Come abbiamo trattato la dysbacteriosis e la dermatite atopica in un bambino

Con la dermatite atopica (di seguito indicata come AD), mia figlia, insieme a lei, noi, i genitori, abbiamo conosciuto da vicino l'età di 1 anno e 4 mesi. È apparso, ne sono certo, grazie al gran numero di farmaci presi durante l'anno scorso. Un ruolo importante è stato giocato dalla disbiosi intestinale, i cui segni il nostro pediatra ha chiuso gli occhi. E credevo che il pediatra - non conducesse il bambino ad essere esaminato.

Com'è cominciato tutto

La disbacteriosi era manifestata dal fatto che la figlia era costantemente a poco a poco "sporca" il pannolino. Dovevamo lavarci e cambiarci ogni cinque o dieci minuti, il culo era rosso vivo per l'irritazione costante, nessun prodotto per la cura aiutato, solo "Bepanten" salvato. È durato fino a 4 mesi.

Guardando al futuro, dirò che 5,5 mesi dopo l'inizio degli antibiotici, tutto è iniziato di nuovo. In 1 anno, le feci erano una volta ogni due giorni, in assenza di un trattamento adeguato, la situazione peggiorava - la stitichezza iniziava in 2 anni - lo sgabello era una volta ogni tre giorni.

Quando aveva 3,5 mesi, due settimane dopo la vaccinazione DPT, mia figlia si ammalò per la prima volta. E ha iniziato... Con una pausa di 1,5-2 settimane tra le malattie, il bambino era ammalato fino a 1 anno e 1 mese. Siamo riusciti a stenderci in ospedale, sono state prese molte medicine, gli antibiotici sono stati prescritti all'interno, nelle orecchie, nel naso, negli occhi.

Appello all'immunologo

L'estate arrivò, le malattie furono rilasciate, ma per tutto il tempo la temperatura era di 37.2 grammi. La temperatura è scesa a valori normali solo durante il sonno. Ci siamo rivolti a un immunologo, abbiamo superato i test. Ha rivelato solo l'herpes di tipo 6.

Immunologo prescritto per mettere candele "Viferon" per 2,5 mesi. E poi ho fatto un errore - li ho messi. E dopo aver saputo che queste candele troppo spesso causano reazioni allergiche. L'herpes di tipo 6 non viene trattato, solo affogato.

Perché l'immunologo ha dato a sua figlia un trattamento? Dopo 2,5 mesi di assunzione di queste candele, l'herpes, ovviamente, non è andato da nessuna parte, non si è nemmeno soffocato - tutto è rimasto come prima. L'immunologo ancora una volta ci ha prescritto un corso di trattamento con queste candele, ma non ho iniziato a impostarle.

Ciao, dermatite atopica

E qui la dermatite atopica è entrata nella nostra vita in una troica con le campane. L'inizio della presa delle candele al bambino è stato caratterizzato da un periodo di desquamazione della pelle, è diventata ruvida, poi la sua pelle è sbocciata da piaghe e enormi chiazze di pelle secca e rossa. Ho spaventato l'allarme quando mia figlia ha iniziato a pettinarsi mani e piedi nel sangue un mese dopo. Era spaccato più di notte, in un sogno. Ho tenuto le sue mani dalle due del mattino fino alle sei del mattino. C'erano giorni in cui non poteva fare colazione - doveva dar da mangiare a lei stessa, tenendo le maniglie, senza lasciarsi sfuggire il prurito. Durò metà della caduta e per tutto l'inverno.

In primavera, dopo aver assunto il farmaco, usando agenti esterni, iniziò, in primo luogo, a migliorare, e in secondo luogo, indovinammo di bendare braccia e gambe. Era impossibile arrampicarsi sotto le bende, la figlia cominciò a dormire molto meglio. I guanti sulle maniglie nella nostra situazione non si sono risparmiati, li hanno pettinati meglio che con le unghie - lo hanno massaggiato molto forte.

Quindi sono venuto al trattamento nella mia storia. Avevamo molti allergologi, dermatologi e perfino un omeopata.

Nuovo trattamento e dieta

Prima di tutto, alla figlia fu prescritta una dieta rigorosa - la razione impoverì fino a una dozzina di tipi di prodotti - cereali, carne magra, frutta, solo mele e pere verdi. I medici prescrivevano il trattamento con pomate ormonali, creme che aiutavano solo per la durata del trattamento, poi tutte le piaghe restituite. L'omeopata, avendo fatto la diagnosi corretta - fu confermato dai medici della medicina tradizionale, scrisse piselli carichi, che non aiutarono il nostro bambino. Pertanto, ci siamo rivolti a un altro allergologo-immunologo, che è diventato la nostra bacchetta magica. Il medico avvertì immediatamente che non era una maga, era impossibile curare la dermatite in un giorno. Ho spiegato che mia figlia ha un problema nella scarsità di enzimi digestivi, oltre che nella disbatteriosi. E cominciò a trattare non solo il risultato - piaghe della pelle, ma anche la causa - malattie interne.

La cura immediata non è arrivata, ma ci sono stati progressi significativi - periodi di remissione (un significativo indebolimento della dermatite atopica) tra farmaci - la prima pausa in sei mesi di uso continuo di farmaci antiallergici e cardatura. Il nostro allergologo ha osservato nostra figlia per sette mesi. Cinque di loro, non abbiamo usato pomate ormonali. Ci sono stati brevi periodi di significativo deterioramento, che sono passati con successo senza l'uso di potenti farmaci.

In estate siamo andati in Crimea - il sole e i bagni di mare hanno aiutato molto - la pelle è diventata liscia, cosa che non era stata per molto tempo.

Dermatite regolare

Il periodo di remissione è durato fino a metà autunno. Poi l'irritazione ricominciò. Ci siamo rivolti all'Istituto di Gastroenterologia. "Fukortsin" ci è stato prescritto - un rimedio molto economico, ma unguento ormonale e funzionante - la pelle era di nuovo in pessime condizioni. Poi sono stati prescritti vari esami - test per parassiti, infezioni, disbatteriosi, allergeni. Sono stati prescritti una radiografia intestinale, un'ecografia addominale.

  • leggera allergia al tuorlo;
  • gozzo;
  • Gli ultrasuoni hanno rivelato una piega nella cistifellea, una conseguenza - il ristagno della bile, la colestasi;
  • I raggi X hanno rivelato un allungamento di parte dell'intestino.

In generale, il medico ha detto che la disbatteriosi non è trattata, ma la microflora intestinale deve essere costantemente mantenuta - Bififorme, Atsipol e altri farmaci simili. Inoltre, di tanto in tanto è necessario bere la medicina della pillola biliare.

L'allungamento dell'intestino è la causa della stitichezza, che causa una forte complicazione sotto forma di dermatite atopica. Pertanto, ci è stato consigliato, in assenza di una sedia per più di due giorni, di mettere una candela di glicerina o clistere. Al primo set. Ma realizzando che questa misura era temporanea, ho seguito la dieta molto da vicino, prestando particolare attenzione alla quantità di fluido che bevo.

