Frattura della caviglia: sintomi e trattamento

La frattura della caviglia è la lesione più comune del sistema muscolo-scheletrico, questo problema si riscontra nella maggior parte dei pazienti che lamentano forti dolori alla gamba. Il danno è caratteristico di adolescenti, atleti e donne che indossano scarpe col tacco. Il frequente verificarsi di lesioni dovute alle caratteristiche strutturali di questo reparto del sistema muscolo-scheletrico. Non è sempre possibile ripristinare completamente la funzione dell'articolazione, nel 10% dei casi le conseguenze del danno diventano irreversibili.

Tipi di fratture

Per la natura del danno osseo e dei tessuti molli, si distinguono i seguenti tipi di lesioni:

  1. Frattura della caviglia chiusa - distruzione completa o parziale dell'osso pur mantenendo l'integrità del tessuto molle circostante. Carichi eccessivi sulla gamba, un'intensa pressione sull'osso o le conseguenze di una diminuzione della densità minerale contribuiscono al verificarsi di tale danno. Con un adeguato pronto soccorso, trattamento e riabilitazione, le possibilità di recupero si avvicinano al 100%.
  2. Una frattura della caviglia aperta è un danno in cui i frammenti ossei vengono rilasciati attraverso un difetto di tessuto molle. La ferita è formata dai bordi affilati dell'osso. Tale frattura è considerata un trauma grave, che spesso porta al verificarsi di sanguinamento, shock da dolore e complicanze infettive. Accade quando c'è un forte impatto meccanico, per esempio, un incidente d'auto, una caduta da una grande altezza e una ferita da proiettile.

Frattura della caviglia esterna

Le fratture esterne della caviglia chiuse sono diagnosticate nel 30% dei casi. Molto spesso, tale lesione viene diagnosticata in persone di età avanzata e senile, che è associata a una diminuzione della densità ossea, a una compromessa coordinazione dei movimenti e al deterioramento delle condizioni generali del corpo. La frattura della caviglia laterale è più facile da ottenere in inverno quando ci si sposta sul ghiaccio.

I danni di questa natura hanno i seguenti meccanismi di sviluppo:

  1. Rotary. Quando si attorciglia l'articolazione della caviglia, si verifica una frattura della parte esterna della caviglia. La frattura ossea sale verso l'alto, andando verso l'esterno. Con esposizione prolungata al fattore traumatico, i legamenti fibrillari si allungano e si lacerano. In una frattura rotazionale si osserva un danno al legamento deltoide che immobilizza permanentemente l'articolazione della caviglia.
  2. Supinatsionno-adduktsionny. Quando il piede è piegato verso l'interno, il legamento del tallone-tibia è teso, il che porta alla separazione della caviglia esterna. Se l'effetto del fattore provocante continua, si verifica una frattura obliqua della parte interna della caviglia.

La frattura apicale della caviglia esterna è un danno marginale alla parte superiore dell'osso, caratterizzata dalla presenza di dolore di varia gravità.

Frattura della caviglia interna


La parte interna del giunto è più spesso danneggiata nell'area della base. La linea di frattura è irregolare, non c'è spostamento dell'astragalo. Una categoria separata include il trauma a strappo associato alle caratteristiche della struttura della caviglia. Il legamento deltoide è attaccato al tallone, al tallone e alle ossa dello scafoide. Se esposti a un fattore traumatico, i tessuti resistono al carico, il tendine si stacca insieme a parte dell'osso interno. La frattura della caviglia mediale con trattamento improprio causa una rottura irreversibile della funzione articolare.

Frattura della caviglia con offset

Frattura della caviglia interna con dislocazione - danno osseo complesso. Al momento del trauma, i frammenti ossei sono spostati l'uno rispetto all'altro. Una forte pressione contribuisce al danno osseo. Il quadro clinico è completato da segni di violazione dell'integrità dei tessuti molli. L'edema differisce di una natura più pronunciata, per chiarire la diagnosi richiede l'uso di metodi di ricerca dell'hardware. In questo caso, la vittima richiede un intervento chirurgico d'urgenza.

Frattura della caviglia senza offset

La frattura della caviglia esterna senza spostamento è il tipo più semplice di danno che può essere trattato con metodi conservativi. Il passaggio dei frammenti ossei in questo caso non si verifica. Lesione si verifica quando il piede è piegato. Il primo segno è un dolore acuto che impedisce l'uso della gamba come supporto. Puoi diagnosticare una frattura senza esame radiologico.

Cause di frattura

Le principali cause di danni alla caviglia - stress meccanico, che sono:

  1. Dritto (stringendo l'articolazione, cadendo sulla gamba di oggetti pesanti, incidenti).
  2. Indiretta (piegatura del piede). Si verificano più spesso che diretti. La frattura che si verifica per questo motivo è accompagnata da distorsione o tensione dei legamenti. Lesioni indirette si verificano quando si scia, camminando su quante superfici, sport.

I fattori provocanti includono:

  • carenza di calcio nel corpo;
  • un periodo di crescita intensa nei bambini;
  • violazione della produzione di ormoni femminili durante la menopausa;
  • gravidanza e allattamento al seno;
  • uso contraccettivo ormonale;
  • dieta malsana;
  • malattie dell'apparato digerente che violano l'assorbimento di vitamine e minerali;
  • patologia della tiroide e delle ghiandole paratiroidi;
  • le conseguenze della rimozione dell'organo tiroideo;
  • disfunzione surrenale;
  • carenza di vitamina D3.

La frattura di entrambe le caviglie ha spesso natura patologica, si verifica in presenza delle seguenti malattie:

  • osteoporosi (diminuzione della densità minerale ossea);
  • deformando l'artrosi (distruzione della cartilagine, accompagnata dalla deformazione delle articolazioni);
  • anomalie ossee;
  • patologie genetiche caratterizzate da alterazioni dello sviluppo dei tessuti ossei e cartilaginei (sindrome di Marfan, malattia di Volkov);
  • danno osseo infettivo (tubercolosi, sifilide);
  • processi infiammatori non infettivi (artrite, osteite);
  • neoplasie benigne e maligne delle ossa.

Sintomi della frattura della caviglia

La frattura della caviglia contribuisce ai seguenti sintomi:

  1. Il crunch al momento dell'infortunio.
  2. Dolore nella zona interessata. Si verifica immediatamente dopo il danneggiamento delle ossa, ma può comparire dopo alcune ore. La sindrome del dolore ha un carattere acuto, è migliorata quando si usa la gamba come supporto. Le sensazioni spiacevoli della palpazione diventano acute, il dolore si diffonde lungo la fibula. L'aspetto di questo sintomo è dovuto alla rottura del periostio, dotato di un gran numero di terminazioni nervose.
  3. Shock di dolore È caratteristico per gravi lesioni, accompagnato da spostamento di frammenti ossei. Questa sindrome pericolosa per la vita richiede l'introduzione di potenti antidolorifici.
  4. Gonfiore dei tessuti circostanti. La caviglia aumenta di dimensioni, i contorni della caviglia variano. Il sintomo si verifica 3-10 ore dopo la lesione. Quando si preme sulla pelle, si forma una fossa, che impiega diversi secondi per scomparire. Lo sviluppo di edema contribuisce alla violazione dell'integrità delle piccole navi. Per fratture complesse, il gonfiore copre l'intera gamba.
  5. Emorragia sottocutanea. La pelle della zona interessata acquista una sfumatura bluastra, l'ematoma si sposta nell'area del tallone. La causa dell'emorragia è la rottura di piccoli vasi, in cui il sangue assorbe il tessuto molle. Gli ematomi più caratteristici per lesioni con dislocazione.
  6. Limitazione della mobilità articolare. Si manifesta con l'incapacità di eseguire movimenti normali, violazione della posizione del piede. Ciò è dovuto alla distruzione dell'osso e dei tessuti molli.

Pronto soccorso

Lo schema di rendere pronto soccorso in caso di frattura della caviglia comprende:

  1. Esclusione di carichi sull'arto ferito.
  2. Eliminazione degli oggetti di spremitura (lastre di cemento, parti di veicoli, scarpe strette). Fallo con attenzione, cercando di non aggravare la gravità del danno.
  3. Dando alla gamba la posizione corretta. Sollevamento dell'arto, mettere un rullo morbido sotto il piede.
  4. Eliminazione di sanguinamento. Con lesioni chiuse impongono impacchi freddi, con l'apertura - un laccio emostatico, che deve essere allentato ogni 10 minuti.
  5. Sovrapposizione di pneumatici. Il dispositivo può essere costruito con materiali di scarto: pannelli, rami, compensato. L'immobilizzazione dell'arto impedisce lo sviluppo di complicazioni che possono insorgere durante il parto in ospedale. Prima di applicare la stecca, l'arto interessato viene piegato al ginocchio. Le schede installate su entrambi i lati dello stinco sono fissate con una benda.
  6. Sollievo dal dolore La somministrazione di farmaci è indicata per fratture complesse, con una forte compressione della gamba.
  7. Consegna del paziente al pronto soccorso.

Trattamento dopo la frattura della caviglia

La tattica del trattamento e della riabilitazione è determinata dal tipo e dalla complessità della lesione. Vengono utilizzati sia metodi conservativi che chirurgici.

Trattamento conservativo

La terapia conservativa è indicata:

  • con ferite alla caviglia chiuse;
  • a una tensione di legamenti;
  • nella vecchiaia;
  • con il diabete scompensato;
  • nell'insufficienza cardiaca acuta.

Per le lesioni dell'articolazione della caviglia vengono utilizzati i seguenti metodi:

  1. Riduzione manuale (reintegro di frammenti ossei). Viene eseguito in anestesia locale. La gamba è piegata all'articolazione del ginocchio, la coscia è trattenuta dalle mani. Il medico ruota il piede fino a quando la posizione fisiologica è occupata dall'articolazione, dopo di che applica l'intonaco.
  2. L'imposizione di gesso. Dopo la formazione della benda, la persona non dovrebbe provare sentimenti di spremitura e attrito. Durante il periodo di guarigione è vietato esercitare stress sulla gamba interessata.

Trattamento chirurgico

La chirurgia per la frattura della caviglia con spostamento è diretta a:

  • per pulire la ferita, interrompere la circolazione sanguigna;
  • ripristinare la struttura ossea;
  • sul rifornimento di detriti ossei;
  • sul restauro del giunto.

Tipi di chirurgia:

  1. Ripristino della connessione interfacciale. Il bullone viene eseguito attraverso le ossa tibiale e perone, e quindi fissato per mezzo di un chiodo alla caviglia interna. I canali creano in anticipo. L'operazione è indicata per lesioni derivanti dalla rotazione dell'articolazione.
  2. Osteosintesi. Quando la caviglia è fratturata, le placche vengono installate parallelamente al perone, la parte centrale della caviglia è fissata con un perno.
  3. Combinazione di detriti tibiali. Una lunga vite viene inserita attraverso la caviglia aperta, che tiene insieme le parti della tibia. L'operazione è indicata per lesioni che comportano la formazione di parti di grandi dimensioni.

reinserimento

Durante il periodo di recupero, si consiglia di tenere i seguenti eventi:

  1. Usa le stampelle. Qualsiasi stress sulla lesione alla gamba è escluso entro 4-6 settimane dopo l'intervento. Ci vuole almeno un anno per ripristinare completamente la funzione articolare in una doppia frattura della caviglia.
  2. Indossare una benda stretta. Il gesso viene indossato per 2-3 mesi, dopodiché viene sostituito con una benda elastica. I dispositivi di fissaggio vengono rimossi dopo sei mesi.
  3. Esegui esercizi speciali. Le classi sono necessarie per ripristinare la mobilità articolare. Gli allenamenti iniziano 2 settimane dopo la rimozione del calco in gesso. Il complesso è scelto istruttore LFK. Il carico sulla gamba interessata aumenta gradualmente.
  4. Indossare plantari ortopedici.
  5. Massaggi. Dopo aver rimosso la medicazione stretta aiuta a ripristinare il flusso di sangue e linfa. Le prime procedure vengono eseguite utilizzando gel anestetici. Dopo lo sviluppo congiunto, il disagio scompare. Massaggio eseguito 2 volte al giorno. Piede strofinato, accarezzato, scosso.

