti secoli. Invece, le navi bruciavano con ferro caldo o olio bollente.

Di regola, durante le principali guerre mondiali si osserva un gran numero di amputazioni. Fu il chirurgo militare francese Ambroise Pare che introdusse di nuovo la pratica della legatura o della legatura vascolare. Questo accadde nel 1529, già dopo aver inventato la polvere da sparo e le armi da fuoco, a causa delle quali le ferite inflitte sul campo di battaglia divennero molto più gravi di prima.

Nel 1674, durante l'amputazione, iniziarono ad usare un laccio emostatico, che permise di proteggere i pazienti da eccessive perdite di sangue. Intorno allo stesso tempo, l'anestesia cominciò ad essere applicata. Non ci crederai, ma i gas anestetici cominciarono ad essere usati solo dal 1840!

Quindi, il paziente fu sottoposto ad eutanasia con uno straccio inumidito con cloroformio, quindi un laccio emostatico fu posto sull'arto, sopra il punto della sua separazione, e la pelle ei muscoli furono tagliati con un coltello affilato. L'osso è stato quindi segato con una sega, dopo di che i vasi sanguigni sono stati legati con fili chirurgici. Poi il moncone è stato coperto di pelle, lasciando un buco per il liquido di scarico. Arti amputati ammucchiati in grandi mucchi al di fuori delle sale operatorie.

Il tasso di mortalità durante tali operazioni, rispetto ai nostri giorni, era molto alto. Di regola, uno dei 4 pazienti è morto. Inoltre, se l'operazione non può essere eseguita entro 24 ore dalla lesione, questo numero è raddoppiato. La morte si è spesso verificata a causa di infezioni batteriche dovute a strumenti non sterili.

Preparazione per l'amputazione

Oggigiorno, prima dell'amputazione, segue una certa preparazione. Il paziente si incontra in anticipo con il chirurgo e altri medici, con i quali discute le questioni più importanti relative all'operazione. Di solito al paziente viene detto come verrà eseguita la chirurgia e cosa dovrebbe aspettarsi. Vengono anche discussi il tipo di anestesia e altri problemi.

Prima dell'intervento chirurgico, gli arti del paziente vengono spesso impiegati per creare protesi. A volte il paziente è programmato per incontrarsi con uno psicologo. Naturalmente, la perdita di arti psicologicamente sopprime molto i pazienti.

Il chirurgo pianifica l'intervento chirurgico in modo da preservare il maggior numero possibile di articolazioni. L'attività della vita futura del paziente dipende da questo. Tuttavia, se lasci il tessuto infetto, non ci sarà alcun senso dall'operazione. Il chirurgo dovrebbe lasciare solo tessuto sano.

Metodi moderni di amputazione

L'operazione inizia dopo che il paziente è in anestesia. A seconda del tipo di operazione e della sua portata, l'anestesia può essere generale o locale. Con l'anestesia generale, il paziente sarà privo di sensi durante l'operazione e con l'anestesia locale solo il luogo dell'operazione, il paziente è sveglio.

Recupero dopo l'intervento chirurgico

Dopo l'intervento, al paziente vengono prescritti antibiotici e antidolorifici. I medici stanno monitorando da vicino le sue condizioni. Per accelerare il processo di guarigione, vengono utilizzate bende di compressione che riducono il gonfiore e aumentano la pressione sanguigna nell'area del moncone. Anche i medici incoraggiano il movimento del moncone il prima possibile.

Una parte integrante del recupero dopo l'intervento chirurgico è la riabilitazione. Non solo contribuisce alla rapida guarigione della ferita, ma rafforza anche le ossa e i muscoli. Inizialmente, al paziente può essere prescritto l'uso di stampelle o deambulatori. È il terapista della riabilitazione che insegna al paziente a vivere in un modo nuovo nella vita di tutti i giorni - ad esempio, alzarsi dal letto o vestirsi senza l'aiuto degli altri.

Dopo che la ferita è completamente guarita, il paziente può iniziare a lavorare con il protesista. Le protesi sono realizzate e personalizzate individualmente per ciascun paziente.

In genere, gli amputati hanno dolori fantasma. Il paziente si sente come se avesse un arto che già non fa male. Questo perché il sistema nervoso del corpo sta cercando di adattarsi a nuove condizioni, e il cervello riconosce erroneamente i segnali che emanano da esso, come da una parte esistente del corpo. Condizioni simili sono ora eliminate chirurgicamente.