Metto un bicchiere d'acqua davanti a mia figlia ogni due o tre ore e in modi diversi - con l'inganno, la persuasione, l'ordine e costretto a bere. Ho anche iniziato a versare un quarto di cucchiaio di girasole o di olio d'oliva in ogni piatto (porridge, zuppa). Queste misure l'hanno aiutata un po '- ha iniziato ad andare in bagno di nuovo 1 volta in 2 giorni, ogni tanto ogni giorno. La dieta è aumentata - ho iniziato a dare carote, pannocchie, una marmellata fatta in casa, altri prodotti.

Miglioramento tanto atteso

Questo periodo autunno-inverno è stato più facile per noi rispetto al precedente. L'età ha svolto il suo ruolo o trattamento normale - non lo so. Ma ora so per certo le cause del problema e il modo di annegarlo, se non curato. Ora la pelle della figlia è in uno stato più o meno normale, dopo un'altra esacerbazione durante l'assunzione di un farmaco antivirale. Sto cercando in tutti i modi di proteggerlo da nuovi unguenti ormonali e di stabilire il normale funzionamento del corpo. Mi dispiace di aver ignorato i segnali di problemi futuri, considerando che tutto passerà da solo.

I miei risultati

Farò alcune conclusioni:

  1. Se qualcosa ti confonde nella salute del bambino, non essere pigro per fare dei test. Da esaminare per non perdere e non iniziare una possibile malattia.
  2. Se il bambino viene curato, ma non ci sono risultati, cerca il "tuo" allergologo, vai da diversi specialisti, puoi provare l'omeopatia, anche se non ha aiutato mio figlio, ma conosco diversi esempi di trattamenti efficaci con rimedi omeopatici.
  3. Assicurati di avere la pressione sanguigna - un sondaggio da un gastroenterologo, problemi intestinali - la causa più comune di manifestazioni cutanee della pressione sanguigna.
  4. Molti credono che il trattamento della pressione arteriosa non sia necessario - passerà con l'età. Sono sicuro che è necessario trattare, ma non la pressione del sangue (di solito è solo una conseguenza), ma la sua causa. Se ignori le manifestazioni della malattia, poi, nel tempo, puoi ottenere un'allergia modificata sotto forma di rinite cronica (rinite) e poi asma.

Ora alcune ricette. Tutti i piatti che faccio senza rispettare le proporzioni, in altre parole "a occhio".

Ricette per piatti gustosi e sani per la disbatteriosi

Zuppa di purea di cavolfiore con polpette di carne
Per prima cosa è necessario far scorrere le polpette nell'acqua, dopo aver fatto bollire versare il brodo. Quindi versare di nuovo l'acqua, mettere il cavolfiore, un po 'di cipolle e cuocere fino al momento. Quindi rimuovere le polpette dalla zuppa, tritare il cavolo con un frullatore fino a che liscio. Salare come desiderato Se il brodo si è rivelato troppo, prima di tagliare è meglio drenare l'eccesso in modo che la zuppa non esca troppo.

frittelle
Kefir 2-3 cucchiai. cucchiai, una manciata di farina - riso, grano, grano saraceno (il grano saraceno fa crollare i pancakes più capricciosi), mezzo cucchiaino di olio di semi di girasole. Dovrebbe risultare la panna acida consistenza dell'impasto. Se lo si desidera, salare e addolcire. Friggere in una padella asciutta fino a doratura chiara. I pancake troppo fritti possono essere dannosi. Verso l'impasto nella padella con un cucchiaino, rende i pancake piccoli e convenienti.

torte di formaggio
Ricotta 50 gr., Farina - 1-2 cucchiai. cucchiaio. Se lo si desidera, aggiungere alle torte di formaggio o decorarle con banana tritata, pera, mirtillo, ecc. Anche lo zucchero e il sale sono la tua scelta. Metti la massa risultante dei singoli cheesecakes su una teglia da forno - io uso per questo un cucchiaio coperto con carta pergamena. Cuocere in forno a 180-200 gradi fino a doratura, circa 20-30 minuti.

Amrita Kiev 098 400-11-67

Sito del distributore indipendente koipaniya "Amrita"

Dermatiti e intestino

A prima vista, le irritazioni cutanee simili all'eczema non hanno nulla a che fare con lo stato del tratto gastrointestinale. Ma ora la connessione della dermatite atopica con malattie intestinali è stata dimostrata dagli scienziati. È stato stabilito che la maggior parte dei pazienti che soffrono di dermatite atopica soffre di alcune delle malattie del tratto gastrointestinale: gastroduodenitis, gastrite cronica, malattie del fegato e della cistifellea, sindrome dell'intestino irritabile con stitichezza, violazione della microflora intestinale. Spesso il fatto dell'esistenza delle suddette malattie è la causa della comparsa di cambiamenti della pelle sia nei bambini che negli adulti. La dermatite atopica (atipica, speciale) si verifica a causa di un'infiammazione allergica e di una reazione cutanea innaturalmente aumentata sia per le influenze esterne sia per gli effetti interni. Queste reazioni si manifestano sotto forma di rossore, la pelle è molto pruriginosa, ci sono graffi, aree umide, eruzioni cutanee.

La diagnosi tiene conto dell'intensità e della prevalenza delle lesioni cutanee, è necessario fare un esame del sangue, così come i test allergologici. Quindi viene effettuato un confronto con altre malattie simili all'eczema. perché nelle persone che soffrono di dermatite atopica in 9 casi su 10 si verifica una gastrite cronica, ed è causata più spesso a causa dell'elicobatteriosi, al fine di stabilire la corretta diagnosi del paziente è necessario essere esaminati per l'Helicobacteriosis. E nel trattamento dell'heliobacteriosi, raccomando di usare la ricetta del fitoterapista Vladimir Mikhalchenko di Vladimir. Questa è una collezione di erbe composta da: radici di Kalgan e burnet, erba di San Giovanni, motherwort, borsa da pastore e erba dalla fronte nera, infiorescenze di camomilla, cardo muschio islandese e radice di una radice. Ogni erba è di 50 g, quindi, dopo aver preparato la miscela, portarla in una quantità di 1 dec. cucchiaio e versare 500 ml di acqua bollente. Quindi versato in un thermos, dove l'infusione dovrebbe stare tutta la notte. L'infusione deve essere presa tiepida 3 volte al giorno, 150 ml per 1 ora prima dei pasti. Continua a bere in frigo. La tintura è presa per 1-2 mesi. Ogni 10 giorni di ammissione, devi fare una pausa di 2 giorni, quindi riprendere la ricezione. In parallelo, si consiglia di utilizzare cipolle, aglio, zenzero come additivi alimentari.

Quasi un terzo delle persone con dermatite atopica si riprende dopo la distruzione dell'elicobakter. Inoltre, la sua distruzione migliora le condizioni dei pazienti rimanenti e, soprattutto, se la malattia scorre continuamente, si traduce in un percorso recidivante.

La stragrande maggioranza (80-95%) dei pazienti con dermatite atopica nel corpo non ha abbastanza lattobacilli, che è la causa della disbiosi intestinale. Ma i lattobacilli non consentono l'assorbimento degli allergeni e grazie a loro si formano le immunoglobuline, che sono i principali avversari degli allergeni. In parallelo, Escherichia coli con proprietà alterate (stafilococco) e candida sono eccessivamente in crescita. Per eliminare questi disturbi, è necessario pulire l'intestino dei batteri nocivi, rimuovere le tossine dal corpo (terapia di disintossicazione) e promuovere lo sviluppo della microflora del paziente e regolare il funzionamento del suo intestino. Diverse tossine, microrganismi condizionatamente patogeni, allergeni, così come i loro prodotti metabolici vengono rimossi dal corpo attraverso l'uso di assorbenti naturali in cui è presente la lignina polimerica vegetale.