Complicazioni dopo la frattura della caviglia

Le prime complicazioni delle lesioni alla caviglia includono:

  • diminuzione della sensibilità degli arti;
  • sublussazioni;
  • trombosi;
  • accorciamento della fibula;
  • infezioni batteriche;
  • necrosi dei tessuti molli.

effetti

I pazienti che non seguivano le raccomandazioni del medico dopo alcuni anni dopo l'artrosi di un infortunio si sviluppano, si forma una falsa articolazione e compaiono problemi di mobilità della caviglia. Con fusione impropria di ossa, cambiamenti di andatura, ci sono dolore doloroso costante nelle gambe.

Frattura della caviglia

malattia

Operazioni e manipolazioni

Storie dei pazienti

Frattura della caviglia

Le fratture della caviglia comprendono sia le semplici fratture esterne della caviglia, che permettono di camminare con pieno sostegno sulla gamba ferita, sia complesse fratture a due e tre caviglie, con sublussazione e persino lussazione del piede, che richiedono un trattamento chirurgico e una riabilitazione di follow-up a lungo termine. Le fratture della caviglia sono tra le più comuni e rappresentano fino al 10% di tutte le fratture ossee scheletriche e fino al 30% delle fratture ossee degli arti inferiori.

Esistono molte classificazioni diverse delle fratture della caviglia utilizzate nel lavoro quotidiano del traumatologo ortopedico, ma nessuno di questi ha ottenuto un vantaggio decisivo nella pratica clinica. Si distinguono i seguenti modelli di base di danno alle fratture della caviglia:

- Frattura della caviglia isolata

- Frattura interna isolata della caviglia

- Le caviglie fratturate di Bosworth

- Frattura della caviglia aperta

- Frattura della caviglia con sindrome del rumine

Anatomia dell'articolazione della caviglia, caviglia.

Anatomia dell'articolazione della caviglia. Caviglia.

L'articolazione della caviglia è formata da tre ossa: tibiale, peroneo e talus. Le ossa tibiale e fibula formano un solco all'interno del quale si muove l'osso ram. Le pareti ossee del solco sono rispettivamente le caviglie, tranne per loro l'articolazione della caviglia è rinforzata da una moltitudine di legamenti. La funzione principale delle caviglie è quella di fornire un'ampiezza limitata del movimento dell'astragalo, necessaria per un'efficace camminata e corsa e una distribuzione uniforme del carico assiale. Cioè, impediscono al talus di muoversi rispetto alla superficie articolare della tibia.

I sintomi della frattura della caviglia.

Poiché il danno ai legamenti della caviglia può essere accompagnato dagli stessi sintomi della frattura della caviglia, qualsiasi danno di questo tipo deve essere attentamente valutato per la patologia ossea. I principali sintomi della frattura della caviglia sono:

- Subito dopo l'infortunio e dolore pronunciato.

- Dolore alla palpazione

- Impossibilità di carico assiale

- Deformità (a fratture)

Diagnosi delle fratture della caviglia.

Oltre alla storia caratteristica e al quadro clinico nella diagnosi della frattura della caviglia, la radiografia è di fondamentale importanza. Oltre alla proiezione diretta e laterale, è consigliabile eseguire una radiografia con rotazione interna di 15 ° per un'adeguata valutazione dell'articolazione tibiale distale e dello stato della distensione tibiale distale. Con una diastasi di oltre 5 mm tra l'osso tibiale e il perone, sorge la domanda sulla necessità di ricostruire la distesa tibiale distale. In rari casi, quando si verifica la rottura della sinensmia tibiale lungo l'intera lunghezza, può verificarsi una frattura della caviglia esterna nel collo del perone, pertanto è necessario esaminare attentamente questa area e catturarla durante la radiografia. Inoltre, durante la radiografia, è necessario valutare l'angolo talone-tibiale, che consente di valutare il grado di accorciamento del perone dovuto a una frattura, nonché di valutare l'adeguatezza della sua lunghezza dopo il trattamento chirurgico.

Angolo tibiale-tibiale (a sinistra dopo l'osteosintesi di una frattura della caviglia esterna, a destra, la norma)

Classificazione delle fratture della caviglia.

La classificazione esistente delle fratture della caviglia può essere divisa in tre gruppi. Il primo gruppo è una classificazione puramente anatomica, tenendo conto solo della posizione delle linee di frattura, questo gruppo include la classificazione data nell'introduzione sopra. Il secondo gruppo prende in considerazione sia l'aspetto anatomico che il principio biomeccanico di base del danno. Comprende la classificazione Danis-Weber e le fratture che dividono AO-ATA in gruppi principali, a seconda della loro posizione rispetto alla tibiotomicosi per distale, in infrasememosi, transsynesesmoses e suprasidesmosi. Il terzo gruppo prende in considerazione principalmente la biomeccanica della lesione, la più nota è la classificazione Lauge-Hansen. Per comprendere i principi della classificazione, nonché la biomeccanica del danno, è necessario ricordare i principali tipi di movimenti eseguiti nell'articolazione della caviglia.

Movimento di base nell'articolazione della caviglia.

Movimenti difficili nell'articolazione della caviglia.

Meccanismo di lesioni di Lauge-Hansen

1. Rottura del legamento talus-fibulare o frattura a strappo della caviglia esterna. 2. Frattura verticale della caviglia interna o frattura dell'impianto della parte anteriore-interna della superficie articolare della tibia

1. Rottura del legamento tibiale anteriore 2. Una breve frattura obliqua della caviglia esterna 4. Frattura trasversale della caviglia interna o rottura del legamento deltoide

1. Frattura trasversale della caviglia interna o rottura del legamento deltoide. 2. Rottura del legamento tibiale anteriore 3. Frattura trasversale comminuta del perone al di sopra del livello della distensione tibiale distale

Classificazione della frattura alla caviglia di Lauge-Hansen

Trattamento delle fratture della caviglia.

Il trattamento della frattura della caviglia può essere conservativo e operativo. Le indicazioni per il trattamento conservativo sono molto limitate, tra cui: fratture interne isolate della caviglia senza spostamento, lacerazione della parte superiore della caviglia interna, fratture esterne della caviglia isolate con un offset inferiore a 3 mm e nessuna frattura esterna, fratture della caviglia posteriore che coinvolge meno del 25% della superficie articolare e meno di 2 mm offset height.

Il trattamento chirurgico - riposizionamento aperto e fissazione interna, è indicato per i seguenti tipi di fratture: qualsiasi frattura con spostamento dell'astragalo, fratture isolate della caviglia esterna ed interna con dislocazione, due e tre fratture della caviglia, fratture di Bosworth, fratture aperte.

Lo scopo del trattamento chirurgico è principalmente quello di stabilizzare la posizione dell'astragalo, poiché anche 1 mm di spostamento esterno porta a una perdita del 42% dell'area del contatto tibiale-ariete.

Il trattamento chirurgico ha successo nel 90% dei casi. Caratterizzato da un lungo periodo di riabilitazione, camminare con un carico è possibile dopo 6 settimane, guidando una macchina dopo 9 settimane, il pieno recupero dell'attività sportiva può richiedere fino a 2 anni.

Frattura della caviglia interna.

Come menzionato sopra con fratture isolate senza pregiudizi, è indicato un trattamento conservativo. Immobilizzazione in gesso corto corto o rinforzo rigido per un massimo di 6 settimane.

Benda circolare in gesso sulla caviglia e ortesi caviglia rigida utilizzata per il trattamento conservativo della frattura della caviglia.

Dopo la fine del periodo di immobilizzazione inizia la fase di sviluppo attivo dei movimenti attivi, rafforzando i muscoli della gamba, allenando l'equilibrio muscolare. Nella fase iniziale, immediatamente dopo la rimozione dell'intonaco o della medicazione dura, camminare può causare gravi disagi, quindi è meglio usare un supporto aggiuntivo, come le stampelle e un bastone, almeno per altre due settimane. Dato l'alto rischio di danno concomitante all'apparato legamentoso dell'articolazione della caviglia, con l'obiettivo di scaricare parzialmente dopo aver rimosso la medicazione, nel periodo di riabilitazione precoce, viene anche mostrato indossare una medicazione leggera per l'ortesi.

Caviglia semi-rigida alla caviglia, utilizzata durante la riabilitazione dopo la frattura della caviglia.

Con il ripristino della forza dei muscoli delle gambe e della mobilità della caviglia, è possibile un ritorno graduale ai carichi sportivi. Tuttavia, non si dovrebbero forzare immediatamente risultati sportivi elevati, poiché occorreranno da 12 a 24 mesi per la riorganizzazione finale del tessuto osseo nella zona di frattura.

Il trattamento chirurgico è indicato per qualsiasi frattura della caviglia interna con un offset, più spesso ridotto a riposizionamento aperto e osteosintesi della frattura con due viti di compressione.

Osteosintesi della frattura interna della caviglia con due viti a compressione.

Un'opzione alternativa è quella di utilizzare una piastra antiscivolo per le fratture oblique e l'ansa del filo e i raggi di Kirschner.

Osteosintesi della frattura interna della caviglia con una singola vite di compressione e piastra antiscivolo.

Frattura della caviglia esterna.

Il trattamento conservativo come sopra indicato è indicato in assenza del movimento dell'astragalo (cioè con stabilizzatori interni intatti dell'articolazione della caviglia) e di uno spostamento inferiore a 3 mm della caviglia esterna stessa. Il classico punto di vista che la larghezza dello spazio articolare lungo la superficie interna di oltre 5 mm indica una rottura degli stabilizzatori interni è stata recentemente rivista. Ciò è dovuto al fatto che negli studi biomeccanici sui cadaveri è stato dimostrato che l'osso tachiale può essere spostato fino a 8-10 mm con una frattura simulata della caviglia esterna e un legamento deltoide intatto. Per questo motivo, è necessario confermare la rottura del legamento deltoide utilizzando un'ecografia o una risonanza magnetica.

Il trattamento chirurgico delle fratture isolate della caviglia esterna è più spesso eseguito utilizzando piastre. Esistono due metodi principali per il montaggio delle piastre: all'esterno e sulla superficie posteriore. Quando si installa la piastra sulla superficie esterna, è possibile utilizzare una vite di compressione e una piastra di neutralizzazione.

Osteosintesi della frattura esterna della caviglia con l'aiuto di una vite di compressione e una piastra di neutralizzazione installata sulla superficie esterna del perone.

o l'uso di una piastra bloccabile come blocco del ponte.

Osteosintesi della frattura esterna della caviglia con l'aiuto di una placca montata sulla superficie esterna del perone secondo il principio della fissazione del ponte, con fissazione aggiuntiva della distensione tibiale distale con due viti.

Quando si installa la piastra sulla superficie posteriore del perone, può essere utilizzata come piastra antiscivolo,

Osteosintesi della frattura esterna della caviglia con l'aiuto di una placca montata sulla superficie posteriore del perone secondo il principio della compressione e dell'anti-slittamento.

O come una piastra di neutralizzazione quando si utilizza una vite di compressione. La piastra posteriore è più giustificata biomeccanicamente, tuttavia, una complicazione comune è l'irritazione dei tendini dei muscoli del polpaccio, che può portare a un dolore prolungato.

Le alternative possono essere fissazione isolata di una frattura con parecchie viti di compressione, chiodi intramidollari o TEN, ma sono meno comuni nella pratica chirurgica.

Dopo il riposizionamento aperto e l'osteosintesi della placca, devono essere seguite 4-6 settimane di immobilizzazione in un getto o in un'ortesi, la durata dell'immobilizzazione è doppia rispetto al gruppo di pazienti diabetici.

Indietro frattura alla caviglia.

Il più delle volte si trova in combinazione con una frattura della caviglia esterna o come parte di una frattura tripla. Il trattamento chirurgico è indicato con il coinvolgimento di oltre il 25% dell'area della piastra di supporto della tibia, uno spostamento di oltre 2 mm. Il fissaggio a vite è più spesso utilizzato: se lo spostamento può essere eliminato e chiuso, le viti vengono installate dalla parte anteriore a quella posteriore, se viene eseguita una riposizionamento dall'accesso paracadute, quindi le viti vengono installate dal lato anteriore anteriormente, è anche possibile utilizzare una piastra antiscivolo che viene installata prossimalmente.