Mi ha visto una mano, o un amputato volontario

È difficile immaginare che ci possano essere persone sulla Terra che vorrebbero perdere volontariamente le gambe, le mani, un'altra parte del corpo o addirittura diventare ciechi. Tuttavia, il 30enne Jewel Shuping della North Carolina è proprio una persona simile!

Pensieri ossessivi sulla cecità apparvero nella sua prima infanzia, quando guardò il sole per molto tempo e voleva smettere di vedere in questo modo. All'età di 18 anni, Jewel cominciò a indossare occhiali scuri e ad usare un bastone per non vedenti, e all'età di 20 anni aveva imparato il Braille.

Ma lei non voleva fingere di essere cieca: sognava di perdere la vista per davvero! Per questo, la ragazza fece diversi tentativi indipendenti di diventare cieco, usando varie soluzioni e soluzioni mediche.

Ma hanno avuto solo un effetto temporaneo, e poi Jewel ha deciso misure drastiche. Lei gocciolò negli occhi... un detergente di scarico! All'inizio la ragazza era molto dolorosa, ma si rassicurò con il pensiero che alla fine sarebbe diventata cieca!

Completamente perso l'opportunità di vedere un americano in 6 mesi. Da allora, suona paradossalmente, letteralmente godendosi la vita di una persona cieca.

Oggi, la donna dice che non ha provato il minimo rimpianto per la perdita della vista e, stranamente, non è affatto unica nel suo genere. A prima vista, non ci sono così tanti stronzi nel mondo, e quello che fanno è al di là di ogni valutazione.

No, non sono affatto degli stronzi, sono malati. Secondo i medici, il numero di individui affetti dalla cosiddetta sindrome dell'integrità della percezione del corpo (Disturbo di identità di integrità corporea, BIID) è misurato in migliaia. Il numero reale è così alto che le parti interessate preferiscono rimanere in silenzio. Tuttavia, questo fenomeno è ancora poco conosciuto.

Felice dopo l'amputazione

Le persone con la sindrome BIID fin dalla prima infanzia sentono che una parte del loro corpo, nonostante funzioni bene, non appartiene a loro e vuole liberarsene a ogni costo, dice il neuroscienziato Dick Swab.

Alcuni provano eccitazione o invidia quando vedono persone paralizzate o che non hanno una mano o una gamba. A volte in quel momento si rendono conto che, in realtà, è il loro desiderio.

Questo, secondo lo scienziato, conduce al desiderio di amputazione che tutto consuma. E solo dopo che la parte "inutile" del corpo è qualcuno o si sono amputati, le persone con la sindrome BIID finalmente si sentono a pieno titolo e immensamente felici.

Fino a questo punto, stanno cercando di portare la situazione desiderata il più vicino possibile: ad esempio, con un bendaggio elastico stringono le gambe ai glutei, camminano con le stampelle o si muovono su una sedia a rotelle.

Ad esempio, la sessantenne Chloe Jennings-White di Salt Lake City, Utah, ha vissuto una vita di disabilità. Si muove su una sedia a rotelle e mette dei dispositivi speciali sulle sue gambe che bloccano le articolazioni del ginocchio in modo che possa camminare comodamente con le stampelle.

Tuttavia, quando una donna ha bisogno di salire le scale, rimuove ancora le costruzioni difficili e si comporta come una normale persona sana.

Allo stesso tempo, Chloe non ha problemi di salute, le piace solo interpretare il ruolo di una persona disabile. Sette anni fa, i medici le diagnosticarono la sindrome dell'integrità della percezione del corpo e, così che la donna non osò prendere misure estreme, le offrì una via d'uscita - usare una sedia a rotelle, come se fosse paralizzata, e indossare pesanti dispositivi al ginocchio. Ha aiutato Chloe a sentirsi più felice, ma ammette che continua a sognare che le sue gambe vengano effettivamente negate. Allo stesso tempo, la donna si rifiuta di ascoltare quelli che considerano il suo sogno anormale e dice che quelli intorno a lei semplicemente non capiscono le sue condizioni.

Mondo reale invertito

Naturalmente, le persone con la sindrome BIID non possono fare affidamento sull'assistenza chirurgica in cliniche autorizzate, e questo è precisamente ciò che li porta a tentare un auto-amputazione di arti "indesiderati".