Nel trattamento della dermatite atopica apparve ora una nuova direzione. Questa tendenza si basa sull'uso di farmaci che fungono da terreno fertile per lo sviluppo di una flora intestinale benefica (prebiotici), farmaci come lactico, duphalac, lattulosio, normasi. Nella preparazione di lattofiltrum sorbent e prebiotic sono uniti. È molto facile da usare (entro 3-4 settimane è necessario prendere 2 compresse 3 volte al giorno) e consiste di ingredienti naturali.

Le sostanze tossiche che si formano nell'intestino agiscono su molti organi e non solo sul sistema immunitario. In particolare, influenzano negativamente il funzionamento delle vie biliari e del fegato. Quindi più della metà delle persone che soffrono di dermatite atopica, sostanze nocive sono scarsamente rimosse dal corpo a causa della scarsa riduzione della cistifellea. In un terzo dei pazienti la bile densa è formata da pietre o scaglie molli, il che indica anche che si verificano malfunzionamenti nella cistifellea.

In altre parole, la funzione degli organi digestivi sulla rimozione delle tossine dal corpo è disturbata. Pertanto, al momento, gli agenti coleretici sono una componente indispensabile nel complesso trattamento dei pazienti con dermatite atopica. Questi sono vari raduni coleretici di erbe, sposo, hepabene, hofitol, infusione di rosa canina, holosas. Inoltre, vengono prescritti farmaci che migliorano la qualità della bile e il funzionamento del fegato. Questo, per esempio, Ursosan, Ursofalk, Urolesan. Inoltre, i farmaci vengono utilizzati dal cardo mariano. Questi sono Kars, Silymarin, Legalon, Hepathosan, Heptral. Al fine di eliminare la cistifellea dalla stagnazione del mattino a stomaco vuoto, bere 1 dess. cucchiaio di olio vegetale o bollito, e preferibilmente minerale, acqua.

Anche per il trattamento complesso della dermatite atopica è raccomandata una fitocomposizione naturale del produttore ucraino Amrita Yantra Crystal. È indispensabile per rimuovere qualsiasi tipo di intossicazione esterna e interna del corpo. Normalizza il funzionamento del tratto digestivo, del fegato, del sistema urinario, della secrezione biliare. Grazie a questo farmaco, il corpo si libera di prodotti di scarto di tossine e allergeni di qualsiasi origine.

Per la prevenzione e il trattamento della dermatite atopica durante la sua esacerbazione, si raccomandano le seguenti ricette.

  • 1 cucchiaio. un cucchiaio di una miscela di erbe: serie di equiseto (10 g ciascuno), achillea e assenzio 5 g ciascuno, erba di San Giovanni 15 g, foglie di ortica e piantaggine (10 g ciascuno), foglie di uva ursina 20 g devono essere versate con un bicchiere di acqua bollente. Dosaggio: 3 volte al giorno, 1/3 tazza prima dei pasti. Bevi entro 2 mesi.
  • una miscela di erbe: menta piperita (5 g), viola tricolore (20 g), equiseto, erba di San Giovanni (15 g), radice di elecampo, coni di luppolo (10 g ciascuno), maggiorana, fiori di camomilla (15 g). Preparare e accettare come la raccolta precedente.

• Se un paziente ha costipazione, oltre a questi costi dovrebbe essere somministrato lassativi da cumino e 5 g di frutti, 10 g di semi di piantaggine, o preparati come normase, dufalac, lactusan. Tutti questi preparati sono fatti sulla base del lattulosio. La dose è individuale 20-40 ml.

Dermatite atopica e disturbi della resistenza coloniale dell'intestino - interrelazione e metodi di correzione

Circa l'articolo

Autore: Kruglova L.S. (FGBU DPO TSGMA UDP RF, Mosca)

Per la citazione: Kruglova L.S. Dermatite atopica e violazioni della resistenza coloniale dell'intestino - la relazione e i metodi di correzione // BC. 2011. №28. Pp. 1786

La moderna scienza medica consente al professionista di considerare le malattie non solo all'interno della struttura ristretta del complesso dei sintomi, ma anche dal punto di vista dei cambiamenti nelle riserve funzionali del corpo umano come risultato di una violazione delle sue capacità adattive. Il costante aumento dell'incidenza della dermatite atopica (AD), la presenza di forme ricorrenti e croniche creano la necessità di integrare le tecnologie di trattamento e riabilitazione volte a ripristinare e preservare la salute compromessa da questa patologia.