Frattura di due anni.

Questo gruppo comprende sia una frattura delle caviglie esterne che interne e una frattura funzionalmente biluciale: una frattura della caviglia esterna e una rottura del legamento deltoide. Nella maggior parte dei casi, è indicato un trattamento chirurgico. Spesso utilizzato una combinazione di piastre di neutralizzazione, ponte, antiscivolo, viti di compressione.

Osteosintesi della frattura esterna della caviglia con l'aiuto di una vite di compressione e di una piastra di neutralizzazione installata sulla superficie esterna del perone, osteosintesi della frattura interna della caviglia con due viti di compressione.

In caso di danno alla sinensmosi tibiofibrale distale, che spesso si verifica con fratture sovra-sinemiche (alte) del perone, una vite di posizione viene installata per un periodo di 8-12 settimane con completa esclusione del carico assiale.

Quando si tratta di una frattura biliocerebrale funzionale, non è necessario eseguire una sutura del legamento deltoide se non interferisce con il riposizionamento, cioè con una posizione soddisfacente dell'astragalo. Quando viene serrato nella cavità articolare, è impossibile eliminare la sublussazione, pertanto vengono eseguiti l'accesso alla caviglia interna, l'eliminazione del blocco articolare e la sutura del legamento deltoide.

Frattura trigenica

Come il nome implica una frattura di tutte e tre le caviglie. Durante il trattamento chirurgico, lo spostamento della caviglia esterna viene inizialmente eliminato, seguito da riposizionamento e osteosintesi delle caviglie posteriori e interne.

Osteosintesi della frattura esterna della caviglia con l'ausilio di 2 viti di compressione e una piastra bloccabile installata sulla superficie esterna del perone secondo il principio del bridging, osteosintesi della frattura interna della caviglia con una vite di compressione, osteosintesi della caviglia con una vite di compressione e una piastra antiscivolo.

È necessario distinguere separatamente il danno della sinensmia della tibia in combinazione con la frattura della caviglia. La rottura della sinmosi spesso accompagna le "alte" fratture del perone e si trova anche nelle fratture della diafisi tibiale. Per confermare la diagnosi spesso non sono sufficienti proiezioni dirette, laterali e oblique, e bisogna ricorrere a radiografie di stress con rotazione esterna e adduzione del piede. È anche necessario valutare la mobilità del perone rispetto alla tibia intraoperatoria dopo aver eseguito l'osteosintesi. Questo può essere ottenuto usando un piccolo costoderma a denti singoli e le dita del chirurgo. Per il fissaggio di syndesmosis, vengono spesso utilizzate 1 o 2 viti corticali da 3,5 o 4,5 mm che passano attraverso 3 o 4 strati corticali. Le viti sono mantenute ad un angolo di 30 ° verso la parte anteriore, dopo che sono state eseguite, l'ampiezza dei movimenti dell'articolazione della caviglia dovrebbe essere valutata come il loro "serraggio eccessivo" è possibile. È necessario astenersi dal carico assiale per 8-12 settimane dopo l'intervento. Un'opzione alternativa può essere l'uso di legamenti artificiali e uno speciale materiale di sutura, in combinazione con chiusure a bottone.

La separazione del legamento tibiale anteriore dal tubercolo tibiale anteriore (danno di Tillaux-Chaput) è un tipo di danno alla syndesmosis tibiofibral. Spesso, la separazione avviene con un frammento osseo abbastanza grande da eseguire la sua osteosintesi con una vite da 4 mm, se la dimensione del frammento è piccola è possibile utilizzare una vite da 2 mm o una sutura transossea. In rari casi, il legamento si stacca non dalla tibia, ma dal perone, i principi del trattamento chirurgico rimangono gli stessi.

Per il trattamento chirurgico delle fratture della caviglia, un buon risultato funzionale è caratteristico nel 90% dei casi. Il rischio di complicazioni infettive è del 4-5%, nell'1-2% è un'infezione profonda. Il rischio di complicazioni infettive è significativamente più alto nel gruppo di pazienti con diabete mellito (fino al 20%), specialmente nel caso di neuropatia periferica.

Se sei un paziente e ritieni che tu oi tuoi cari possiate avere una frattura alla caviglia e volete ricevere cure mediche altamente qualificate, potete contattare lo staff del centro di chirurgia del piede e della caviglia.

Se sei un medico e hai dei dubbi su come risolvere questo o quel problema medico legato alla frattura della caviglia, puoi rivolgerti al paziente per la consultazione al personale del Centro di Chirurgia della Piede e della Caviglia.

Nikiforov Dmitry Aleksandrovich
Specialista in chirurgia del piede e della caviglia.

Frattura chiusa della caviglia esterna della tibia destra o sinistra senza spostamento, foto

Secondo i traumatologi, una frattura alla caviglia è una delle lesioni più frequenti delle ossa. Di solito la ferita viene riparata in inverno in quelle aree in cui non viene prestata attenzione alla formazione di ghiaccio e neve. Anche a rischio sono gli atleti, i bambini e le donne che preferiscono le scarpe col tacco alto. Quasi tutti i casi di frattura possono essere spiegati dalla caratteristica anatomica della caviglia, che presuppone il maggior carico di peso.

La frattura della caviglia senza spostamento è un infortunio molto semplice da ottenere. Ma non tutti possono riprendersi completamente da esso. Il 10% di questi casi si risolve in una disabilità, soprattutto nei pazienti anziani. Ciò è spiegato dal fatto che durante il trattamento non solo l'osso è soggetto a recupero, ma la circolazione sanguigna, il lavoro delle articolazioni, nonché l'innervazione dell'area danneggiata.

Informazioni generali

La struttura della gamba include due ossa: l'interno, che ha uno spessore considerevole, e l'esterno - più sottile. Ciascuno di essi passa gradualmente nel processo: sotto, nella zona dell'osso interno si trova la caviglia interna e nella parte inferiore dell'osso esterno si trova la caviglia esterna. Il calcagno con la caviglia forma un'articolazione della caviglia, a causa della quale una persona può camminare.

Con una frattura della caviglia aperta, i frammenti ossei possono spostarsi o meno. In questo caso, si verifica necessariamente un danno ai tessuti molli. Se si verifica una frattura della caviglia chiusa, solo i frammenti vengono spostati nell'osso danneggiato. I tipi più comuni di fratture alla caviglia includono:

  • frattura della caviglia (interna) mediale;
  • frattura della caviglia laterale (esterna);
  • frattura della caviglia esterna con dislocazione;
  • frattura della caviglia esterna senza spostamento;
  • frattura della caviglia interna senza spostamento e con spostamento;
  • frattura della spirale della caviglia.

Un traumatologo può fare una diagnosi accurata conducendo un esame approfondito della vittima e percependo l'area interessata. Dopotutto, è possibile che la ferita possa essere una lesione o una dislocazione grave. Se il paziente avverte dolore e la gamba è gravemente gonfia e si osserva un cambiamento nella forma dell'articolazione, allora, molto probabilmente, si verifica una frattura in questo caso. Per determinare finalmente questo, il paziente è diretto ai raggi X. Sull'immagine catturata puoi vedere chiaramente qualsiasi difetto sull'osso.

Sintomi principali

A seconda del tipo di lesione ricevuta, la vittima può presentare sintomi diversi. Nella forma aperta, quando c'è una violazione dell'integrità dei tessuti molli e della pelle, i frammenti ossei sporgono dalla ferita. Qui l'offset è ovvio, poiché è l'osso danneggiato che ha rotto la pelle e la carne. Una frattura della gamba chiusa è molto più difficile da determinare, poiché i tessuti molli sono danneggiati all'interno e solo la presenza di ematomi minori può indicare gravi lesioni all'arto. Una frattura della caviglia esterna in assenza di spostamento è considerata innocua se parliamo di possibili complicazioni.

La manifestazione dei sintomi dipende non solo dal tipo di lesione, ma anche dalla posizione della rottura ossea. Nel caso di una frattura della caviglia esterna senza spostamento, il sintomo principale è un forte dolore. L'uomo non può appoggiarsi alla sua gamba. Inoltre, vi è un leggero gonfiore dall'esterno della parte inferiore della gamba. La caviglia si piega e si distende, ma tali movimenti sono molto dolorosi. Particolarmente acuto è il dolore, se cerchi di deviare il piede in direzioni diverse.

Con una frattura interna della caviglia con spostamento, la vittima sente un dolore acuto. L'edema appare all'interno della parte inferiore della gamba, levigando i contorni della caviglia. A volte la vittima riesce ancora a stare in piedi e persino a fare dei passi, affidandosi più all'esterno del piede o del tallone. I movimenti articolari sono limitati, il dolore aumenta con il minimo tentativo di muovere un arto. L'immagine a raggi X è mostrata nella foto.

Quando la parte mediale è distorta da bias, i sintomi assomigliano molto a una frattura senza bias. Tuttavia, poiché i tessuti molli e i vasi sanguigni sono danneggiati, si osserva un gran numero di emorragie. Ciò è dovuto alla presenza di arterie in quest'area. I medici conoscono molti casi in cui i sintomi della frattura erano lievi e il dolore tollerabile. Pertanto, la diagnosi finale può essere stabilita solo dopo aver studiato la radiografia.

Primo soccorso

La prima cosa da fare è rimuovere l'effetto del fattore traumatico. Ad esempio, in caso di incidente stradale, rilasciare la caviglia dalla spremitura. Dopodiché, devi cercare di calmare la persona che è stata ferita, e se c'è una tale opportunità, somministragli antidolorifici. Quindi dovresti chiamare un'ambulanza. È molto importante non fare movimenti bruschi e proibire alla vittima di stare in piedi sull'arto dolorante - questo può provocare uno spostamento che porterà a danni ai vasi sanguigni e alle terminazioni nervose.

Si consiglia di fissare l'arto dolorante con qualsiasi mezzo a portata di mano e, se possibile, con uno speciale pneumatico da trasporto. Una tavola di legno, un pezzo di rinforzo, ecc., Che dovrebbe essere legato alla gamba con una benda o un normale panno, sarà adatto come mezzo improvvisato. Nel caso di una frattura aperta, è preferibile applicare una medicazione sterile per evitare che l'infezione penetri nella ferita.

Se vi è un'emorragia arteriosa che può verificarsi in caso di una frattura della caviglia interna, il laccio emostatico deve essere applicato più in alto della ferita stessa, preferibilmente sulla coscia. Vale la pena notare che in caso di sanguinamento arterioso c'è sangue color scarlatto, che pulsa e scorre rapidamente fuori dalla ferita. Ma con il sanguinamento venoso, il sangue scuro scorre lentamente e senza pulsazioni. In questo caso, è necessaria una benda di pressione.

Nel caso di una frattura chiusa, si consiglia di applicare un raffreddore al punto dolente - può essere usato per ridurre il gonfiore e ridurre il dolore. Se possibile, bisogna fare attenzione che l'arto ferito assuma una posizione elevata. Per questo rullo di adattamento, realizzato personalmente con materiali di scarto. È severamente vietato "dirigere" l'osso da soli. Se necessario, un traumatologo che ha studiato i risultati dei raggi X lo farà.

Caratteristiche del trattamento

Il trattamento della frattura della caviglia con e senza offset è significativamente diverso. Se, dopo l'esame e la radiografia, non viene rilevato alcun bias, viene utilizzato il metodo conservativo. Consiste nell'imporre una benda su un osso rotto, seguita da fissarla con una benda. Eseguendo questa procedura, non è necessario stringere eccessivamente la benda per non interrompere il normale flusso sanguigno.

La benda viene applicata dall'alto verso il basso fino alle dita e quindi il bendaggio continua nella direzione opposta. La vittima deve indossare un gesso per almeno un mese e mezzo, anche se la decisione finale viene presa dal medico curante che, nel determinare il limite di tempo, è guidato dall'età del paziente. Immediatamente dopo la rimozione del calco in gesso, deve essere eseguita una radiografia, sulla base della quale è prescritto il corso di riabilitazione.