Sebbene non esistano statistiche ufficiali sul Disturbo dell'Identità da Body Integrity, un gran numero di persone con questa sindrome sono evidenziate dal fatto che ci sono molti forum specializzati su Internet, per lo più di lingua inglese, dove le persone condividono idee su ciò che possono e fanno. fai con le tue membra.

La fantasia colpisce oltre il bordo: metti un braccio o una gamba sotto le ruote di un treno che passa, spara da un fucile, mettilo sotto una pressa, tagliala via con una sega o mettila in un contenitore con ghiaccio secco, come, per esempio, un chimico americano, immergendo entrambe le gambe in un ghiaccio secco 6 ore

Come risultato, ha raggiunto il suo: i chirurghi gli hanno rimosso gli arti morti dopo questo "esperimento".

Dopo l'amputazione, coloro che soffrono della sindrome BIID si sentono sopraffatti nel settimo cielo e affermano piuttosto sinceramente che l'unica cosa che rimpiange è che non hanno eseguito l'operazione prima.

Un americano di nome Josh ammette che l'edizione di Newsweek si stava preparando completamente per l'amputazione della propria mano sinistra, cosa che fece con una sega elettrica circolare. Dice che prima ha fatto ripetuti tentativi di perdere la mano. Una volta l'ho messo sotto il carrello, ma il cavo che regge il carrello non si è rotto completamente. Un'altra volta, il ragazzo ha cercato di segare la sua mano su una sega circolare, ma i suoi nervi non potevano sopportarlo e lui non poteva farlo.

Josh pensava addirittura che guidasse in auto per la città e per i suoi dintorni per ore, con la mano fuori dalla finestra, nella speranza che l'auto in arrivo lo lasciasse cadere. Ma nessun tentativo in tal modo ha dato il risultato desiderato.

Ora, anni dopo, Josh dice che si sente benissimo senza la sua mano, e la sua amputazione ha messo fine al "tormento" che lo perseguita fin dal liceo. "Questo è un sollievo indescrivibile", dice. "Sento che il mio corpo è in ordine."

Una persona con NCCT cerca di amputazione di un arto sano, cercando dai medici la produzione di tale operazione, compreso il ricorso a metodi di medicina ombra o automutilazione.

Forse il mondo accademico presto sosterrà questa comunità. Le persone con NTSC attirano l'attenzione degli scienziati che si occupano dell'integrità fisica e di malattie come l'anoressia, l'interruzione dello schema corporeo del corpo, così come la transessualità - che a prima vista può sembrare solo una preoccupazione per gli psicologi, ma può anche derivare dalle caratteristiche del cervello. "Studiando le profonde connessioni tra neuroscienze e psicologia, siamo in grado di parlare non solo dei prerequisiti dello sviluppo, ma anche del lavoro del cervello nel suo insieme", ha detto Paul McGosh, neurologo presso l'Università di San Diego. Paul lavora con persone con NTSC, utilizzando uno dei metodi di studio della tomografia cerebrale. Tali studi risolveranno il problema: la sindrome NTCT è una malattia mentale o una proprietà innata della personalità?

La comunità Internet di persone con sindrome del CNT insiste sul fatto che la chirurgia legale e sicura, o una speciale procedura di paralisi sotto controllo medico, è l'unico modo per risolvere il problema. (Mentre i ricercatori hanno intervistato diverse dozzine di pazienti con NTSC, non ci sono dati precisi che diano un'idea del numero attuale di persone con questa sindrome.In transabled.org, dove le persone con sindrome NTSC hanno l'opportunità di discutere i loro problemi, oggi ci sono 1500 visitatori al giorno, mentre il gruppo Yahoo Web di BIID soffre - un altro sito per discutere gli stessi problemi - ha 1.700 iscritti come membri permanenti. La maggior parte delle persone affette dalla sindrome sono uomini di mezza età di tipo europeo che rifiutano nenie che la sindrome può essere trattata come una malattia mentale attraverso interviste con lo psicologo e la selezione della droga. Descrivono il sentimento ossessivo e tormentante della discrepanza di quell'immagine corporea ideale che hanno su se stessi e il vero corpo in cui vivono. Dicono che il loro desiderio di diventare fisicamente se stessi è irresistibile. Alcune contraddittorie sono alcune delle affermazioni di persone con sindrome NTSC che si confrontano con i transessuali. Notano anche che i transessuali avevano bisogno di anni per gli psicologi medici per riconoscere la loro posizione, e la legge è salito in loro difesa.