Secondo i concetti moderni, il corpo umano è una certa nicchia ecologica per una varietà di vari microrganismi che normalmente formano una specie di vari biotopi che sono sistemi piuttosto complessi che si sono formati nel processo di evoluzione e con il tempo hanno acquisito una certa stabilità in relazione alle caratteristiche del macroorganismo. I biotopi si distinguono non solo per la loro natura multicomponente, ma anche per la diversità quantitativa dei rappresentanti della microflora al loro interno [1].
La costanza della automoflora batterica del corpo umano rende possibile trattare i batteri che esistono prevalentemente in quattro localizzazioni - sulla pelle e sulle mucose della bocca, dell'intestino e dei genitali - come una specie di organo procariotico. Inoltre, i cambiamenti in uno dei biotopi possono portare a violazioni in altri.
La formazione di microflora di biotopi del corpo, e soprattutto della pelle e dell'intestino, si verifica già dalla nascita di un bambino quando passa attraverso il canale del parto. In futuro, la formazione è influenzata da molti fattori: la composizione della microflora dei biotopi della madre, il tipo di alimentazione, e quindi la natura della nutrizione, lo stato della salute somatica del bambino e l'ambiente [2, 3].
Di tutti i biotopi del corpo, il più grande numero e varietà di batteri è notato nel biotopo intestinale: per esempio, i batteri 1012-1014 vivono su un'area di 200 m2, si possono trovare fino a 450 specie di microrganismi diversi, la cui massa totale raggiunge il 5% della massa intestinale [4,5 ]. Inoltre, in diverse parti dell'intestino il numero e la composizione dei microrganismi nella biocenosi è diverso. Nell'intestino tenue ci sono meno microbi - questi sono principalmente lattobacilli, streptococchi e veylonellas, e ce ne sono più nell'intestino crasso, con prevalenza di Escherichia coli e batteri anaerobici. Numerosi microrganismi forniscono funzioni importanti come la produzione di enzimi coinvolti nel metabolismo di proteine, lipidi, grassi, acidi nucleici e biliari, la formazione di meccanismi di difesa immunitaria, il mantenimento dell'omeostasi del corpo, la produzione di sostanze e vitamine biologicamente attive, la disintossicazione di substrati endogeni ed esogeni e molti altri.
La microflora intestinale è condizionata a livello protettivo, saprofitico e opportunistico (condizionatamente patogeno). La microflora protettiva è la più numerosa (fino al 95%) ed è rappresentata principalmente da lattobatteri, bifidobatteri ed Escherichia coli con normali proprietà enzimatiche. Forniscono la costanza della microflora grazie alla resistenza coloniale. Quindi, i bifidobatteri, i lattobacilli secernono acido lattico, acido acetico, altre sostanze con azione antimicrobica selettiva. L'ambiente acido, dovuto all'attività vitale di questi microrganismi, impedisce la penetrazione e la fissazione di microbi patologici sulla mucosa, che non sono caratteristici di questo biotopo. Inoltre, i bifidobatteri stimolano l'immunità cellulare e sono coinvolti nella sintesi delle immunoglobuline. Questi batteri sono biosorbenti naturali e sono in grado di accumulare una quantità significativa di composti di metalli pesanti, fenoli, formaldeidi e altre sostanze tossiche [6,7]. Tuttavia, secondo le moderne concezioni, molto probabilmente una quantità insufficiente di lattobacilli è il principale fattore aggravante della dermatite atopica. Sono i lattobacilli che riducono significativamente l'assorbimento degli allergeni nell'intestino e stimolano la sintesi delle immunoglobuline di classe A, che, soprattutto nella prima infanzia, sono i principali anticorpi contro gli allergeni alimentari [8,9].
La microflora saprofitica intestinale è rappresentata da stafilococchi epidermici e saprofiti, enterococchi e altri microrganismi, la cui funzione principale è l'utilizzo dei prodotti finali del metabolismo del macroorganismo [5].
La microflora opportunistica può essere rappresentata da vari microrganismi (β-streptococco emolitico, Staphylococcus aureus, anaerobi sporiferi, enterococchi gram-negativi, funghi del genere Candida) che, a determinate condizioni, causano il processo patologico [5].
Pertanto, nella microbiocenosi intestinale, come in un singolo sistema, esistono correlazioni tra diversi tipi di batteri. La violazione della resistenza di colonizzazione dell'intestino, associata a cambiamenti nella composizione della microflora permanente, contribuisce alla colonizzazione di batteri patogeni e condizionatamente patogeni, interruzione delle funzioni principali, che porta alla formazione di disbiosi [Melnikova, 1997; Bilimova, 2000; Belova et al., 2004; Cammarota, Ogava, 1998].
Secondo lo standard medico in Russia per la fornitura di cure specialistiche nella patologia del tratto gastrointestinale (GIT), la disbiosi intestinale è considerata come una sorta di sindrome clinico-laboratorio, che è caratterizzata da un cambiamento nella composizione qualitativa e / o quantitativa dei microrganismi autologhi, che non sono tipici dei loro biotopi tuttavia, questi cambiamenti possono essere accompagnati da sintomi clinici di danno intestinale. In senso lato, la disbiosi è una manifestazione di un disturbo comune in vari microbioti del corpo, che porta all'interruzione del funzionamento del microbiota ed è accompagnata da alcuni sintomi associati a varie condizioni patologiche [5, 10, 11].
Con lo sviluppo della disbiosi, la microflora intestinale cessa di svolgere le sue funzioni in misura sufficiente, il che porta alla formazione di condizioni patologiche o di aggravamento del decorso della patologia somatica esistente [12,13]. Le malattie associate alla disbiosi, a seconda della prevalenza di meccanismi che aggravano il decorso della malattia, sono convenzionalmente suddivise in 4 gruppi:
• malattie dell'apparato digerente,
• purulenta - malattie infiammatorie,
• malattie allergiche,
• malattie associate a disordini metabolici (metabolismo).
Numerosi studi hanno dimostrato che l'interruzione delle relazioni biocenotiche tra i batteri patogeni e il normale microbiota intestinale è uno dei fattori più importanti che influenzano lo sviluppo e il decorso di un certo numero di dermatosi croniche, in particolare di malattie della pelle allergiche. AA Vorobev, L.O. Inozemtseva, Yu.V. Nesvizh (1996), R.J. De Vos, W.A. De Boer, F.D. Haas (1995) ritiene che l'insorgenza di malattie della pelle in una certa misura sia associata a una violazione dell'equilibrio microecologico dell'intestino. In particolare, l'80-95% dei pazienti con dermatite atopica presenta disbiosi intestinale, mentre si osserva una carenza di lattobatteri e bifidobatteri, un'eccessiva crescita di Staphilococcus aureus, E. coli con alterate proprietà dei funghi Candida. La presenza di microflora patogena provoca un'autosensibilizzazione dell'organismo con lo sviluppo di reazioni immuno-allergiche principalmente del tipo IgE-dipendente. Inoltre, alcuni ceppi di Staphilococcus aureus secernono tossine che fungono da superantigeni in grado di attivare fino al 10% dei linfociti. Allo stesso tempo, c'è un aumento della sensibilizzazione alimentare a causa della compromissione della funzione di barriera intestinale. Naturalmente, tutti questi fattori rendono più pesante il corso dell'AD, portando a un processo cronico. Ciò è confermato da numerosi studi, che hanno portato a una correlazione tra la gravità della disbiosi e la gravità delle manifestazioni cliniche della dermatite atopica, nonché i dati sull'efficacia del trattamento con effetti mirati sulla microflora intestinale [14,15]. Oltre all'effetto diretto della disbiosi sulla sensibilizzazione del corpo nella dermatite atopica, è stato dimostrato l'effetto mediato sulla composizione della pelle automicrohlor nei pazienti con ATP [16].
Naturalmente, i regimi di trattamento razionale per la dermatite atopica dovrebbero includere metodi di detossificazione (in particolare, l'enterosorbimento) e l'uso di farmaci che ripristinano e mantengono la normale microflora intestinale. Enterosorption è un metodo di disintossicazione non invasivo e mira a rimuovere vari allergeni endogeni ed esogeni, tossine, microrganismi patogeni e i loro prodotti metabolici dal corpo. È noto che sullo sfondo delle misure di enterosorbimento aumenta l'attività funzionale dell'immunità cellulare e umorale e accelera la regressione dei sintomi oggettivi e soggettivi della dermatite atopica [17,18]. È significativo che gli assorbenti possano ridurre il carico di droga e, in alcuni casi, farne a meno.
I requisiti per i moderni enterosorbenti sono i seguenti: elevate proprietà di assorbimento (capacità); mancanza di proprietà tossiche e farmacocinetica sistemica; atraumatico per le membrane mucose del tratto gastrointestinale; buona capacità di evacuazione; alta conformità [19]. Il meccanismo del processo di enterosorbimento dipende da due fattori: le caratteristiche del sorbente e la struttura delle sostanze da sorbire. I sorbenti possono differire in diversi modi: forma di dosaggio, proprietà fisiche e struttura chimica. Uno dei sorbenti più efficaci è l'organico naturale a base di fibre alimentari, come la lignina, che non è assorbita dal sistema digestivo umano e viene completamente fermentata dai batteri intestinali. La proprietà più importante della lignina è l'elevata attività di assorbimento.
Allo stesso tempo, lo sviluppo di una tendenza relativamente nuova nel trattamento della dermatite atopica, l'inclusione di prebiotici nel complesso di misure terapeutiche, isolato da fonti naturali e con alcune proprietà regolatorie in relazione al funzionamento del biotopo intestinale, è di grande interesse. A differenza dei probiotici, che forniscono i batteri necessari dall'esterno, i prebiotici agiscono come un mezzo nutritivo per lo sviluppo della normale microflora del corpo, che contribuisce a un ripristino più rapido e sostenibile del normale auto-batterico intestinale [20,21]. Di norma, le sostanze contenenti fattori bifidogenici che stimolano la crescita e lo sviluppo di batteri benefici vengono utilizzate come prebiotici. Tale sostanza, in particolare, è il lattulosio - uno stereoisomero sintetico dello zucchero del latte - lattosio.
Quindi, fino ad oggi, la combinazione ideale può essere considerata come farmaci combinati contenenti un prebiotico e un adsorbente. Tale farmaco è Laktofiltrum®, che comprende un assorbente e un prebiotico. Come assorbente, il farmaco contiene un componente vegetale - la lignina, che ha un effetto di disintossicazione non specifico. Grazie all'ampia superficie e al sistema di pori sviluppato, ha un'elevata capacità di assorbimento ed è quindi in grado di espellere tossine, allergeni e agenti patogeni dall'organismo. Il lattulosio agisce come un prebiotico, il cui effetto positivo sulla microflora intestinale è dovuto a una serie di proprietà farmacologiche. Pertanto, i prodotti del metabolismo batterico del lattulosio spostano il pH del terreno nel colon verso il lato acido, il che porta alla soppressione della moltiplicazione dei microrganismi patogeni e alla soppressione dei processi di decadimento. Inoltre, essendo un substrato alimentare per i batteri, il lattulosio stimola la crescita dei propri bifidobatteri e lactobatteri nell'intestino crasso e questo, a sua volta, ripristina le funzioni compromesse del biotopo intestinale. I principi attivi del farmaco non sono inattivati ​​nei mezzi aggressivi dello stomaco e del duodeno, che garantisce il 100% di consegna direttamente sul sito di azione. Laktofiltrum® è fatto da componenti di origine naturale in forma di compresse ed è facile da usare. Il farmaco ha dimostrato di essere altamente sicuro, che non ha praticamente controindicazioni all'uso e agli effetti collaterali [22,23].
Nell'ambito clinico, sotto la nostra supervisione c'erano 40 pazienti (età media 18,9 ± 2,3 anni, durata della malattia 11,4 ± 2,7 anni) con dermatite atopica diagnosticata secondo i criteri principali. Nella maggior parte dei pazienti, l'AT era molto diffuso: il DISS (indice dermatologico della scala dei sintomi) era di 18,2 ± 2,3 punti, che corrisponde al decorso moderato dell'AT. A seconda del trattamento, i pazienti sono stati divisi in 2 gruppi comparabili in tutti i parametri. Il gruppo principale consisteva di 20 pazienti che hanno ricevuto Laktofiltrum®, 2 compresse 3 volte al giorno per 21 giorni e una terapia farmacologica conforme agli standard per questa patologia. I pazienti del gruppo 2 (20 persone) hanno ricevuto terapia farmacologica tradizionale.
Prima del trattamento, il 97,5% dei pazienti è stato diagnosticato con disbiosi intestinale e nel 52,5% dei pazienti ha presentato sintomi clinici (flatulenza, aumento della peristalsi, alterazione delle feci, disagio con le sensazioni soggettive). Dopo trattamento complesso nel gruppo principale, il 95% dei pazienti ha mostrato la normalizzazione del contenuto di lattobacilli, bifidobactria ed E. coli. La stessa tendenza è stata osservata in relazione ai sintomi clinici della disbiosi. Nel gruppo di confronto non si sono verificati cambiamenti significativi nel contenuto quantitativo di lattobacilli, bifidobactria ed E. coli (Fig. 1).
Sotto l'influenza di un trattamento complesso (gruppo 1), dopo 3 settimane, solo il 10% dei pazienti aveva in media manifestazioni dei sintomi oggettivi della malattia, mentre nel gruppo di confronto erano espressi nel 54% dei casi (Fig. 2).
Alla fine del trattamento, l'indice DISS, che riflette la gravità del decorso dell'AD, nel gruppo principale è diminuito dell'84%, nel gruppo di confronto solo del 53%.
L'analisi della gravità del prurito utilizzando il questionario di valutazione del punteggio comportamentale (BRS) ha mostrato un pronunciato effetto negativo del prurito sulle attività quotidiane dei pazienti con AD. Quindi, prima del trattamento nel 1o gruppo, il valore di BRS era di 7,1 ± 0,4 punti, nel 2o gruppo - 6,8 ± 0,5 punti. Già dopo 1 settimana dall'inizio del trattamento nel 1o gruppo, è stato osservato un regresso più pronunciato dei sintomi soggettivi: una diminuzione del BRS del 55%, nel 2o gruppo - del 26%. Alla fine del trattamento nel 1 ° gruppo, il valore di BRS era di 0,4 ± 0,1 punti. Nel gruppo di controllo, alla fine del trattamento, l'indice è diminuito solo del 58% (Fig. 3). Questi dati erano in accordo con gli indicatori dei marcatori biochimici di prurito (Tabella 1).
Come si può vedere dai dati in tabella, dopo una terapia complessa, incluso l'uso di Lactofiltrum®, il recupero degli indici di serotonina e istamina è aumentato nello stato iniziale rispetto ai valori normali - 0,81 ± 0,32 e 0,87 ± 0,13 (p 13.12.2011 Pantoprazolo: degno tra i più forti