Se l'osso è distorto dopo la frattura, il metodo conservativo viene utilizzato solo quando è possibile ripristinare la posizione naturale delle ossa nel modo più preciso possibile. Di norma, in anestesia locale, le ossa ferite vengono posizionate e viene applicato un calco in gesso. In alcuni casi, se il bias si ripresenta, la caviglia viene fissata nell'immobilizzatore.

Con una frattura aperta, viene eseguito un trattamento chirurgico. In questi casi, è molto importante consegnare immediatamente la vittima alla clinica. Durante l'operazione, le ossa danneggiate si appiattiscono e le navi e i tessuti molli danneggiati vengono suturati. Il trattamento successivo per una frattura di questo tipo è uguale a quello per le fratture chiuse. Di solito, in tutte le forme di frattura, i traumatologi prescrivono farmaci antinfiammatori e farmaci che stimolano lo splicing del tessuto osseo.

Periodo di riabilitazione

Le vittime di tali lesioni sono più spesso interessate alla domanda: come curare rapidamente una frattura della caviglia e quanto tempo ci vorrà per recuperare. Va notato immediatamente che la guarigione di ogni persona richiede un tempo diverso, dipende dal tipo di lesione e dall'età della vittima. Dopo aver rimosso l'intonaco, la persona non può calpestare la gamba malata per un po 'di tempo.

Dopo una frattura della caviglia destra o sinistra, è molto importante sottoporsi a un corso di riabilitazione. Alcune attività possono essere eseguite prima della rimozione dell'intonaco, altre sono consentite solo quando la medicazione è già stata rimossa.

  • In una dieta equilibrata e corretta, arricchita con calcio, potassio, fosforo e altri componenti e che sono coinvolti nella formazione del tessuto osseo. Altrettanto importante è l'assunzione di vitamine.
  • Nell'effettuare il massaggio, in cui sono sviluppati i muscoli che sono atrofizzati dopo l'ortesi. Quante sedute saranno necessarie per il recupero - determina il medico curante. Durante tali procedure, si raccomanda l'uso di unguenti per il riscaldamento.
  • Nell'effettuare procedure di terapia fisica, che sono possibili anche durante la presenza di gesso su un arto. I traumatologi li raccomandano vivamente, perché credono che la ferita guarisca più velocemente.
  • Nell'esecuzione della terapia fisica. Quanto e quali esercizi devi eseguire, determina solo uno specialista. Inizialmente, l'educazione fisica dovrebbe essere gentile, e quindi gradualmente il carico dovrebbe essere aumentato.

Frattura della caviglia senza offset

Molti pazienti sono preoccupati per la domanda su quando si può calpestare una gamba dopo la frattura della caviglia senza spostamento.

In linea generale, sarà possibile calpestare la gamba solo quando il medico fissa la completa adesione delle ossa.

Tipi di danni

La caviglia consiste di 2 parti: la tibia piccola e grande. Piccolo - si riferisce alla parte laterale, grande - alla media.

  1. Tipo aperto Con esso, il paziente può vedere l'osso nudo da solo. Ciò è dovuto al fatto che tali fratture sono associate alla rottura del tessuto.
  2. Tipo chiuso Le ossa non sono visibili e un livido si diffonde su una vasta area della gamba.

Chiuso è caratterizzato da un grande gonfiore e tumore della zona danneggiata. Il paziente non è in grado di eseguire autonomamente i movimenti del piede.

Sintomi e segni

Quando la caviglia esterna viene rotta senza spostamento, la caviglia interna, l'integrità dell'osso si rompe e i detriti rimangono al loro posto.

  1. Dolore acuto
  2. Deformità della caviglia
  3. Cambiamenti nel colore della pelle della gamba verso il rosso.
  4. Manifestazioni cianotiche o ematomi

Questi sintomi non appaiono sempre. Ad esempio, a volte la decelerazione dei pazienti sulla questione della ricerca di cure mediche è legata al fatto che non avvertono alcun dolore nell'area della caviglia. Mostra una leggera cianosi, associata allo stretching.

A volte la difficoltà di una diagnosi tempestiva di una frattura è associata alle caratteristiche individuali dell'osso.

Tuttavia, in caso di una frattura della caviglia, il paziente non sarà in grado di stare completamente in piedi sulla sua gamba e la pelle sembrerà molto tesa. La possibilità di flessione ed estensione degli arti è assente, e quando si tenta di farlo, appare un dolore bruciante.

Una frattura senza spostamento è molto difficile da diagnosticare. Pertanto, quando compaiono i minimi segni, è necessario rivolgersi a un traumatologo per chiedere aiuto.

Funzionalità in movimento

Se un paziente è stato sottoposto a un intervento chirurgico, l'autoassistenza alla gamba è vietata per 30 giorni. Il paziente dovrà alzarsi e muoversi con le stampelle.

In questo caso, la durata di indossare un calco in gesso è di 2-3 mesi. Il carico completo sulla gamba è possibile 3-4 mesi dopo la rimozione dell'intonaco. Che si tratti di una frattura esterna (esterna) o interna delle caviglie.

Per la guarigione più rapida della parte lesa (esterna o interna), si raccomandano le seguenti misure:

  • Dieta ricca di calcio;
  • conduzione di massaggi, ginnastica terapeutica;
  • l'uso della fisioterapia;
  • se necessario, conformità con il riposo a letto.

Il paziente è obbligato a dedicare tutto il tempo a un riscaldamento indipendente del punto dolente. L'esercizio aumenterà il tasso di recupero del luogo ferito.

Trattamento efficace

È impossibile curare questa patologia a casa.

  • garantire la completa immobilità della gamba;
  • sovrapponendo il longuet, fissandolo con una benda;
  • l'imposizione della benda viene eseguita nella direzione dall'alto verso il basso, mentre lo spessore deve essere lo stesso su tutti i lati.

Getto di gesso

Il gesso impone di accelerare il processo di recupero e guarigione delle lesioni. Aiuta a riparare in modo sicuro i luoghi rotti.

La durata di indossare gesso è di circa un mese e mezzo e dipende interamente dalla gravità della lesione e dalla categoria di età del paziente.

Dopo la radiografia, che mostrerà che l'osso si è ristabilito, puoi già rimuovere l'intonaco.

I medici ritengono che dopo aver rimosso il gesso, è necessario ripristinare gradualmente la gamba - è possibile calpestarla. Durante il lancio è meglio non fare movimenti improvvisi, perché l'osso cresce molto lentamente.

Video utile

Lesioni sfollate

Caratteristica è l'incapacità di stare completamente sul piede e l'aspetto di edema di grandi dimensioni con un ematoma nella zona della caviglia, caviglia o caviglia. In questo caso, è spesso possibile contemplare la posizione innaturale della gamba. Quando viene toccato il punto ferito, il paziente avverte piccoli movimenti dei frammenti.

I medici forniscono il seguente trattamento:

  • misure per dare alle ossa una posizione iniziale;
  • gesso sotto anestesia locale.

Possibili complicazioni

Spesso, con una frattura della caviglia con un offset, si verifica uno spostamento ripetuto di detriti. Durante il trattamento, il medico riferirà ripetutamente il paziente alle radiografie e spiegherà come comportarsi in caso di dolore acuto. È necessario controllare l'accrescimento del luogo ferito.

La fase preparatoria dell'operazione può essere la trazione scheletrica, che aiuta a prevenire lo spostamento di detriti. A tale scopo, un ago viene trattenuto attraverso l'osso del tallone della gamba sinistra o destra, e un carico di 12 kg viene sospeso da esso.

La durata di un disegno fa un mese, l'intonacatura del posto ferito è effettuata. Durante l'intervento chirurgico, la frattura viene fissata da una speciale costruzione metallica.

Tempo di guarigione

  • con frattura alla caviglia con dislocazione guarisce per 2-3 mesi;
  • in forme gravi di frattura - 3-5 mesi.

Il processo di riabilitazione, che inizia dopo la rimozione di gesso o strutture metalliche, prevede un massaggio e un complesso di esercizi di fisioterapia.

Lesioni laterali

È caratterizzato dalle sensazioni più dolorose e i detriti dell'osso si muovono verso l'esterno o all'indietro.
L'imposizione del gesso viene eseguita sotto l'azione dell'anestesia locale, con il frammento posto nella sua posizione originale.

Primo soccorso


Se un arto è rotto o c'è un crack, quindi procedere come segue:

  1. Rassicurare la vittima il più possibile.
  2. Chiama un'ambulanza.
  3. Ridurre al minimo la possibilità di calpestare l'arto ferito.
  4. Fornire libertà all'area danneggiata: rimuovere le scarpe, rimuovere i detriti di qualsiasi tipo.
  5. Fornire un luogo danneggiato con una posizione comoda. Basta mettere un rullo morbido sotto i piedi. Tuttavia, la sua altezza non dovrebbe causare disagio. Questo aiuta a ridurre il gonfiore.
  6. Se c'è una frattura aperta visibile, non permettere alla vittima di toccare la ferita.
  7. In caso di sanguinamento, coprire l'area lesa con ghiaccio e applicare un laccio emostatico. Non dimenticare di toglierlo ogni 20 minuti. Altrimenti, può verificarsi una necrosi del tessuto.
  8. Applicare a freddo. Questo aiuterà a fermare il sanguinamento e ridurre il gonfiore dei tessuti.
  9. Imporre un pneumatico improvvisato, che può essere un ramo normale o compensato. Dai al tuo piede la massima immobilità.
  10. Se è impossibile arrivare all'ambulanza, trasportare personalmente il paziente con estrema cautela.

Regole di recupero

La riabilitazione si svolge in due fasi: fisioterapia e fisioterapia. Indipendentemente sono severamente vietati. Solo il medico valuta correttamente le condizioni della caviglia danneggiata, può indicare i metodi necessari per la terapia riabilitativa.

fisioterapia

  1. Nei primi dieci giorni dopo l'applicazione del gesso, vengono mostrati la terapia magnetica e il trattamento UHF. Le manipolazioni attivano i processi metabolici nella caviglia danneggiata, aumentano il flusso sanguigno, riducendo il dolore e accelerando il processo di guarigione;
  2. quindi, fino a 45 giorni dopo l'applicazione del gesso, l'irradiazione ultravioletta viene utilizzata per la produzione attiva di vitamina D, necessaria per la rapida rigenerazione del tessuto osseo;
  3. un mese e mezzo dopo e fino a tre mesi dopo l'applicazione del gesso, si utilizzano correnti di interferenza, ripristinando il metabolismo locale.

Ginnastica ed esercizi

Comprende diversi periodi, esercizi volti a ripristinare l'attività motoria della caviglia, prevenendo l'atrofia muscolare.

Dopo 1-2 mesi:

  • piegare e piegare delicatamente, ruotare il piede (fino a venti volte alcuni approcci);
  • muovi le dita (30 volte, due set); Appoggia la tua mano al tavolo, fai oscillare la gamba malata e di lato (ripeti le manipolazioni 60 volte, spezzandole in tre set);
  • nella posizione prona piegare la gamba nel ginocchio.

Dopo sei mesi o un anno:

  • rannicchiarsi sulle calze;
  • permesso di correre a un ritmo moderato;
  • camminare per un minuto sulle dita dei piedi, poi sui talloni;
  • se possibile, salta su una corda per 30 secondi tre set.

Tutti gli esercizi concordano con il medico. Proteggersi da incidenti o incidenti è quasi impossibile. Ma per andare bene nello sport, per osservare le regole di sicurezza negli ascensori, i luoghi con elevato pericolo sono reali.

Rafforza il tuo corpo e prendi integratori di calcio. Questa è una lesione grave che richiede cure mediche immediate, un periodo di riabilitazione abbastanza lungo. Abbandona l'automedicazione, fidati dei professionisti.

Quanto a lungo fa male

Il dolore dopo l'infortunio alla caviglia non passa immediatamente e può accompagnare il paziente per lungo tempo. Al fine di ridurre il dolore e il disagio, è necessario iniziare a sviluppare l'articolazione il prima possibile, preferibilmente sotto la guida di un medico riabilitativo.