Il proprietario del sito transabled.org e biid-info.org dicono che nient'altro che la chirurgia può aiutarlo e visitare i suoi siti. "La psicoterapia, come la psichiatria, è impotente in questa materia. Il trattamento farmacologico è inutile. Io stesso sono un tipico esempio di una persona che ha attraversato tutto questo, ma che è convinto che tutto ciò sia inutile ", afferma Sean. Si muove su una sedia a rotelle, ma non ha ancora trovato un modo definitivo per paralizzarsi.

L'idea stessa di diventare una persona disabile sembra offensiva per le persone che sono diventate disabili non a volontà. I rappresentanti della Società Disabile sono riluttanti a commentare questo argomento. "Ovviamente, una tale idea di privarsi di una parte sana del corpo è oltraggiosa", afferma Nancy Steames, vicepresidente dell'Organizzazione Nazionale per i Disabili, sottolineando che, secondo il Disability Act in America, tutti chi è riconosciuto come disabile ha diritto alla protezione. "Ma penso che queste persone (persone con il desiderio di amputare arti sani) dovrebbero essere avvicinate da specialisti in psichiatria", conclude Steames.

Il Dr. Michael Fest, professore di psichiatria clinica presso la Columbia University di New York, è interessato al problema della sindrome da disordine del corpo e sta cercando di trovare un modo per affrontare questa rara condizione. Nel 2004, ha condotto un sondaggio di 52 persone che desideravano amputare i loro arti sani. Fest ha scoperto che la loro psiche è abbastanza stabile. "È necessario osservare questo per capire. Queste persone dicono che in ogni momento della loro vita sentono l'incompletezza del loro corpo. Ma questo non influisce sulla loro capacità di costruire relazioni con altre persone. Sono pienamente consapevoli del mondo reale ", dice Michael della sua ricerca.

"Negli Stati Uniti e in Scozia, alcuni dei" volontari "hanno realizzato un'operazione per amputare le estremità senza ovvie indicazioni mediche.Questa persona dopo l'operazione richiesta (anche dopo l'amputazione di entrambe le gambe) si sente a suo agio e pienamente alla fine, mentre tutta la sua vita soffriva di incoerenze mentali e fisiche e si sentiva male. "

Fest conduce una campagna per includere la malattia nel prossimo numero di The Bible of Psychiatrists and Psychologists - Il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (JEM) - che dovrebbe essere pubblicato nel 2012. Per le persone con NTSC, includerlo nel JEM significa riconoscere che è legittimo che a loro parere è una caratteristica integrale della loro personalità. "La sfida più grande è determinare un trattamento per queste persone", afferma Fest. Egli ritiene che l'inclusione della sindrome nelle linee guida sulla malattia mentale contribuirà a far progredire la risoluzione del problema. "Una cosa è chiara, ed è un dato di fatto che la chirurgia ha davvero aiutato molte di queste persone più di ogni altra cosa."

Ci sono solo un migliaio di persone con questo raro disordine nel mondo. Fin dall'infanzia, giocano con disabilità e, dopo aver maturato, cercano di ottenere l'amputazione, causando danni a se stessi. Comprendono chiaramente quale tipo di arto e quanto dovrebbe essere assente: "dieci centimetri sotto il ginocchio", "non c'è un braccio con l'articolazione della spalla" - altre opzioni non li soddisfano.

La situazione odierna è tale che le persone con la sindrome NTSCT non hanno una grande possibilità di cura chirurgica, e questo porta al fatto che esse stesse stanno tentando di "trattamento". Nel film Melody Gilbert, dedicato a questo problema, narra di un uomo che gli ha gelato la gamba in modo specifico, indossandola con ghiaccio secco. Un altro ha risolto il problema sparandosi una gamba. Un altro incidente è avvenuto con un uomo che ha rischiato un'operazione illegale in Messico, pagando 10.000 dollari, solo per morire di cancrena in pochi giorni.

Aimee Copeland: Ha rimosso tutte le sue membra artificiali e ha rivelato al mondo armi, gambe, cicatrici e... un sorriso!