La medicina moderna non può essere immaginata senza inibitori della pompa protonica (PPI), che.

Introduzione La sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è una delle più comuni.

Dermatite atopica e disturbi della resistenza coloniale dell'intestino - metodi di interrelazione e correzione

Pubblicato sulla rivista:
"Cancro al seno, malattie dell'apparato digerente", n. 28, 2011.

MD LS Kruglov
Centro scientifico e pratico di Mosca per la dermatovenerologia e la cosmetologia del Dipartimento della salute di Mosca

La moderna scienza medica consente al professionista di considerare le malattie non solo all'interno della struttura ristretta del complesso dei sintomi, ma anche dal punto di vista dei cambiamenti nelle riserve funzionali del corpo umano come risultato di una violazione delle sue capacità adattive. Il costante aumento dell'incidenza della dermatite atopica (AD), la presenza di forme ricorrenti e croniche creano la necessità di integrare le tecnologie di trattamento e riabilitazione volte a ripristinare e mantenere la salute compromessa da questa patologia.

Secondo i concetti moderni, il corpo umano è una certa nicchia ecologica per una varietà di vari microrganismi che normalmente formano una specie di vari biotopi che sono sistemi piuttosto complessi che si sono formati nel processo di evoluzione e con il tempo hanno acquisito una certa stabilità in relazione alle caratteristiche del macroorganismo. I biotopi si distinguono non solo per la loro natura multicomponente, ma anche per la diversità quantitativa dei rappresentanti della microflora al loro interno [1].

La costanza della automoflora batterica del corpo umano rende possibile trattare i batteri che esistono prevalentemente in quattro localizzazioni - sulla pelle e sulle mucose della bocca, dell'intestino e dei genitali - come una specie di organo procariotico. Inoltre, i cambiamenti in uno dei biotopi possono portare a violazioni in altri. La formazione di microflora di biotopi del corpo, e soprattutto della pelle e dell'intestino, si verifica già dalla nascita di un bambino quando passa attraverso il canale del parto. In futuro, la formazione è influenzata da molti fattori: la composizione della microflora dei biotopi della madre, il tipo di alimentazione, e quindi la natura della nutrizione, lo stato della salute somatica del bambino e l'ambiente [2, 3].