Se la riabilitazione è finita e la gamba continua a ferire, il medico prescriverà una benda o un'ortesi che fisserà delicatamente il piede, riducendo la tensione esercitata durante la deambulazione. Se, dopo aver camminato sul paziente, il dolore al tallone è spesso disturbato, allora è necessario prendere un quadro di controllo, quindi assicurarsi che l'osso sia cresciuto correttamente.

Se non ci sono danni ripetuti, si raccomanda di proteggere l'arto ferito: mantenere la gamba più alta e continuare il trattamento prescritto. Con una diagnosi sbagliata o senza trattamento, è possibile ottenere la malattia - l'artrosi e l'artrite dell'articolazione della caviglia.

Frattura della caviglia esterna senza recupero del pieno spostamento. Frattura della caviglia con dislocazione. Cause fisiologiche di lesioni

La caviglia è una parte dell'articolazione della caviglia che rappresenta le sporgenze delle ossa dello stinco su entrambi i lati del piede. L'area della caviglia nella vita di tutti i giorni si chiama caviglia.

anatomia

La caviglia di una persona ha la forma di due processi ossei. Laterale (esterno) alla caviglia - educazione nella parte inferiore del perone e mediale (interno) nella stessa parte della tibia. Le ossa fibulari e tibiali formano la parte inferiore della gamba - parte della gamba da un piede all'altro. La caviglia è un elemento costitutivo dell'articolazione della caviglia - un giunto mobile tra la parte inferiore della gamba e il piede.

Le estremità inferiori degli stinchi, comprese le caviglie, formano la parte superiore dell'articolazione della caviglia e, come la forcella, che è chiaramente visibile nella foto, dimostrando la struttura di questa articolazione, coprono la sua parte inferiore - la superficie articolare dell'astragalo del piede. Forcella forte consente di:

  • distribuire uniformemente un carico elevato (peso del corpo umano) sulle ossa del piede;
  • per spostare la parte inferiore della gamba rispetto al piede in diverse direzioni.

Pertanto, la caviglia mediale è responsabile per girarsi verso l'interno senza separare il piede dal pavimento, e la caviglia laterale è responsabile per la svolta verso l'esterno. La "forcella" formata dalla caviglia esterna e interna assicura un'elevata mobilità del piede durante la flessione e l'estensione, che assicura il libero movimento della persona. Allo stesso tempo, una tale struttura limita significativamente l'abduzione del piede sul lato - questo protegge le ossa e i legamenti dal carico eccessivo.

La superficie articolare delle caviglie esterne ed interne è ricoperta di cartilagine, che consente il libero scorrimento delle ossa dell'articolazione l'una rispetto all'altra, proteggendole dalle lesioni associate all'attrito.

La caviglia è circondata da legamenti - formazioni dense e allo stesso tempo elastiche costituite da fasci di tessuto connettivo che mantengono le ossa dello scheletro in una posizione normale. Senza legamenti, la funzione di supporto dello scheletro sarebbe compromessa - le ossa semplicemente "disperse" nei punti delle loro articolazioni.

Un legamento mediale dell'articolazione della caviglia è attaccato alla caviglia mediale, che collega l'osso tibiale con l'osso del piede.

Sulla caviglia laterale sono:

La causa più comune di ridotta mobilità nella caviglia è precisamente la sconfitta dell'apparato legamentoso. Il più delle volte, la caviglia è sottoposta a lesioni traumatiche.

Lesioni alla caviglia

Le lesioni traumatiche della caviglia occupano il primo posto tra tutte le lesioni degli arti inferiori. Ciò è dovuto ai carichi elevati che si verificano all'articolazione del piede e della parte inferiore della gamba.

Durante gli effetti di forza sulla caviglia, non è la caviglia stessa (tessuto osseo) che spesso soffre, ma il suo apparato legamentoso - si verifica una rottura parziale o completa dei legamenti. Sotto l'influenza di carichi più elevati, il tessuto osseo non si alza in piedi - si verifica una frattura della caviglia.

Il più delle volte, le lesioni traumatiche sono associate a un brusco e improvviso rigonfiamento del piede in entrata o in uscita, facendo ruotare la tibia attorno al proprio asse quando si cammina o si corre. Il danno alla prona (piede verso l'interno) è registrato più spesso di quello supinazionale (verso l'esterno) e rotatorio (rotazione attorno al suo asse) e corrisponde a tre quarti delle lesioni alla caviglia.

Le torsioni del piede e le brusche curve delle gambe rispetto al piede sono accompagnate da danni ai legamenti, che possono portare a dislocazione o, con tensione significativa, a una frattura.

Altre cause di lesioni a quest'osso includono l'atterraggio sulle gambe (specialmente nell'area del tallone) da una grande altezza, un forte colpo alla caviglia.

Le lesioni alla caviglia sono particolarmente sensibili a:

  • atleti;
  • persone impegnate in lavori fisici pesanti;
  • persone con debolezza congenita o acquisita dell'apparato legamentoso.

La debolezza acquisita dei legamenti della caviglia si verifica più spesso a causa di uno stile di vita sedentario, lavoro sedentario.

Le lesioni alla caviglia sono spesso causate dall'uso di scarpe col tacco alto o dal tacco alto, specialmente quando si spostano su una superficie irregolare o scivolosa.

Danno ai legamenti

Come risultato dell'eccessivo stiramento, possono verificarsi sia la rottura completa che parziale del legamento; quest'ultimo è spesso (e non troppo correttamente) chiamato distorsioni. Anche con le micro-rotture del tessuto connettivo, possono verificarsi emorragie nei legamenti, il liquido intercellulare può accumularsi, e quindi ci saranno sensazioni di dolore, aggravate dallo sforzo: stare in piedi, camminare.

A volte una passeggiata insolitamente lunga in persone che conducono uno stile di vita sedentario porta a distorsioni, nel qual caso il dolore si verifica senza lesioni visibili (piegamento del piede, impatto), anche se in realtà si verifica un danno al tessuto connettivo.

I segni di una patologia legamentosa più significativa includono:

Con lesioni lievi dei legamenti, il trattamento consiste nel garantire il massimo riposo alla gamba dolorante, compresse fredde durante i primi giorni dopo l'infortunio. Nei casi più gravi, potrebbe essere necessario assumere antidolorifici, indossare ortesi di varie fissazioni e chirurgia.

Se sospetti danni ai legamenti della caviglia, dovresti consultare un medico il prima possibile. Anche se la mobilità nella caviglia non è persa, il dolore (specialmente non calare per due giorni) e il gonfiore possono indicare una frattura dell'osso.

fratture

Le fratture della caviglia sono:

  • senza pregiudizi, quando i frammenti ossei sono a posto;
  • con spostamento - con un cambiamento nella posizione dei frammenti ossei.

In caso di fratture con dislocazione, i tessuti molli sono danneggiati fino alla completa rottura dei muscoli e della pelle - tale frattura viene definita aperta.

Il volume delle lesioni si distingue:

  • frattura della caviglia laterale (osservata in otto casi su dieci);
  • frattura della caviglia mediale;
  • frattura di entrambe le caviglie (frattura di bilobatteri);
  • frattura di entrambe le caviglie con danno al bordo posteriore della tibia (frattura tripla dell'arteria).

Inoltre, le fratture della caviglia possono essere accompagnate da rottura dei legamenti, dislocazione dell'articolazione della caviglia, che rende la condizione più pesante e prolunga il periodo di trattamento e riabilitazione.

Al momento della frattura, c'è un forte dolore alla caviglia, si può sentire uno scricchiolio.

Le fratture di una caviglia senza spostamento e senza danni significativi ai legamenti sono accompagnate da:

  • il dolore;
  • gonfiore (gonfiore) della caviglia;
  • ostruzione dei movimenti della caviglia.

Con danni più estesi o spostamento di frammenti ossei, si osservano i seguenti sintomi:

Con una frattura di una caviglia, l'edema è più pronunciato dal lato della ferita e con una frattura a due e tre poli, la caviglia si gonfia completamente, l'edema si diffonde spesso nella parte inferiore della gamba. Inoltre, con un ampio movimento delle fratture nella caviglia è impossibile.

Il trattamento prevede l'assunzione di antidolorifici, un bendaggio duro o un calco in gesso. Per le fratture scomposte, viene eseguita la chirurgia.

Una frattura alla caviglia richiede un trattamento immediato e qualificato. Il trattamento inopportuno o inadeguato di tale frattura può portare a una perdita permanente delle funzioni delle gambe, allo sviluppo di danni alle articolazioni della caviglia - artrosi. Complicanze simili possono svilupparsi a seguito del trattamento irrazionale delle lesioni dell'apparato legamentoso, quindi qualsiasi lesione alla caviglia è motivo di trattamento urgente per il medico.

Una delle parti più vulnerabili del corpo è il piede. Il suo danno è in media il 30-40% del numero totale di feriti. Molto spesso viene diagnosticata una frattura della caviglia esterna, causata dalla complessità della sua struttura e delle sue caratteristiche funzionali.

A causa del fatto che l'articolazione (caviglia) allaccia gli elementi ossei della parte inferiore della gamba e il piede stesso, una persona può eseguire vari movimenti del piede, incluso il camminare. La complessità del dispositivo articolare è dovuta al fatto che la connessione delle ossa è dovuta alla cartilagine, che a sua volta può anche essere considerata un sistema piuttosto complicato. Inoltre, la normale funzionalità è fornita dai muscoli, dai nervi, grazie ai quali avviene un lavoro ben coordinato e coordinato, i vasi sanguigni progettati per fornire sostanze nutritive e ossigeno ai tessuti.

È alla caviglia che cade la pressione del peso corporeo e il suo compito è quello di ridistribuire razionalmente il peso mentre si cammina. Pertanto, è molto importante che tutti gli elementi del sistema preservino l'integrità e funzionino come un singolo meccanismo.

Nella struttura del giunto ci sono due ossa della gamba: tibia piccola e grande. Le loro parti distali (inferiori) formano una rientranza in cui il processo dell'osso suprapyatonico (ram) è incuneato. Questo composto costituisce la base del giunto ed è formato dai seguenti componenti ossei:

  • blocco talus;
  • caviglie esterne ed interne;
  • estremità inferiori delle ossa della tibia.

È necessario sottolineare che la caviglia esterna si basa sulla fibula, vale a dire, la sua parte distale e la caviglia interna - la tibia. Considerandolo in modo più dettagliato, è necessario selezionare le superfici esterna e interna, nonché i bordi posteriore e anteriore. Il suo margine posteriore contiene un solco in cui sono fissati i tendini dei muscoli peroneali. Dal lato esterno di essa sono attaccati la fascia articolare (guaina dell'articolazione, tessuto connettivo fibroso) e i legamenti.

Le funzioni principali di questo comune includono quanto segue:

  • è un supporto per il corpo umano;
  • grazie a lui, è possibile esercitare la funzione motoria (camminare, correre, salire le scale);
  • l'articolazione è responsabile del normale funzionamento del piede;
  • consente la rotazione del corpo attorno a sé, senza togliere i piedi dalla superficie del pavimento;
  • responsabile dell'ammortizzazione del busto mentre si cammina.

Cause di lesioni

Ci sono molte cause e fattori che possono causare lesioni agli arti inferiori. Il più comune è considerato come lesione indiretta, quando una persona si infila la gamba. In questo caso si ottiene spesso una frattura scheggiata, aggravata dalla presenza di lussazione o sublussazione della caviglia. Questo può accadere quando si cammina con noncuranza, specialmente se le scarpe sono tacchi alti e la superficie è irregolare, quando si pattina, si regola o si rotola, quando i piedi scivolano via dal gradino. I casi di tali lesioni aumentano nella stagione invernale, quando il terreno è coperto di ghiaccio.

Le lesioni dirette includono i seguenti casi:

  • colpendo la caviglia con un oggetto smussato e pesante;
  • forte pressione sulla gamba da diverse parti (incidente stradale, crollo dell'edificio);
  • rotazione forzata della gamba, mentre il piede stesso rimane fisso (lesioni sportive);
  • cadere da un'altezza significativa al piede.