Un giorno, Aimee Copeland, una studentessa di 24 anni all'Università della Georgia, andò al fiume con le sue amiche per divertirsi. Sopra le rapide, hanno trovato una vecchia corda e hanno deciso di aggiungere adrenalina ai loro sentimenti - di saltare dalla corda al fiume. Poteva Amy sapere che questa decisione avrebbe cambiato la sua vita per sempre?

Cadde da un'altezza sufficientemente alta sulle pietre e si ferì gravemente a una gamba. I medici le hanno puntato 22 punti e l'hanno rimandata a casa. Ma dopo alcuni giorni, la ragazza sentì che qualcosa non andava e tornò alla clinica. Fascite necrotizzante, i medici di Amy fecero una diagnosi del genere e mandarono la ragazza alle cure intensive...

La malattia è rara, è molto difficile da diagnosticare nelle sue fasi iniziali ed è associata all'attività dei cosiddetti "batteri carnivori". Quando la ragazza tornò dai medici, la fascite era già riuscita a colpire la pelle e gli organi interni. Per salvare la vita di Aime, i medici hanno dovuto amputare tutti e quattro gli arti: entrambe le braccia sotto il gomito, la gamba destra sotto il ginocchio e la gamba sinistra nella zona dell'anca.

È successo 4 anni fa, ora Amy ha 28 anni. Non molto tempo fa, ha pubblicato la sua foto in un bikini rosa, che si diffuse immediatamente attraverso il web. E tutto perché la ragazza non è caduta in depressione ed è stata in grado di affrontare la disgrazia che le è capitata. Ecco alcuni episodi della sua vita.

La ragazza doveva adattarsi alla nuova vita e alle nuove condizioni. Ha completato un corso di riabilitazione e lo stato si è preso cura di lei, fornendole le ultime mani protesiche, che le hanno dato l'opportunità di prendersi cura autonomamente delle sue cure quotidiane e della cura di sé. Pulisce e cucina anche lei stessa. L'aiuto di altre persone non è richiesto.

È sopravvissuta alla rottura con il suo fidanzato, che è scappato dalla ragazza in difficoltà. Quindi Aimee divenne l'avvocato per i diritti delle persone con disabilità e ha conseguito un master in servizi sociali. E recentemente mi sono innamorato di una persona che la accetta così com'è e non presta attenzione alle ferite.

Non molto tempo fa, mentre ero in vacanza a Puerto Rico, Aimee ha deciso di posare per una bella foto. Ha rimosso tutte le sue membra artificiali e ha rivelato al mondo armi, gambe, cicatrici e... un sorriso! Questa foto è istantaneamente sparpagliata su Internet.

"Mi ci è voluto molto tempo per sentirmi di nuovo una persona normale. E 'stato un percorso difficile. Ma siamo tutti imperfetti e ci sono molti difetti nella nostra bellezza. Cicatrici e cicatrici mi hanno insegnato molto, hanno rafforzato il mio carattere. E quello che conta davvero è quello che fai, non quello che hai ", ha scritto Amy sul social network.

Quindi, questa ragazza è in grado di ispirare ognuno di noi! Vale la pena considerare ciò che è veramente importante in questo mondo...

Devoto amputato

Forum internazionale di amputati di comunicazione, fine devoto, vita di amputati, protesi

Amputazione del braccio dopo un terribile incidente

Amputazione del braccio dopo un terribile incidente

Post: # 14100 Post admin
27 ott 2017, 21:49

Salome Gogeshvili è madre di due bambini. A 33 anni, potrebbe essere nata una seconda volta e ha ricominciato a vivere. Racconterà della giornata, che ha cambiato radicalmente la sua realtà, da sola... Oggi Salome è impegnata in diversi sport, ballando. Lei è un atleta di coppia, velocista. Mai paura degli ostacoli e coraggiosamente resiste alle difficoltà.

Momento, radicalmente in grado di cambiare la vita
Ho vissuto come tutti gli altri. Ha lavorato, cresciuto due figli, lavorato a casa. Ho sempre cercato di essere perfetto, ho chiesto il massimo da me stesso. E improvvisamente la mia vita è completamente cambiata...