Di tutti i biotopi del corpo, il più grande numero e varietà di batteri è notato nel biotopo intestinale: per esempio, 10 12 -10 14 batteri abitano un'area di 200 m 2, si possono trovare fino a 450 specie di vari microrganismi, la cui massa totale raggiunge il 5% della massa intestinale [ 4,5]. Inoltre, in diverse parti dell'intestino il numero e la composizione dei microrganismi nella biocenosi è diverso. Nell'intestino tenue, i microbi sono più piccoli, principalmente lattobacilli, streptococchi e veylonones, nell'intestino crasso ce ne sono molti di più, con l'Escherichia coli e i batteri anaerobici che dominano.

Numerosi microrganismi forniscono funzioni importanti come la produzione di enzimi coinvolti nel metabolismo di proteine, lipidi, grassi, acidi nucleici e biliari, la formazione di meccanismi di difesa immunitaria, il mantenimento dell'omeostasi del corpo, la produzione di sostanze e vitamine biologicamente attive, la disintossicazione di substrati endogeni ed esogeni e molti altri.

La microflora intestinale è condizionata a livello protettivo, saprofitico e opportunistico (condizionatamente patogeno). La microflora protettiva è la più numerosa (fino al 95%) ed è rappresentata principalmente da lattobatteri, bifidobatteri ed Escherichia coli con normali proprietà enzimatiche. Forniscono la costanza della microflora grazie alla resistenza coloniale. Quindi, i bifidobatteri, i lattobacilli secernono acido lattico, acido acetico, altre sostanze con azione antimicrobica selettiva. L'ambiente acido, dovuto all'attività vitale di questi microrganismi, impedisce la penetrazione e la fissazione di microbi patologici sulla mucosa, che non sono caratteristici di questo biotopo. Inoltre, i bifidobatteri stimolano l'immunità cellulare e sono coinvolti nella sintesi delle immunoglobuline. Questi batteri sono biosorbenti naturali e sono in grado di accumulare una quantità significativa di composti di metalli pesanti, fenoli, formaldeidi e altre sostanze tossiche [6,7]. Tuttavia, in accordo con le opinioni moderne, molto probabilmente una quantità insufficiente di lattobacilli è il principale fattore aggravante nella dermatite atopica.

Sono i lattobacilli che riducono significativamente l'assorbimento degli allergeni nell'intestino e stimolano la sintesi delle immunoglobuline di classe A, che, soprattutto nella prima infanzia, sono i principali anticorpi contro gli allergeni alimentari [8,9].

La microflora saprofitica intestinale è rappresentata da stafilococchi epidermici e saprofiti, enterococchi e altri microrganismi, la cui funzione principale è l'utilizzo dei prodotti finali del metabolismo del macroorganismo [5].

La microflora opportunistica può essere rappresentata da vari microrganismi (streptococco 3-emolitico, stafilococco aureo, anaerobi sporiferi, enterococchi gram-negativi, funghi del genere Candida), che in determinate condizioni causano il processo patologico [5].

Pertanto, nella microbiocenosi intestinale, come in un singolo sistema, esistono correlazioni tra diversi tipi di batteri. La violazione della resistenza di colonizzazione dell'intestino, associata a cambiamenti nella composizione della microflora permanente, contribuisce alla colonizzazione di batteri patogeni e condizionatamente patogeni, interruzione delle funzioni principali, che porta alla formazione di disbiosi [Melnikova, 1997; Bilimova, 2000; Belova et al., 2004; Cammaro-ta, Ogava, 1998].

Secondo lo standard medico in Russia per la fornitura di cure specialistiche nella patologia del tratto gastrointestinale (GIT), la disbiosi intestinale è considerata una sorta di sindrome clinica e di laboratorio, che è caratterizzata da un cambiamento nella composizione qualitativa e / o quantitativa dei microrganismi autologhi, che non sono tipici dei loro biotopi; tuttavia, questi cambiamenti possono essere accompagnati da sintomi clinici di danno intestinale. In senso lato, la disbiosi è una manifestazione di un disturbo comune in vari microbioti del corpo, che porta all'interruzione del funzionamento del microbiota ed è accompagnata da alcuni sintomi associati a varie condizioni patologiche [5, 10, 11].

Con lo sviluppo della disbiosi, la microflora intestinale cessa di svolgere le sue funzioni in misura sufficiente, il che porta alla formazione di condizioni patologiche o di aggravamento del decorso della patologia somatica esistente [12,13]. Le malattie associate alla disbiosi, a seconda della prevalenza di meccanismi che aggravano il decorso della malattia, sono convenzionalmente suddivise in 4 gruppi:

  • malattie dell'apparato digerente,
  • malattie infiammatorie,
  • malattie allergiche
  • malattie associate a disordini metabolici (metabolismo).
Numerosi studi hanno dimostrato che l'interruzione delle relazioni biocenotiche tra i batteri patogeni e il normale microbiota intestinale è uno dei fattori più importanti che influenzano lo sviluppo e il decorso di un certo numero di dermatosi croniche, in particolare di malattie della pelle allergiche. AA Vorobev, L.O. Inozemtseva, Yu.V. Nesvizh (1996), R.J. De Vos, W.A. De Boer, F.D. Haas (1995) ritiene che l'insorgenza di malattie della pelle in una certa misura sia associata a una violazione dell'equilibrio microecologico dell'intestino. In particolare, nell'80-95% dei pazienti con dermatite atopica si riscontra disbiosi intestinale, insieme a una carenza di lattobatteri e bifidobatteri, si osserva una crescita eccessiva di Staphilococcus aureus, E. coli con alterate proprietà dei funghi Candida. La presenza di microflora patogena causa l'autosensibilizzazione dell'organismo con lo sviluppo di reazioni immunosoppressive principalmente nel tipo IgE-dipendente. Inoltre, alcuni ceppi di Staphilococcus aureus secernono tossine che fungono da superantigeni in grado di attivare fino al 10% dei linfociti. Allo stesso tempo, c'è un aumento della sensibilizzazione alimentare a causa della compromissione della funzione di barriera intestinale. Naturalmente, tutti questi fattori rendono più pesante il corso dell'AD, portando alla sincronizzazione del processo. Ciò è confermato da numerosi studi, che hanno portato a una correlazione tra la gravità della disbiosi e la gravità delle manifestazioni cliniche della dermatite atopica, nonché i dati sull'efficacia del trattamento con effetti mirati sulla microflora intestinale [14,15]. Oltre all'effetto diretto della disbiosi sulla sensibilizzazione del corpo nella dermatite atopica, è stato dimostrato l'effetto mediato sulla composizione della pelle automicrohlor nei pazienti con ATP [16].

Naturalmente, i regimi di trattamento razionale per la dermatite atopica dovrebbero includere metodi di detossificazione (in particolare, l'enterosorbimento) e l'uso di farmaci che ripristinano e mantengono la normale microflora intestinale. Enterosorption è un metodo di disintossicazione non invasivo e mira a rimuovere vari allergeni endogeni ed esogeni, tossine, microrganismi patogeni e i loro prodotti metabolici dal corpo. È noto che sullo sfondo delle misure di enterosorbimento aumenta l'attività funzionale dell'immunità cellulare e umorale e accelera la regressione dei sintomi oggettivi e soggettivi della dermatite atopica [17,18].