La maggior parte delle persone non pensa nemmeno che l'una o l'altra delle loro azioni possa influenzare lo stato del tessuto osseo e aumentare il rischio di patologie. Considerare una serie di fattori che aumentano le possibilità di una frattura. Il più comune è la carenza di calcio nel corpo. E questo può portare ad una dieta squilibrata, in cui non ci sono abbastanza alimenti nella dieta con il contenuto di questo elemento. Può anche contribuire alla ricezione di contraccettivi orali di una donna.

Cause fisiologiche di lesioni

Tra le malattie che portano alla carenza di calcio dovrebbe essere evidenziato:

  • patologia surrenale;
  • alcuni disturbi nei reni, nel tratto gastrointestinale, in cui la sostanza è scarsamente assorbita, ma piuttosto rapidamente rimossa;
  • mancanza di vitamina D3 nel corpo;
  • acromegalia: una malattia in cui le funzioni della ghiandola pituitaria anteriore sono compromesse, che può portare ad un aumento di piedi, mani e cranio.

Esistono cause fisiologiche naturali di carenza di calcio. Ad esempio, nell'adolescenza e nell'infanzia, il corpo del bambino è abbastanza intenso e in rapida crescita, quindi è molto importante monitorarne l'assunzione con il cibo in quantità sufficiente. Lo stesso vale per le donne in gravidanza, così come per quelle che allattano al seno. Questi processi sono associati ad un elevato consumo di questa sostanza, che è una sorta di materiale da costruzione per l'organismo emergente e in via di sviluppo.

Spesso le donne affrontano fratture. Dopo l'inizio della menopausa nel loro corpo diminuisce il livello di ormoni, responsabile, tra cui, per la regolazione del metabolismo del calcio.

Il fattore più spiacevole che può causare una violazione dell'integrità dell'osso, anche con un carico minimo, sono anomalie patologiche. Queste malattie includono:

  • osteopatia (malformazione dell'osso);
  • artrosi deformante;
  • l'osteoporosi;
  • condrodisplasia e una serie di mutazioni genetiche (Volkov, morbo di Paget, sindrome di Morfan);
  • tubercolosi delle ossa e delle articolazioni;
  • l'artrite;
  • la sifilide, che porta alla comparsa di focolai di infiammazione nel tessuto osseo;
  • osteomielite;
  • osteitis;
  • la comparsa di cellule tumorali nel tessuto osseo.

I meccanismi di azione sulla caviglia, a seguito della quale la sua integrità è rotta, è consuetudine individuarne tre: puoi ruotare il piede nella direzione interna (ferita supina), puoi - nell'esterno (ferita protettiva) o prenderlo quando la caviglia gira, verso l'interno (ferita rotatoria).

A questo proposito, i traumatologi distinguono diversi tipi principali di danno:

  • Frattura combinata È anche conosciuto come combinato: succede se diversi meccanismi descritti agiscono su un arto allo stesso tempo.
  • Frattura di abduzione e pronazione. Può verificarsi solo quando il piede viene forzatamente invertito verso l'esterno, mentre applica una forza considerevole. In questo caso, la caviglia interna può staccarsi alla base e quella esterna si spezzerà vicino all'articolazione o pochi centimetri sopra di essa, dove la fibula diventa sottile. Ci può essere una complicazione nella forma di rottura del legamento anteriore tibiale e un piccolo spostamento (entro i due millimetri) delle ossa. Se la forza d'urto era significativa, una sublussazione pronunciata emergerebbe con una rottura di due legamenti interfacciali.
  • Frattura della flessione isolata. A sua volta, questa lesione è di due tipi: i bordi posteriore e anteriore della tibia.

Nel primo caso, una frattura risulta dalla flessione forzata della pianta del piede. Tale lesione si verifica raramente e raramente è accompagnata da uno spostamento di frammenti. La sua caratteristica è la presenza di un frammento triangolare di osso.

Per ottenere una seconda lesione sottospecie, è necessario piegare il piede con forza dal lato posteriore. Può anche derivare da un forte colpo alla faccia della caviglia. In questo caso, apparirà anche un frammento frammentario di forma triangolare, ma nella parte anteriore dell'osso. Il più delle volte accompagnato da spostamento di frammenti ossei in alto e in avanti.

  • Frattura rotazionale Osservato come conseguenza di una grave inversione del piede verso il lato interno o esterno. Spesso ci sono danni alle due caviglie nella zona articolare. Può essere accompagnato dal distacco della schiena della tibia. Questo frammento avrà la forma di un triangolo. Se la rotazione dell'articolazione avviene all'esterno, il danno alla caviglia sarà elicoidale. La frattura allo stesso tempo arriverà dal fondo dell'osso verso l'alto, e poi ruoterà verso l'esterno. Nel caso in cui la forza attiva continua la sua pressione, si verificano danno e rottura incompleta dei legamenti della tibia. Inoltre, c'è una frattura alla caviglia a strappo, aggravata dalla rottura del legamento deltoide.
  • Frattura adduzione-supinazione Appare come risultato di una forte rotazione forzata del piede all'interno. Nel processo si verifica la lacerazione dell'estremità superiore della caviglia esterna o la sua frattura nell'area articolare. In una situazione del genere, la linea di frattura è leggermente più alta rispetto al caso della lesione pronazione di abduzione. Potrebbe anche influire sul lato interno inferiore della tibia. Spesso aggravato dalla sublussazione del piede nella parte interna. Se la forza traumatica continua ad agire, causerà una frattura obliqua verticale della caviglia esterna ad apparire.

Classificazione aggiuntiva

Quando un frammento osseo non si è mosso durante una frattura, tale lesione è stata classificata come "senza spostamento". Nel caso in cui la separazione dei frammenti sia superiore a due millimetri, la frattura viene chiamata "con lo spostamento dei frammenti".

Una frattura chiusa della caviglia della tibia destra o della sinistra viene diagnosticata solo se non ci sono danni alla pelle. Una frattura aperta è caratterizzata da una violazione dell'integrità dei tessuti molli nella zona interessata, in cui i frammenti ossei sono visibili o addirittura sporgono.

Quando si verifica un danno a una sola caviglia, si accetta di chiamare una singola frattura tale frattura e, in caso di lesioni sia delle caviglie interne che esterne, è classificata come una caviglia a due ginocchia. C'è un caso di violazione dell'integrità del bordo posteriore o facciale della tibia con danno simultaneo a entrambe le caviglie. Quindi stiamo parlando di una frattura trilobiopatica, che è considerata difficile. Tale lesione è spesso accompagnata da patologie aggiuntive (dislocazione, divergenza delle forcelle articolari, lesione dei legamenti, sublussazione).

La gravità della patologia, la sua natura è direttamente dipendente dalla forza dell'impatto, dal meccanismo della lesione, dalle caratteristiche individuali dell'organismo.

Sintomi indicativi di frattura

Come per qualsiasi altro danno di questo tipo, una frattura alla caviglia è accompagnata da sintomi caratteristici:

  • sensazioni dolorose piuttosto forti che si verificano al momento dell'infortunio e persistono per un lungo periodo, mentre possono dare via alla zona interessata;
  • aumento del dolore durante il tentativo di fare movimenti con la gamba ferita o durante la palpazione;
  • intorpidimento della gamba ferita;
  • violazione della funzione motoria;
  • debolezza generale, vertigini, nausea;
  • deformità degli arti;
  • ematomi;
  • gonfiore o gonfiore dell'arto colpito;
  • brividi e sensazione di freddo.

Se l'integrità dei vasi sanguigni è stata rotta alla frattura, o le terminazioni nervose sono state danneggiate, la pelle diventa pallida nella zona interessata e possono verificarsi alcuni sintomi neurologici, come la perdita di sensibilità.

Di norma, i sintomi si manifestano abbastanza rapidamente, quasi immediatamente dopo l'infortunio, ma in rari casi alcuni di essi possono comparire dopo un po '. È estremamente importante andare immediatamente all'ospedale in modo che un traumatologo esperto possa esaminare la gamba ferita e diagnosticare la frattura nel tempo.

Non è sempre possibile identificarlo da solo. Ad esempio, quando si è verificata una frattura della caviglia esterna senza spostamento, può essere facilmente confusa da segni esterni con un livido o una distorsione. L'area danneggiata è gonfia, c'è un leggero livido, ma non necessariamente. Le abilità funzionali non sono perse, una persona può camminare con un'enfasi sulla gamba interessata e questo processo è limitato alle sensazioni dolorose. Il carico assiale è possibile.

Se viene diagnosticata una frattura con uno spostamento di frammenti ossei, si osserva il bluastra della pelle nella zona interessata, sebbene il suo colore possa essere rosso porpora. La gamba si gonfia, c'è un ampio ematoma, una deformità dell'arto appare, che può essere determinata visivamente. In rari casi, vi è mobilità malsana o crepitio (un caratteristico scricchiolio di frammenti ossei). La vittima non può calpestare la gamba ferita.

Pronto soccorso

Per alleviare le condizioni generali della vittima e prevenire il peggioramento della situazione, è importante fornire il primo soccorso in modo tempestivo e corretto.

È importante! Non spostare mai (torcere, regolare, piegare) il giunto infortunato. Per ridurre il gonfiore e il dolore, dovresti sollevare l'arto più in alto. Per fare questo, viene sollevato con cura, senza toccare l'area interessata, e messo un cuscino, un rullo da una coperta e altri oggetti, in modo da garantire il deflusso del sangue e alleviare i sintomi spiacevoli.

A questo scopo viene applicato anche un impacco freddo. Cibo congelato dal congelatore, vasetti o bottiglie dal frigorifero, solo acqua fredda farà. Il ghiaccio non può essere applicato sulla pelle nuda, provocherà lesioni aggiuntive. Prima dell'uso, versarlo in un contenitore adatto o in un sacchetto di plastica, quindi avvolgerlo con un panno. Questo impacco viene applicato per quindici minuti, dopo di che è necessario fare una breve pausa e ripetere la procedura.

Se fuori c'è una ferita aperta con forti emorragie, dovresti immediatamente interromperlo, con un laccio emostatico che tira l'arto appena sopra il sito dell'infortunio. Prima di trasportare la vittima, è necessario immobilizzare l'arto applicando una stecca. Per questo è possibile utilizzare i materiali disponibili: schede, tubi, cartone spesso. La fissazione viene eseguita con bende, cinture, strisce di tessuto e simili. In caso di dolore grave e intollerabile, puoi somministrare qualsiasi anestetico non narcotico.

Diagnosi e trattamento della patologia

Quando si riceve un infortunio, accompagnato da un dolore prolungato e da sintomi più gravi, è meglio contattare immediatamente il pronto soccorso per evitare un numero di conseguenze indesiderate derivanti da un trattamento sbagliato.

Senza l'uso di studi radiografici eseguiti in due proiezioni, la diagnosi non può essere fatta. In situazioni difficili o incomprensibili, il paziente subisce inoltre un computer o una risonanza magnetica dell'articolazione.

terapia

Quando viene diagnosticata una frattura alla caviglia, il medico è determinato con il metodo di trattamento. La forma conservativa viene utilizzata durante le fratture semplici (senza spostamento). In questa situazione, non c'è spostamento dei frammenti ossei, quindi è sufficiente semplicemente immobilizzare la gamba. Per fare questo, usa un calco in gesso. Le date della sua applicazione vanno da quattro a otto settimane.

La situazione con fratture con dislocamento è un po 'più complicata. In questo caso, il chirurgo deve riportare tutti i frammenti dell'osso danneggiato nella loro naturale posizione fisiologica. La riposizionamento può essere effettuato sia in modo chiuso che aperto (durante l'operazione). È imperativo che l'anestesia locale venga applicata durante questa procedura. Se la frattura viene aggravata dalla sublussazione, il traumatologo regola prima l'articolazione, quindi stringe la forcella della caviglia, riportando le ossa nella posizione normale. Dopo di ciò, l'arto viene fissato con uno stivale di gesso, viene eseguita una radiografia di controllo.