Una sera normale lasciai il lavoro, salii in macchina e tornai a casa. La strada dalla pioggia era bagnata, scivolosa, l'autista non poteva far fronte alla direzione, e ci siamo schiantati contro un marciapiede di ferro. Ho perso conoscenza. Come se da lontano ci fosse una voce sconosciuta: "Non aver paura, non aver paura...". La coscienza è annebbiata, cercando di capire dove sono, perché non sento il mio corpo, che tipo di liquido caldo mi scorre? Non ho sentito alcun dolore... ricordo, sollevando la testa, ho sentito che un po 'di peso mi era caduto sulla gamba. Era la mia mano... Ho perso la mia mano destra sul posto.
Cerco di aprire gli occhi, ma invano, intorno al rumore, urla, urla. Dobbiamo capire cosa è successo. Sto cercando di raccogliere le mie forze... Come se attraverso una nebbia, vedo le persone, ma non riesco a capire cosa sta succedendo. Mento in una pozza di sangue e penso: sono davvero io?
Di nuovo sento una voce sconosciuta: "Non ti preoccupare, andrà tutto bene con te". Era come se l'istinto di autoconservazione si fosse acceso in me e io chiedessi: "Assicurati di salvarmi! Non devo morire!" Di nuovo tutto era buio. La sirena dell'ambulanza viene udita da lontano, si agitano su di me, le forze mi stanno abbandonando, sprofondando in un sonno profondo. Non riesco a reggere il confronto con me stesso, nell'oscurità senza speranza. Sanguinante, il mio cuore si fermò.... Più tardi, il dottore disse che la mia salvezza era un vero miracolo, perché non c'era praticamente nessuna possibilità.
Tutto ciò mi sembra ancora un sogno, un sogno terribile. Sono passati due anni dalla fine della mia vita passata e dalla nascita di uno nuovo...

seconda nascita
Quando i soccorritori mi hanno tolto dalla macchina, l'istinto di autoconservazione ha funzionato così tanto che ho detto ai medici quale fosse il mio gruppo sanguigno, quale mi chiamo, quanti anni ho. In una parola, ha fornito loro informazioni complete.
Mi sono sposato presto, ho due figli. Per tutta la vita ho avuto la sensazione che dovevo fare qualcosa di molto importante, compiere una grande missione, che avrei potuto fare molto più di me. In quel terribile momento, tutto questo mi è venuto in mente, e ho pensato che non dovevo morire, perché non ho fatto ciò per cui sono nato. Poi svenne di nuovo...

È venuta da sola in ospedale. Ho provato a muovere le gambe e ho capito che potevo camminare. Ma i dottori erano costantemente in giro, sussurrando stranamente, ed era chiaro che qualcosa non andava. La mano destra era fasciata, non me la sentivo affatto. Ho chiesto al medico: ho perso la mano? Ha risposto affermativamente. Ero in uno stato di shock. Iniziato a piangere. Mi è stato dato un sedativo... Più tardi trasferito in reparto. Pensavo che nessuno mi amasse così, nessuno ha bisogno di me, diventerò sovrappeso per tutti, la mia vita è finita.
In quei momenti, accanto a me c'era l'amico più intimo, infatti, la mia mano destra. Mi ha detto: "Va tutto bene, la cosa principale è che tu sei di nuovo con noi". Queste parole mi hanno dato una grande forza...
Dolore insopportabile
Quando ho lasciato la clinica, ho chiesto al medico di cancellare la mia morfina per resistere ai problemi in uno stato sobrio. Ricordo che durante il mio primo giorno a casa ho avuto un dolore terribile, il processo di guarigione era ancora in corso. Il dolore divenne insopportabile, volevo saltare fuori dalla finestra, avvelenarmi o aprirmi le vene... Tutta la notte ero sorvegliato da amici, un parente, così da non poter fare nulla con me stesso. Questi dolori sono durati diversi giorni. Poi gradualmente cominciò a calmarsi. Volevo davvero tornare ad un normale ritmo di vita, stavo aspettando bambini, amici, colleghi...