È significativo che gli assorbenti possano ridurre il carico di droga e, in alcuni casi, farne a meno. I requisiti per i moderni enterosorbenti sono i seguenti: elevate proprietà di assorbimento (capacità); mancanza di proprietà tossiche e farmacocinetica sistemica; atraumatico per le membrane mucose del tratto gastrointestinale; buona capacità di evacuazione; alta conformità [19].

Il meccanismo del processo di enterosorbimento dipende da due fattori: le caratteristiche del sorbente e la struttura delle sostanze da sorbire. I sorbenti possono differire in diversi modi: forma di dosaggio, proprietà fisiche e struttura chimica. Uno dei sorbenti più efficaci è l'organico naturale a base di fibre alimentari, come la lignina, che non è assorbita dal sistema digestivo umano e viene completamente fermentata dai batteri intestinali. La proprietà più importante della lignina è l'elevata attività di assorbimento.

Allo stesso tempo, lo sviluppo di una tendenza relativamente nuova nel trattamento della dermatite atopica, l'inclusione di prebiotici nel complesso di misure terapeutiche, isolato da fonti naturali e con alcune proprietà regolatorie in relazione al funzionamento del biotopo intestinale, è di grande interesse. A differenza dei probiotici, che forniscono i batteri necessari dall'esterno, i prebiotici agiscono come un mezzo nutritivo per lo sviluppo della normale microflora del corpo, che contribuisce a un ripristino più rapido e sostenibile del normale auto-batterico intestinale [20,21]. Di norma, le sostanze contenenti fattori bifidogenici che stimolano la crescita e lo sviluppo di batteri benefici vengono utilizzate come prebiotici. Tale sostanza, in particolare, è il lattulosio - uno stereoisomero sintetico dello zucchero del latte - lattosio.

Pertanto, oggi una combinazione ideale può essere considerata una combinazione di farmaci contenenti un prebiotico e un adsorbente. Tale farmaco è Lactofiltrum ®, che include un assorbente e un prebiotico. Come assorbente, il farmaco contiene un componente vegetale - la lignina, che ha un effetto di disintossicazione non specifico. Grazie all'ampia superficie e al sistema di pori sviluppato, ha un'elevata capacità di assorbimento ed è quindi in grado di espellere tossine, allergeni e microrganismi patogeni dal corpo. Il lattulosio agisce come un prebiotico, il cui effetto positivo sulla microflora intestinale è dovuto a una serie di proprietà farmacologiche. Pertanto, i prodotti del metabolismo batterico del lattulosio spostano il pH del terreno nel colon verso il lato acido, il che porta alla soppressione della riproduzione di microrganismi patogeni e alla soppressione dei processi di decadimento. Inoltre, essendo un substrato alimentare per i batteri, il lattulosio stimola la crescita dei propri bifidobatteri e lactobatteri nell'intestino crasso e questo, a sua volta, ripristina le funzioni compromesse del biotopo intestinale.

I principi attivi del farmaco non sono inattivati ​​in ambienti aggressivi dello stomaco e del duodeno, che garantisce il 100% di consegna direttamente sul sito di azione.

Laktofiltrum ® è composto da componenti di origine naturale in forma di compresse ed è facile da usare. Il farmaco ha dimostrato di essere altamente sicuro, che non ha praticamente controindicazioni all'uso e agli effetti collaterali [22,23].

Nell'ambito clinico, sotto la nostra supervisione c'erano 40 pazienti (età media 18,9 ± 2,3 anni, durata della malattia 11,4 ± 2,7 anni) con dermatite atopica diagnosticata secondo i criteri principali. Nella maggior parte dei pazienti, l'AT era molto diffuso: il DISS (indice dermatologico della scala dei sintomi) era di 18,2 ± 2,3 punti, che corrisponde al decorso moderato dell'AT. A seconda del trattamento, i pazienti sono stati divisi in 2 gruppi comparabili in tutti i parametri. Il gruppo principale consisteva di 20 pazienti che hanno ricevuto il farmaco.

Laktofiltrum ® 2 compresse 3 volte al giorno per 21 giorni e la farmacoterapia che soddisfa gli standard per questa patologia. I pazienti del gruppo 2 (20 persone) hanno ricevuto terapia farmacologica tradizionale.

Prima del trattamento, il 97,5% dei pazienti è stato diagnosticato con disbiosi intestinale e nel 52,5% dei pazienti ha presentato sintomi clinici (flatulenza, aumento della peristalsi, alterazione delle feci, disagio con le sensazioni soggettive). Dopo trattamento complesso nel gruppo principale, il 95% dei pazienti ha avuto la normalizzazione del contenuto di lattobacilli, bifidobactria ed E. coli. La stessa tendenza è stata osservata in relazione ai sintomi clinici della disbiosi. Nel gruppo di confronto non si sono verificati cambiamenti significativi nel contenuto quantitativo di lattobacilli, bifidobactria ed E. coli (Fig. 1).

Fig. 1. Il numero di pazienti con ridotta resistenza coloniale
prima e dopo un trattamento complesso, compreso l'uso di Laktofiltrum ®
e trattamento farmacologico tradizionale

Sotto l'influenza di un trattamento complesso (gruppo 1), dopo 3 settimane, solo il 10% dei pazienti aveva in media manifestazioni dei sintomi oggettivi della malattia, mentre nel gruppo di confronto erano espressi nel 54% dei casi (Fig. 2).

Fig. 2. Dinamica della regressione dei sintomi clinici in pazienti con dermatite atopica sotto l'influenza di vari metodi di trattamento

Alla fine del trattamento, l'indice DISS, che riflette la gravità del decorso dell'AD, nel gruppo principale è diminuito dell'84%, nel gruppo di confronto solo del 53%. L'analisi della gravità del prurito utilizzando il questionario di valutazione del punteggio comportamentale (BRS) ha mostrato un pronunciato effetto negativo del prurito sulle attività quotidiane dei pazienti con AD. Quindi, prima del trattamento nel 1o gruppo, il valore di BRS era di 7,1 ± 0,4 punti, nel 2o gruppo - 6,8 ± 0,5 punti. Già dopo 1 settimana dall'inizio del trattamento nel 1 ° gruppo, è stata osservata una regressione più pronunciata dei sintomi soggettivi: una diminuzione del BRS del 55%, nel 2 ° gruppo - del 26%. Alla fine del trattamento nel 1 ° gruppo, il valore di BRS era di 0,4 ± 0,1 punti. Nel gruppo di controllo, alla fine del trattamento, l'indice è diminuito solo del 58% (Fig. 3). Questi dati erano in accordo con gli indicatori dei marcatori biochimici di prurito (Tabella 1).

Tabella 1.
Dinamica di indicatori di istamina e serotonina nel siero di pazienti con ATP sotto l'influenza di trattamento complesso, compreso l'assunzione di Laktofiltrum ® e terapia farmacologica tradizionale

Informazioni su IBD (malattia di Crohn)

Morbo di Crohn, diagnosi, dieta, trattamento

Dermatite atopica e condizione intestinale nei bambini

Il quadro clinico di molte malattie intestinali è aggravato dalla comparsa di sintomi extraintestinali e complicanze. La flora intestinale disturbata ha un effetto negativo sul corpo: aumenta la fermentazione intestinale, la produzione di tossine, agenti cancerogeni, fenoli, ammine (istamina, tiramina, piperidina, ecc.). Un alto livello di ammina esogena contribuisce alle malattie allergiche.