Si raccomanda l'uso di farmaci anestetici e UHF. Quando l'edema scompare completamente, la medicazione in gesso viene fatta circolare (rinforzata). A seconda della gravità del danno, il processo di guarigione può richiedere da un mese a due. Il gesso viene rimosso dalla gamba solo quando l'osso è completamente cresciuto insieme. Per verificare ciò, vengono prese le immagini radiografiche di controllo dell'arto interessato.

Nel caso in cui ci sia una frattura multi-frattura, divergenza delle forcelle articolari, sublussazione del piede, impossibilità di fissare i frammenti e prevenire il loro spostamento con il metodo chiuso, si raccomanda di effettuare un intervento chirurgico. È applicabile anche nei casi in cui la frattura non cresce insieme, l'abilità funzionale è compromessa, o il paziente è preoccupato per il dolore intenso. Per fissare i frammenti si possono usare viti, ferri da maglia in metallo, bulloni o chiodi speciali. Dopo aver completato con successo l'operazione, l'incisione viene suturata a strati, drenata, quindi viene applicato un calco in gesso.

Sono prescritti antibiotici, antidolorifici, esercizi terapeutici e terapie ad altissima frequenza. Durante il periodo di riabilitazione, è necessario seguire rigorosamente le raccomandazioni del medico curante.

Effetti negativi della ferita

Le erbe che non sono accompagnate da spostamento di frammenti ossei, passano rapidamente e raramente sono complicate da effetti negativi. Ci può essere leggero dolore dolorante. Questo di solito è associato al peggioramento delle condizioni meteorologiche o all'esercizio eccessivo della gamba ferita. Come risultato dello spostamento dei frammenti, anche se normalmente sono stati riparati, la lesione può essere aggravata dalla sindrome del dolore distrofico, in cui vi sono forti sensazioni dolorose nel piede e nell'articolazione, che impediscono a un individuo di calpestare la gamba. Questa patologia deriva da danni alle terminazioni nervose e ai vasi sanguigni. Vengono applicati i seguenti metodi terapeutici per trattare la malattia:

  • blocco con novocaina;
  • terapia di paraffina;
  • Elettroforesi novocainica;
  • terapia vitaminica;
  • esercizio terapeutico

Con la giusta terapia, la patologia scompare entro un anno.

Nel caso in cui la vittima non abbia richiesto aiuto in tempo, si sviluppano le conseguenze negative di tale negligenza sulla sua salute. Il tessuto osseo cresce in modo non corretto, di conseguenza, compare un dolore costante, l'arto si deforma, l'articolazione è gonfia, la funzione motoria è compromessa, mentre il paziente si sente instabile, incerto, c'è zoppia. Per eliminare la necessità di un intervento chirurgico.

Una diagnosi tempestiva, un trattamento adeguato e l'adempimento di tutte le prescrizioni del medico curante vi aiuteranno a riprendervi da una frattura il più presto possibile e tornare al ritmo normale della vita.

La caviglia è la posizione più vulnerabile per le lesioni traumatiche. La frattura della caviglia con dislocazione si verifica abbastanza spesso, è difficile da correggere ed è soggetta a recidiva. Può accadere all'improvviso, anche con una camminata tranquilla, scendere o salire le scale.

I processi degenerativi nel tessuto osseo al termine di questa localizzazione svolgono un ruolo significativo e complicano il decorso della malattia. Pertanto, più spesso si verifica una frattura negli anziani.

Cos'è?

La caviglia è chiamata tubercolo osseo che sporge medialmente e lateralmente sopra l'articolazione della caviglia. La caviglia mediale (interna) è un'appendice tibiale e la fibula laterale (esterna). Formazioni anatomiche fanno parte dell'articolazione della caviglia ed è la parte più distale della parte inferiore della gamba.

L'articolazione della caviglia è formata dall'articolazione delle ossa della gamba e del piede. Secondo la struttura, è bolokovy e i movimenti possono essere fatti solo su un piano. La rotazione nel giunto non è possibile con un'angolazione superiore a 65˚. A causa della scarsità di movimenti, questa articolazione è la più stabile ed è in grado di sopportare il carico di tutta la massa corporea di una persona.

Questa articolazione svolge una funzione di supporto, è il più potente meccanismo di deprezzamento del corpo umano, partecipa a qualsiasi attività motoria dell'arto inferiore. La sua stabilità è fornita dall'apparato legamentoso del piede: il legamento fibulare e deltoide.

specie

La frattura della caviglia può essere divisa per localizzazione anatomica:

  1. Frattura della caviglia esterna;
  2. Frattura della caviglia interna;
  3. Frattura bilaterale;

Tutte le fratture senza eccezione, compresa la caviglia possono essere divisi in aperto e chiuso. Secondo il meccanismo della lesione, le fratture si dividono in:

  • Supinazione (adduzione). Si verifica quando si gira la caviglia verso l'esterno. In questo caso, una frattura della caviglia si verifica più spesso con una dislocazione del perone;
  • Pronazione. Chiamato anche abduction. Frattura inversa supinazionale, con esso, il piede viene stretto nell'articolazione della caviglia medialmente. In questa specie, la caviglia mediale è più spesso colpita;
  • Frattura rotazionale Il principale meccanismo di lesione al giro delle caviglie con dislocamento, in quanto vi è un'eccessiva inversione del piede della ricerca o l'interno, a causa della quale c'è un effetto su entrambe le caviglie, si verifica anche un danno al corpo della tibia;
  • Flessione. Fratture spesso isolate, in cui si ha un impatto diretto sul piede posteriore e come una frattura sulla tibia nella zona della sua superficie frontale, una frattura della caviglia mediale;
  • Combinato. Si verifica attraverso una combinazione di diversi meccanismi.

Frattura di due anni

La frattura delle due caviglie è il tipo più comune. Può verificarsi come risultato di:

  1. Adduzione o meccanismo di abduzione;
  2. Cadendo sul piede da un'altezza elevata (con questa vista, non solo è una frattura delle caviglie con un turno, ma è possibile anche una frattura di un ostacolo);
  3. Meccanismo di lesioni rotazionali.

La tripla frattura chiusa viene anche chiamata frattura Pott-Desto. Quando si verifica una frattura di questo tipo, il danno si verifica non solo nell'area delle due caviglie, ma anche lungo il bordo posteriore del corpo tibiale. Questo tipo di frattura sembra la divergenza della "forchetta". È una delle lesioni più difficili in ortopedia e traumatologia.

Chirurgia plastica per fratture con dislocamento

Il trattamento conservativo della frattura della caviglia con dislocazione è quasi impossibile, poiché vi è un'alta probabilità di complicazioni e fusione impropria. Chirurgia più spesso eseguita.

Un altro motivo per scegliere il metodo operativo di trattamento più razionale è la sconfitta dell'apparato legamentoso della caviglia, più spesso una lacrima o una rottura del legamento. Il trattamento consiste nel confrontare i bordi dello spazio e le cuciture.

Per prevenire il ripetersi di danni all'apparato legamentoso, è necessario un riposizionamento affidabile dei frammenti ossei, che viene effettuato utilizzando l'osteosintesi. È possibile condurre due tipi di osteosintesi:

  • Metodo chiuso: utilizzo dell'apparato di Ilizarov. In questo caso, l'osso viene trapanato e i raggi vengono inseriti al suo interno, ovvero la fissazione avviene all'esterno. Per il metodo della caviglia non è il più conveniente a causa della piccola area della parte distale della gamba;
  • Metodo aperto: dalla plastica dell'osso stesso dall'interno.

Quindi, la chirurgia plastica viene eseguita in più fasi:

  1. Accesso alla struttura ossea interessata;
  2. Esiste una revisione dei frammenti ossei, l'eliminazione dell'infrazione (esposizione) dei tessuti molli (apparato legamentoso, fibre muscolari), la sutura dei legamenti danneggiati, l'arresto del sanguinamento mediante legatura (bendaggio) o la cucitura di vasi danneggiati;
  3. Fissazione di frammenti ossei su un metallo rigido (precedentemente rimodellato su un paziente specifico (appositamente montato), solitamente titanio, piastra). Il rafforzamento è fatto con un sistema di viti e viti;
  4. Chiusura dello strato prodotto del campo chirurgico;
  5. Immobilizzazione della benda per intonaco dell'articolazione della caviglia.

reinserimento

  • Esercitare la terapia. Dai primi giorni dopo l'intervento chirurgico, gli esercizi con lo sviluppo del ginocchio, l'articolazione dell'anca della gamba interessata sono autorizzati ad accelerare la circolazione sanguigna, prevenire la trombosi e l'atrofia delle fibre muscolari;
  • Trattamento di fisioterapia Dopo la rimozione di gesso, elettroterapia, bagni di paraffina vengono applicati al sito della frattura e altri metodi, ad eccezione della terapia magnetica;
  • Massaggi. In presenza di gesso, si esegue un massaggio dell'anca e della gamba, dopo la rimozione dell'articolazione della caviglia. Immediatamente dopo la rimozione del gesso, si eseguono movimenti passivi alla caviglia, massaggi con l'uso di unguenti e gel antinfiammatori e riscaldanti per accelerare la microcircolazione e i processi rigenerativi;
  • Dopo aver rimosso l'intonaco, si consiglia di indossare una fasciatura speciale sulla caviglia per una fissazione aggiuntiva dell'articolazione.

Quante cure

La frattura della caviglia con dislocazione media cresce per un periodo di 2-2,5 mesi. In presenza di malattie degenerative dell'osso mentre si indossa il gesso si estende a 3 mesi.

La rimozione del gesso avviene solo sotto il controllo di radiografie, in presenza di callo e segni di completa adesione del danno, è consentito l'avvio di misure di riabilitazione. La riabilitazione dura circa 3 mesi.

Quando posso iniziare a camminare senza le stampelle?

Dopo la rimozione del calco in gesso, la riabilitazione inizia sotto la supervisione di un fisioterapista. I termini in cui è possibile calpestare un arto ferito lo stabiliscono anche in base alla prontezza dell'articolazione della caviglia per il carico imminente e prima che il paziente debba imparare a camminare sulle stampelle per ridurre il carico sull'arto malato.

In media, ci vogliono 2-3 settimane dopo la rimozione del gesso, quando puoi calpestare il piede. Mentre il giunto è in fase di sviluppo, sono necessarie scarpe ortopediche speciali, il cui compito principale è prevenire danni ripetuti.

La camminata terapeutica è una delle principali misure riabilitative per ripristinare la funzione della caviglia. Con un trattamento tempestivo e adeguato, riabilitazione corretta, il paziente dopo la frattura della caviglia con spostamento può funzionare.

La riabilitazione dovrebbe iniziare anche durante il trattamento, mentre viene applicata una benda di gesso sulla gamba o viene eseguita la trazione scheletrica. È importante mantenere una circolazione fisiologica del sangue e della linfa nell'arto colpito.

Come si verifica una frattura della caviglia?

Un colpo diretto alla caviglia porta raramente a una frattura, principalmente quando si osserva una rotazione eccessiva del piede o all'atterraggio da una grande altezza. In questo caso, si distinguono due sottospecie: il meccanismo di pronazione della lesione e il meccanismo di supinazione.

Con una frattura pronazionale, il piede gira verso l'esterno. E in questo caso si verifica il seguente danno:

  • separazione trasversale della caviglia;
  • frattura della caviglia esterna in direzione obliqua - questa opzione è caratterizzata dallo spostamento dei frammenti;
  • rottura di tutti i legamenti dell'articolazione della caviglia - in questo caso, una lussazione del piede si unisce alla frattura della caviglia.

La frattura di supinazione si verifica quando il piede è piegato verso l'interno.

In questo caso, può succedere:

  • separazione trasversale della caviglia esterna;
  • frattura obliqua della caviglia interna con spostamento;
  • rottura dei legamenti e dislocazione del piede.

Se si verifica una caduta sul piede da un'altezza, è possibile ottenere danni a entrambe le caviglie contemporaneamente - una doppia frattura con un offset. Più spesso, una persona atterra su entrambe le gambe, quindi entrambe le caviglie si rompono contemporaneamente.