Solo con me stesso
I momenti più difficili e più difficili sono venuti quando sono stato lasciato solo con me stesso e il mio "difetto". Nessun lavoro, nessuna mano, nessun incentivo... La vita doveva ricominciare, ma non sapevo come. Riunito forza e disse: devo tornare alla solita vita. Sono andato al salone, mi sono messo in ordine, mi sono fatto i capelli. Ho cercato di essere allegro. Ma sentivo che stavo evitando gli specchi tutto il tempo - avevo paura di vedere...
Sono passate due settimane dall'incidente, quando per la prima volta sono andato in bagno da solo. I punti non sono ancora stati rimossi... Si spogliò e si fermò davanti allo specchio. Si guardò e scoppiò in lacrime. Ho fatto la domanda: perché dovrebbe succedere a me ?! Dopo aver pianto abbastanza, si ricompose e disse che avrebbe dovuto amarsi come sono diventata. Ma in quel momento era difficile immaginare...
Sembra che stia cercando di uscire di casa, comunicare con le persone, ma inconsciamente ha evitato le riunioni in ogni modo e quindi è uscito quando si stava facendo buio. C'è stato un periodo in cui ho avuto l'ossessione di fare una protesi. Ma poi decise che doveva accettare se stessa com'era. Volevo sentirmi ancora come membro della società a tutti gli effetti, ho iniziato a cercare un lavoro, anche se senza successo... In una delle aziende mi è stato direttamente detto che non potevo candidarmi per un lavoro con un tale visual. Mi sentivo come se avessi perso di nuovo la mano, e con essa il mio cuore. Ha iniziato giorni terribili, depressione. Sono sceso, ho appeso una tenda nera. Due settimane non si alzarono dal letto. Ho solo preso appunti sul mio dolore, esperienze, problemi. Un giorno volevo andare alla finestra. Spinse con cautela la tenda e provò una piacevole sensazione di freschezza. Dopo di ciò, le tende si spalancarono e la luce cadde sulla mia faccia, e gli uccelli per la strada cinguettarono e lasciarono fruscii... E in quel momento accadde un cambiamento in me - sentivo quanto fosse preziosa la vita, anche senza la mia mano destra...

Nuova vita
Nel corso del tempo, era solita affrontare le difficoltà. Oggi non ci sono ostacoli per me, so che ne supererò nessuno.
Una volta sono venuto al centro di Para. Ha iniziato ad allenarsi. Poi per la prima volta mi sono tolto una maglietta a maniche lunghe. Ancora oggi mi alleno e ballo attivamente è diventato parte integrante della mia vita.
Quest'estate, la nostra coreografa Kate mi ha scritto, mi ha chiesto se volevo prendere parte al progetto "Talentoso". Sono un po 'confuso perché non sono un ballerino professionista. Pensavo di non poter farcela. Ma, come ho detto, le sfide non mi spaventano, e spesso faccio fatica con le difficoltà. Ho accettato. Ballo con tre ragazze meravigliose, ci alleniamo intensamente. Vediamo quale sarà il risultato.

Questo incidente mi ha reso più forte, ha mostrato ciò che non avevo ancora visto, sentito e non potevo fare. Una farfalla con un'ala rotta volò fuori dal bozzolo, ma infinitamente grata al Creatore per avere l'opportunità di godersi la vita, di amare tutti e tutto, di scoprire il bene nel male, di sostituire il male con il bene e di mostrare agli altri con il proprio esempio che nulla è impossibile!

Amputazione del braccio

Il moncone dell'arto superiore dopo l'amputazione del braccio non è sottoposto a carico assiale significativo, tuttavia deve fornire una complessa funzione di presa. Le moderne bioprotesi a mano sono in grado di rilevare i biopotenziali derivanti dalla contrazione dei muscoli del moncone con l'aiuto di sensori e di utilizzare un dispositivo speciale per eseguire questi movimenti. Pertanto, il principio base della scelta del livello e del metodo di amputazione del braccio è la massima conservazione della lunghezza del moncone.

I moderni metodi di trapianto di tessuto permettono di mescolare difetti complessi della pelle, delle ossa, dei muscoli e limitare significativamente il livello di amputazione, pertanto i metodi classici di amputazione circolare o patchwork non sono solitamente usati per l'arto superiore. Per chiudere il moncone si utilizzano i lembi di pelle della situazione e, in caso di dimensioni insufficienti, vengono eseguite plastiche della pelle.

Anestesia per amputazione del braccio: anestesia di conduzione a diversi livelli dell'arto o dell'anestesia.