Le manifestazioni extraintestinali dei disturbi della funzione di barriera intestinale comprendono la dermatite atopica (AD) e l'asma bronchiale atopica.

Abbiamo esaminato 59 bambini di età compresa tra 4 mesi e 14 anni con la pressione del sangue e alcune manifestazioni di disfunzione intestinale. Oltre ad un accurato esame clinico e di laboratorio, tutti i bambini sono stati analizzati feci per disbiosi prima e dopo il trattamento, ecografia degli organi addominali, nonché, secondo le indicazioni, EGD e irrigologia.

40 bambini hanno sofferto di varie malattie intestinali. In 19 bambini, la patologia organica dell'intestino non è stata rilevata. I sintomi intestinali in questi pazienti erano associati a disturbi funzionali e considerati come sindrome dell'intestino irritabile (IBS). Allo stesso tempo, il 40,6% dei bambini esaminati ha sofferto di disbatteriosi di grado I, il 37,2% dei bambini ha avuto disbatteriosi di grado II e il 22,2% dei bambini ha avuto disbatteriosi di III grado.

Nella nostra pratica, per il trattamento della disbatteriosi, abbiamo utilizzato: a) le forme bifi (Ferrosan) - un moderno probiotico combinato contenente batteri naturali di due tipi: Bifidobacterium longum e Enterococcus faeceum, nonché un mezzo nutritivo per la rapida crescita iniziale dei batteri; il farmaco è disponibile in capsule resistenti agli acidi, in modo che senza perdita superi l'ambiente acido dello stomaco; b) acipol; c) narine in forma di pillola; g) hilak-forte; e) primadophilus; f) strumentazione. Contiene immunoglobuline di tre classi principali (IgG, IgM, IgA).

Per valutare l'efficacia del trattamento, abbiamo analizzato le dinamiche dei sintomi clinici e degli indicatori della microflora intestinale prima e dopo il trattamento in tre gruppi di bambini con dermatite atopica.

Il primo gruppo era costituito da 11 bambini con IBS e disbatteriosi di grado I-II, che avevano ricevuto una forma bifi per sette giorni, e poi da un narino da 10 a 14 giorni. Il secondo gruppo era costituito da 12 bambini con colite cronica ed enterocolite con durata della malattia superiore a un anno e disbatteriosi di grado II-III. Il corso di forma bifi in questi bambini è stato esteso a due settimane e, a partire da 5-7 giorni, hilak-forte o acipol sono stati collegati alla terapia per un periodo di almeno un mese. Il terzo gruppo era costituito da bambini con alterazioni organiche e funzionali nell'intestino, disbatteriosi II-III e lunga durata della malattia. I primi 5-7 giorni hanno ricevuto un complesso di farmaci immunitari e quindi hilak-forte o primadofilus per un periodo di uno o due mesi.
Quasi tutti i bambini del primo e secondo gruppo alla fine del trattamento hanno mostrato una chiara tendenza positiva, sia dai sintomi gastrointestinali, sia dalle manifestazioni cutanee. L'effetto clinico è stato combinato con il recupero completo della flora obbligatoria nell'85-90% dei casi e la sostituzione della flora facoltativa nel 92% dei pazienti.

Più difficile era la situazione nel terzo gruppo, in cui i disturbi della microflora intestinale nei bambini con dermatite atopica sono stati rilevati sullo sfondo di un processo infiammatorio cronico a lungo termine a livello intestinale, a volte in combinazione con la sua anomalia.

La dinamica delle manifestazioni cliniche e degli indicatori della microflora intestinale in questi bambini aveva un carattere più torpido e richiedeva un ulteriore approccio individuale alla scelta dei farmaci e il tempismo del loro uso.

Quindi, riassumendo quanto sopra, possiamo trarre le seguenti conclusioni.

  1. La dermatite atopica è spesso accompagnata da varie malattie intestinali, accompagnate da disbiosi.
  2. La tattica per la correzione dei disturbi della microbiocenosi intestinale dipende dal grado di disbatteriosi, dalla natura della patologia intestinale, dall'età, dalla durata della malattia, dalla gravità delle manifestazioni atopiche e dalla patologia concomitante.
  3. Le forme Bifi sono un efficace probiotico complesso per il trattamento della disbiosi intestinale, sono ben percepite, non danno effetti collaterali (vomito, stitichezza, aumento delle manifestazioni allergiche), hanno un effetto positivo sull'equilibrio della microflora intestinale in breve tempo (da cinque giorni a due settimane).
  4. L'uso della strumentazione nel trattamento della disbatteriosi di III grado nei bambini con AD ha mostrato la sua elevata efficacia sia nell'alleviare le manifestazioni cliniche sia nel ripristinare la normale composizione della flora intestinale.

autori:

L. Tsvetkova;
E. I. Aliyev;
M.A. Kukushkina.

Nuove prove suggeriscono che la dermatite atopica può essere trattata con proteine ​​che proteggono il feto dal sistema immunitario della madre durante la gravidanza. I risultati della ricerca sono pubblicati sulla rivista International Immunopharmacology.
Ricercatori dal Giappone hanno scoperto una proteina chiamata antigene leucocitario umano-G1 (HLA-G1), che riduce significativamente la gravità delle lesioni cutanee nel modello di dermatite atopica nei topi. HLA-G1 riduce l'attività del sistema immunitario dei topi in risposta agli acari della polvere - un comune allergene nella dermatite atomica.
La dermatite atopica è una forma cronica di eczema con comparsa di eruzioni cutanee, più spesso sulla pelle del viso, palme, piedi, gomiti e ginocchia, accompagnata da secchezza cutanea e prurito. I sintomi della dermatite atopica possono essere scatenati dall'esposizione a sostanze irritanti e allergeni, come gli acari della polvere, gli allergeni delle cellule cutanee dell'animale domestico, il polline, il fumo di sigaretta e alcuni alimenti.
Attualmente, non esiste un trattamento per la dermatite atopica, ci sono farmaci che possono ridurre la gravità dei sintomi. Tra questi ci sono farmaci come corticosteroidi, cura della pelle, farmaci che influenzano la risposta immunitaria.
HLA-G1 è una forma di proteina HLA-G, che, secondo studi precedenti, protegge il feto dagli effetti del sistema immunitario della madre durante la gravidanza. Per capire se l'HLA-G1 possa sopprimere la risposta immunitaria nella dermatite atopica, i ricercatori hanno testato la proteina in un modello di malattia nei topi.
Per causare i sintomi della dermatite atopica, i topi sono stati esposti agli acari della polvere per 15 giorni. Ciò ha portato allo sviluppo della pelle secca e alla formazione di eruzioni cutanee. Successivamente, alcuni topi sono stati applicati sulla pelle di HLA-G1 ogni giorno per 20 giorni.
È stato scoperto che nei topi che sono stati sottoposti a HLA-G1, non solo c'è stata una marcata diminuzione della gravità delle lesioni, ma anche una diminuzione dei marcatori della risposta immunitaria nei campioni di sangue, rispetto ai topi che non sono stati trattati.
Complessivamente, i risultati indicano che HLA-G1 può essere un trattamento più sicuro ed efficace per la dermatite atopica e possibilmente altre malattie infiammatorie di quelle attualmente disponibili. Sono previsti ulteriori studi per chiarire il meccanismo di soppressione dell'HLA-G1 di reazioni infiammatorie eccessive.