Manifestazioni cliniche di lesione con spostamento

  1. Il sintomo iniziale di una frattura sarà un attacco di dolore pronunciato alla caviglia.
  2. L'edema nel sito della frattura sta aumentando rapidamente.
  3. In caso di una frattura della caviglia esterna, il piede si flette verso l'esterno. Qui puoi notare una tensione pronunciata della pelle e palpare o vedere i frammenti di osso spostati.
  4. La frattura della caviglia interna, rispettivamente, porta alla deviazione del piede verso l'interno. Si osserveranno anche tensioni cutanee e frammenti ossei. Se una distorsione si unisce alle fratture della caviglia, il piede si flette comunque verso il basso. Qualsiasi movimento nell'area della frattura provoca un aumento del dolore.
  5. Con il danno vascolare si può osservare un ematoma in rapido aumento nell'area della lesione.
  6. Un sanguinamento massiccio in questo caso non avviene, ma può svilupparsi uno shock misto, sia emodinamico che doloroso.
  7. In questo caso, ci sarà un calo della pressione sanguigna, aumento della frequenza cardiaca, pallore della pelle. Più spesso è osservato al giro di entrambe le caviglie in una volta.

Conferma radiologica della frattura

Per determinare la posizione esatta della frattura, la presenza o l'assenza di spostamento, la libera disposizione dei frammenti consente l'esame a raggi X. È necessario scattare una foto da più lati - nelle proiezioni antero-posteriore e laterale.

Una frattura trasversale di solito non è accompagnata da spostamento, e in una frattura obliqua è possibile rilevare lo spostamento di frammenti l'uno rispetto all'altro.

Primo soccorso

L'aiuto per una persona con una frattura deve essere fornito immediatamente dopo l'infortunio:

  1. Al fine di prevenire ulteriori spostamenti di frammenti, è assicurata l'immobilizzazione dell'arto ferito.
  2. Per fare questo, un pneumatico viene applicato al piede dal piede all'articolazione del ginocchio - legno, filo o pneumatico.
  3. In caso di grave contaminazione del sito di frattura, si dovrebbe lavare la gamba, preferibilmente con una soluzione antisettica. Questo è fatto prima di applicare lo pneumatico.
  4. Con grave sanguinamento, un laccio emostatico viene applicato allo stinco per non più di due ore.
  5. L'anestesia viene effettuata solo assumendo i farmaci all'interno. Gli analgesici iniezioni non sono raccomandati a causa della possibile infezione del sito della frattura.
  6. Con i fenomeni di shock, sono necessari supporto cardiaco e terapia infusionale. Naturalmente, queste attività sono svolte da professionisti del settore medico proprio nel luogo in cui si è verificato il trauma.

Video utile sull'argomento

Che altro dovresti assolutamente leggere:

Chirurgia e altri trattamenti

La frattura della caviglia con dislocazione è trattata solo in ospedale. Oltre al trattamento immediato di una frattura, è necessario il supporto di tutto il corpo. A tale scopo vengono prescritti antidolorifici, aiuti alla microcircolazione e vitamine.

Dopo la rimozione del gesso, è necessario un ciclo di farmaci contenenti calcio per rafforzare il tessuto osseo.

Trattamento conservativo

Una frattura conservativa della caviglia con dislocazione può essere trattata in modo conservativo. Per fare questo, utilizzare la riposizionamento dei frammenti a mano, dopo di che viene applicata una benda di gesso.

Secondo i traumatologi, una frattura alla caviglia è una delle lesioni più frequenti delle ossa. Di solito la ferita viene riparata in inverno in quelle aree in cui non viene prestata attenzione alla formazione di ghiaccio e neve. Anche a rischio sono gli atleti, i bambini e le donne che preferiscono le scarpe col tacco alto. Quasi tutti i casi di frattura possono essere spiegati dalla caratteristica anatomica della caviglia, che presuppone il maggior carico di peso.

La frattura della caviglia senza spostamento è un infortunio molto semplice da ottenere. Ma non tutti possono riprendersi completamente da esso. Il 10% di questi casi si risolve in una disabilità, soprattutto nei pazienti anziani. Ciò è spiegato dal fatto che durante il trattamento non solo l'osso è soggetto a recupero, ma la circolazione sanguigna, il lavoro delle articolazioni, nonché l'innervazione dell'area danneggiata.

Informazioni generali

La struttura della gamba include due ossa: l'interno, che ha uno spessore considerevole, e l'esterno - più sottile. Ciascuno di essi passa gradualmente nel processo: sotto, nella zona dell'osso interno si trova la caviglia interna e nella parte inferiore dell'osso esterno si trova la caviglia esterna. Il calcagno con la caviglia forma un'articolazione della caviglia, a causa della quale una persona può camminare.

Con una frattura della caviglia aperta, i frammenti ossei possono spostarsi o meno. In questo caso, si verifica necessariamente un danno ai tessuti molli. Se si verifica una frattura della caviglia chiusa, solo i frammenti vengono spostati nell'osso danneggiato. I tipi più comuni di fratture alla caviglia includono:

  • frattura della caviglia (interna) mediale;
  • frattura della caviglia laterale (esterna);
  • frattura della caviglia esterna con dislocazione;
  • frattura della caviglia esterna senza spostamento;
  • frattura della caviglia interna senza spostamento e con spostamento;
  • frattura della spirale della caviglia.

Un traumatologo può fare una diagnosi accurata conducendo un esame approfondito della vittima e percependo l'area interessata. Dopotutto, è possibile che la ferita possa essere una lesione o una dislocazione grave. Se il paziente avverte dolore e la gamba è gravemente gonfia e si osserva un cambiamento nella forma dell'articolazione, allora, molto probabilmente, si verifica una frattura in questo caso. Per determinare finalmente questo, il paziente è diretto ai raggi X. Sull'immagine catturata puoi vedere chiaramente qualsiasi difetto sull'osso.

Sintomi principali

A seconda del tipo di lesione ricevuta, la vittima può presentare sintomi diversi. Nella forma aperta, quando c'è una violazione dell'integrità dei tessuti molli e della pelle, i frammenti ossei sporgono dalla ferita. Qui l'offset è ovvio, poiché è l'osso danneggiato che ha rotto la pelle e la carne. Una frattura della gamba chiusa è molto più difficile da determinare, poiché i tessuti molli sono danneggiati all'interno e solo la presenza di ematomi minori può indicare gravi lesioni all'arto. Una frattura della caviglia esterna in assenza di spostamento è considerata innocua se parliamo di possibili complicazioni.

La manifestazione dei sintomi dipende non solo dal tipo di lesione, ma anche dalla posizione della rottura ossea. Nel caso di una frattura della caviglia esterna senza spostamento, il sintomo principale è un forte dolore. L'uomo non può appoggiarsi alla sua gamba. Inoltre, vi è un leggero gonfiore dall'esterno della parte inferiore della gamba. La caviglia si piega e si distende, ma tali movimenti sono molto dolorosi. Particolarmente acuto è il dolore, se cerchi di deviare il piede in direzioni diverse.

Con una frattura interna della caviglia con spostamento, la vittima sente un dolore acuto. L'edema appare all'interno della parte inferiore della gamba, levigando i contorni della caviglia. A volte la vittima riesce ancora a stare in piedi e persino a fare dei passi, affidandosi più all'esterno del piede o del tallone. I movimenti articolari sono limitati, il dolore aumenta con il minimo tentativo di muovere un arto.

Quando la parte mediale è distorta da bias, i sintomi assomigliano molto a una frattura senza bias. Tuttavia, poiché i tessuti molli e i vasi sanguigni sono danneggiati, si osserva un gran numero di emorragie. Ciò è dovuto alla presenza di arterie in quest'area. I medici conoscono molti casi in cui i sintomi della frattura erano lievi e il dolore tollerabile. Pertanto, la diagnosi finale può essere stabilita solo dopo aver studiato la radiografia.

Primo soccorso

La prima cosa da fare è rimuovere l'effetto del fattore traumatico. Ad esempio, in caso di incidente stradale, rilasciare la caviglia dalla spremitura. Dopodiché, devi cercare di calmare la persona che è stata ferita, e se c'è una tale opportunità, somministragli antidolorifici. Quindi dovresti chiamare un'ambulanza. È molto importante non fare movimenti bruschi e proibire alla vittima di stare in piedi sull'arto dolorante - questo può provocare uno spostamento che porterà a danni ai vasi sanguigni e alle terminazioni nervose.

Si consiglia di fissare l'arto dolorante con qualsiasi mezzo a portata di mano e, se possibile, con uno speciale pneumatico da trasporto. Una tavola di legno, un pezzo di rinforzo, ecc., Che dovrebbe essere legato alla gamba con una benda o un normale panno, sarà adatto come mezzo improvvisato. Nel caso di una frattura aperta, è preferibile applicare una medicazione sterile per evitare che l'infezione penetri nella ferita.

Se vi è un'emorragia arteriosa che può verificarsi in caso di una frattura della caviglia interna, il laccio emostatico deve essere applicato più in alto della ferita stessa, preferibilmente sulla coscia. Vale la pena notare che in caso di sanguinamento arterioso c'è sangue color scarlatto, che pulsa e scorre rapidamente fuori dalla ferita. Ma con il sanguinamento venoso, il sangue scuro scorre lentamente e senza pulsazioni. In questo caso, è necessaria una benda di pressione.

Nel caso di una frattura chiusa, si consiglia di applicare un raffreddore al punto dolente - può essere usato per ridurre il gonfiore e ridurre il dolore. Se possibile, bisogna fare attenzione che l'arto ferito assuma una posizione elevata. Per questo rullo di adattamento, realizzato personalmente con materiali di scarto. È severamente vietato "dirigere" l'osso da soli. Se necessario, un traumatologo che ha studiato i risultati dei raggi X lo farà.

Caratteristiche del trattamento


Il trattamento della frattura della caviglia con e senza offset è significativamente diverso. Se, dopo l'esame e la radiografia, non viene rilevato alcun bias, viene utilizzato il metodo conservativo. Consiste nell'imporre una benda su un osso rotto, seguita da fissarla con una benda. Eseguendo questa procedura, non è necessario stringere eccessivamente la benda per non interrompere il normale flusso sanguigno.

La benda viene applicata dall'alto verso il basso fino alle dita e quindi il bendaggio continua nella direzione opposta. La vittima deve indossare un gesso per almeno un mese e mezzo, anche se la decisione finale viene presa dal medico curante che, nel determinare il limite di tempo, è guidato dall'età del paziente. Immediatamente dopo la rimozione del calco in gesso, deve essere eseguita una radiografia, sulla base della quale è prescritto il corso di riabilitazione.

Se l'osso è distorto dopo la frattura, il metodo conservativo viene utilizzato solo quando è possibile ripristinare la posizione naturale delle ossa nel modo più preciso possibile. Di norma, in anestesia locale, le ossa ferite vengono posizionate e viene applicato un calco in gesso. In alcuni casi, se il bias si ripresenta, la caviglia viene fissata nell'immobilizzatore.

Con una frattura aperta, viene eseguito un trattamento chirurgico. In questi casi, è molto importante consegnare immediatamente la vittima alla clinica. Durante l'operazione, le ossa danneggiate si appiattiscono e le navi e i tessuti molli danneggiati vengono suturati. Il trattamento successivo per una frattura di questo tipo è uguale a quello per le fratture chiuse. Di solito, in tutte le forme di frattura, i traumatologi prescrivono farmaci antinfiammatori e farmaci che stimolano lo splicing del tessuto osseo.

Periodo di riabilitazione

Le vittime di tali lesioni sono più spesso interessate alla domanda: come curare rapidamente una frattura della caviglia e quanto tempo ci vorrà per recuperare. Va notato immediatamente che la guarigione di ogni persona richiede un tempo diverso, dipende dal tipo di lesione e dall'età della vittima. Dopo aver rimosso l'intonaco, la persona non può calpestare la gamba malata per un po 'di tempo.

Dopo una frattura della caviglia destra o sinistra, è molto importante sottoporsi a un corso di riabilitazione. Alcune attività possono essere eseguite prima della rimozione dell'intonaco, altre sono consentite solo quando la medicazione è già stata rimossa.