Video: clinica controllata a causa dell'amputazione della mano

Tecnica di amputazione a mano a vari livelli

L'amputazione delle falangi delle dita della mano o la loro selezione con il metodo patchwork classico porta ad un significativo accorciamento del dito e alla perdita della funzione integrale della mano. Al fine di evitare l'accorciamento del dito, in particolare il primo, nella maggior parte dei casi la sostituzione di difetti cutanei delle dita con chiazze rotanti o rotatorie locali, trapianto di cerotti vascolarizzati sulla gamba di alimentazione delle dita adiacenti, la superficie del palmo o degli innesti a spacco. Utilizzato anche per trapiantare le dita della mano. Con l'amputazione del primo dito, il secondo dito viene spostato nella posizione del primo.

L'amputazione delle ossa metacarpali viene effettuata durante l'amputazione di una o più dita. Migliora l'aspetto estetico della mano, ma provoca comunque un restringimento generale del metacarpo, che porta ad una diminuzione della forza dei movimenti prensili della mano, ed è di controindicazione fisica alle persone che lavorano fisicamente.

L'amputazione dell'avambraccio nel terzo distale crea condizioni ottimali per le protesi. Il limite prossimale di amputazione di questo segmento è il livello di inserimento del tendine bicipite all'osso radiale.

Tecnica di amputazione del braccio a livello dell'avambraccio. La pelle è tagliata in due direzioni. In questo caso, la lunghezza dei lembi della pelle dovrebbe essere la stessa. Incrocia e fascia le arterie radiali e ulnare. I nervi mediani, ulnari e radiali sono sezionati in modo acuto un po 'prossimale in modo che le loro estremità dopo la retrazione siano immerse nei tessuti. Dopo ciò, le ossa sono segate. Nel caso di amputazione distale, i tendini dei flessori superficiali delle dita della mano vengono trasferiti attraverso segatura ossea e cuciti alla fascia dorsale, mentre durante l'amputazione prossimale, i flessori e gli estensori vengono cuciti sopra la segatura ossea. Le alette della pelle cuciono senza tensione. L'operazione è completata dal drenaggio sotto vuoto della ferita.

Video: "Cyborg" Ivan Shostak, interrogato da Lifenews, subisce l'amputazione della mano. Hai bisogno di aiuto!

L'amputazione della spalla a livello distale viene eseguita a 4 cm sopra la linea del gomito e questo livello di amputazione consente di realizzare la protesi con un meccanismo di flessione, estensione e rotazione che svolge una funzione utile. L'amputazione del braccio a livello della cervice chirurgica porta alla formazione di un moncone corto e le corrispondenti protesi generalmente svolgono una funzione cosmetica.

Tecnica di amputazione del braccio a livello della spalla. La pelle e la fascia sono tagliate prevalentemente con un metodo a doppio lembo: il lembo anteriore dovrebbe essere lungo (la superficie anteriore della pelle si restringe di più) e quella posteriore - breve. Quindi, a livello della pelle contratta, i muscoli vengono sezionati. Allo stesso tempo il muscolo tricipite sezionato distalmente. Dopo aver visto l'osso 2 mm sotto il periostio, le arterie sono ligate, il nervo mediano, ulnare, radiale, pelle-muscolare e il nervo cutaneo mediale sono incrociati. Chiudete l'ossatura plastica-plastica della segatura, cucendo insieme i muscoli dei gruppi anteriore e posteriore. La pelle viene suturata senza tensione, condurre il drenaggio sotto vuoto della ferita.

Video: l'amputazione del braccio morto che cammina

L'amputazione del terzo superiore della spalla viene eseguita secondo Farabef in un metodo a patch singola. L'incisione cutanea viene eseguita secondo i limiti del muscolo deltoide, formando in tal modo un lembo laterale. L'incisione cutanea è completata dalla fossa ascellare, che collega i punti superiori del lembo laterale, che, insieme al muscolo deltoide, viene ruotato verso l'esterno nella fase successiva dell'operazione. Dopo aver attraversato i tendini del grande pettorale, i muscoli rotondi e più ampi, l'arteria e la vena ascellare vengono isolate e legate e i rami del plesso brachiale vengono elaborati. Per preservare la funzione del muscolo deltoide, il nervo ascellare viene mantenuto. I muscoli della spalla si incrociano sotto l'osso di opila. L'operazione è completata chiudendo il moncone dell'omero con un lembo muscolo-fasciale e suturando la pelle.

La disarticolazione della spalla e della scapola viene eseguita in casi eccezionali con indicazioni assolute a causa della complessità di ulteriori protesi.